/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

lunedì 25 luglio 2011

Filippo Oppici dal mondiale di deltaplano -1-

A PIÓVA E
A TIRA 'L VÉNT:
PÉS CHE 'CSÌ
A N' S' PÓL MIGA
(mo intant
a sèmma primm)

"Relazione" a metà tra l'annoiato e il divertito, con numerosi sconfinamenti dialettali, del campione parmigiano (strajè a Mendon, Massachusetts) che partecipa con la nazionale azzurra al torneo iridato in Umbria - A causa della pioggia e del vento finora è stata conclusa soltanto una prova - "Tutt i dì i s' ciamon ala partensa tant par slongär la suppa, mo po dopa i s' mandon a ca" - "C'è ancora la possibilità virtuale di disputare quattro prove, ne basterebbe una per rendere valido il mondiale" - "Par fortón'na a gh'ò chì me mojéra, acsì a s' pól ciciarär un po"

di ACHILLE MEZZADRI
Seguire, in questi giorni, sul sito Internet del mondiale di deltaplano che si svolge (dovrebbe svolgersi) a Sigillo, sul Monte Cucco, in Umbria, è roba da far venire la depressione. Task cancelled, prova annullata, è il ritornello quotidiano. It's raining, sta piovendo. Strong wind, vento forte. E la galleria fotografica si riempie di nuvole minacciose e volti tra il triste e l'annoiato. Contattto telefonico con Filippo Oppici, pramzàn di Mendon, Massachusetts, campione mondiale uscente (a squadre) che è qui per bissare il successo ottenuto due anni fa in Francia. "Mäi visst 'na roba compagna in vintisinch ani 'd carriéra...", dice rispolverando l'amato dialetto. "Non c'è niente da dire, questo mondiale è dominato dal maltempo. Tutt i dì i s' ciàmon ala partensa tant par slongär la suppa, mo po dopa i s' mandon a cà. Tutt i dì... Ormai mancano quattro giorni alla fine, quattro possibilità ancora per gareggiare, quattro prove. Ne basterebbe una valida per convalidare il mondiale, ma speriamo di gareggiare di più. Par fortón'na a gh'ò chì me mojéra, Cristina, acsì a s' pól ciciarär un po". La prende sul ridere, per fortuna. "E poi almeno una bella notizia, finora, c'è: intant a sèmma primm. Dopo l'unica prova disputata finora la nazionale azzurra, di cui faccio parte, è prima, grazie alle nostre tre "punte di diamante", che sono Alessandro Ploner, Christian Ciech e Elio Cataldi. Ma anche il mio contributo e quello degli altri azzurri è importante perché dobbiamo essere pronti a sopperire a eventuali "defaillance" delle nostre punte. Adésa stèmma chì e spetèmma. C'è poco da divertirsi. Speriamo almeno, alla fine di tutto, di conservare il titolo mondiale a squadre. Sèmma chì par cosst". (a.m.)
(Nelle foto: 1) Filippo Oppici tra le nubi; 2) Così si presentava la zona di partenza questa mattina...)
(Correzione delle parti dialettali di Giuseppe Mezzadri)

Nessun commento: