O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 9 giugno 2011

Una foto, una storia -194-

IL SACRIFICIO
DI ANTONIO TURI

Parma non ha mai dimenticato il sacrificio di un giovane immigrato, Antonio Turi, 19 anni, che il 5 maggio 1969 perse la vita nelle acque del torrente Parma dopo aver salvato una persona che stava annegando. In città venne attivata allora una sottoscrizione per aiutare la famiglia, di cui Antonio era l'unico sostegno e nel 1970 il Comune fece porre una lapide sul ponte Bottego, ribattezzato poi Ponte delle Nazioni dopo la ricostruzione. Per rivivere quel drammatico momento basta cliccare qui sotto e leggere la nuova puntata della rubrica "Una foto, una storia", che Giovanni Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti.
UNA LAPIDE PER ANTONIO

Nessun commento: