/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

giovedì 28 luglio 2011

Il tifo è uguale per tutti

MA I DISABILI
POSSONO
TIFARE
PARMA
ANCHE
QUANDO
PIOVE?
Stadiotardini.com dell'infaticabile Gabriele Majo ha ripreso una battaglia di Settore Crociato che mira a far proteggere i "diversamente abili" dalla poggia nel settore a loro riservato - Majo ha intervistato un tifoso in carrozzina, Fabio Giarelli e l'assessore con delega ai disabili, Giovanni Paolo Bernini - Auspicabile (con la "benedizione" di Bernini, l'aiuto dei privati, che stanno facendo costruire dalla società G Sport dei comodi e accoglienti "sky box" - Ma perché il Comune non ha provveduto semplicemente ad alzare il parapetto?

Prima Settore Crociato, adesso Stadiotardini.com, e Pramzanblog è ben felice di dare spazio a tutte le iniziative che mirano a tutelare il diritto dei tifosi "diversamente abili" di assistere alle partite casalinghe del Parma anche quando piove. Perché il problema sta qui: i tifosi in carrozzina hanno uno spazio dedicato, ma quando piove si bagnano... Nel frattempo la società G Sport, molto vicina al Parma calcio, sta costruendo 18 "sky box", chiamati "G Lux", confortevoli box con vista campo di calcio, dotati di frigo, tartine, vinelli di quelli buobni e amenicoli vari per il confort degli invitati delle società che li acquistano. Operazione di promotion, insomma, come i box nelle tribune della Formula 1 e come i retropalchi dei sjór... Allora Settore Crociato e Stadiotardini.com si sono detti: perché non pensare ai "salottini" anche per i disabili? Pramzanblog plaude a questa iniziativa, ma aggiunge: tant par cominciär... non si potrebbe alzare il parapetto per proteggerli dalla pioggia? Se poi qualche privato pensa anche ai "salottini" per disabili, tanto di guadagnato. E il Comune? Il Comune che ha riservato l'area, che ha creato i servizi dedicati, che, insomma, ha esercitato il "dovere" di pensare anche alla loro realtà, non avrebbe potuto intervenire? E magari anche d'urgenza? Comunque Majo non è tipo da star lì ad aspettare che piova la manna dal cielo e così è andato a intervistare un tifoso in carrozzina, Fabio Giarelli, per raccogliere il suo grido di dolore e poi, alla maniera di quelli di Striscia la notizia, è andato anche a "sfruculiare" l'assessore con delega ai disabili, Giovanni Paolo Bernini, il quale gli ha concesso una lunga ed esauriente intervista. L'assessore ha riconosciuto l'incapacità dell'amministrazione di garantire "partite asciutte" ai tifosi diversamente abili , ha auspicato un maggiore impegno e ha "benedetto" (del resto non si chiama Giovanni Paolo?) l'eventuale disponibilità dei privati a dare una mano. Vedremo come andrà a finire. Comunque complimenti a Settore Crociato e a Stadiotardini.com che hanno messo il dito nella piaga. (a.m.)
(Nelle foto: 1) I confortevoli "sky box" di G Sport; 2) L'assessore Giovanni Paolo Bernini; 3) Il tifoso Fabio Giarelli)
STADIOTARDINI.COM
L'INTERVISTA A BERNINI
L'INTERVISTA A GIARELLI

Nessun commento: