O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 22 luglio 2011

La quinta edizione della preziosa iniziativa

PROBLEMI? RIVOLGETEVI
ALLA CASETTA
DEGLI PSICOLOGI

Al “punto di ascolto” si rivolsero l’anno scorso, durante la precedente edizione di “Sotto le stelle in piazzale della pace”, più di cento persone, di età comprese tra i 30 e i 70 anni - Quest’anno resterà aperto da domani, 23 luglio, fino al 16 settembre - “Agli psicologi si affiancherà anche un assistente sociale” - “Nella casetta”, dice Fabrizio Pallini “c’è pure una cassetta delle lettere, all’interno della quale possono essere lasciate segnalazioni o richieste di aiuto”
testo di GABRIELE MAJO
foto di FRANCO SACCÒ (ARCHIMMAGINE)
La recente tragedia della fragilità e della disperazione di via Cavour esemplifica in un modo piuttosto chiaro quelle che sono le finalità che persegue il “Punto di ascolto psicologi in strada”, ovvero cercare di prevenire un gesto estremo, ma anche e soprattutto aiutare a superare le normali problematiche quotidiane della vita: d’estate, infatti, complice la solitudine, si moltiplicano le condizioni di sofferenza, malattia e disagio. La casetta offre a chi ne ha bisogno la possibilità di dialogo con..........
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: