/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

sabato 4 giugno 2011

Tamara Baroni "international"

"TAMARA LA PARMIGIANA"
SBARCHERÀ DAL WEB
NELLE LIBRERIE
(MA IN PORTOGHESE...)

La famosa autobiografia lanciata l'anno scorso su Internet dall'ex attrice dopo che era stata rifiutata dagli editori italiani e che è già stata letta in Italia da migliaia di lettori, avrà presto un editore in Brasile, il Paese dove la Baroni vive
Gli editori italiani se l'erano fatta sotto quando Tamara Baroni aveva proposto loro, anche con l'aiuto di Pramzanblog, la pubblicazione della sua autobiografia, intitolata Tamara la parmigiana (che è scaricabile nella colonna qui a fianco). Qualcuno adduceva la scusa che ormai Tamara, famosissima negli anni Sessanta e Settanta, era ormai un personaggio obsoleto. Altri facevano capire che nel libro erano citati troppi personaggi importanti dell'imprenditoria italiana e che... era meglio essere prudenti. Ma Tamara è un "peperino" che non si lascia schiacciare facilmente e così, decisa a far conoscere la verità sulle vicende che la sbatterono in prima pagina, pubblicò il suo libro sul Web, con l'aiuto tecnico del papà di Pramzanblog, che poi presentò il libro in una conferenza stampa l'8 febbraio 2010, con un collegamento video con il Brasile. Quel libro è stato letto da migliaia di lettori (in barba agli editori italiani) e presto sbarcherà nelle librerie... in Brasile. In occasione della festa della Repubblica italiana infatti Tamara Baroni, a Natal, ha incontrato il console italiano di Recife, Francesco Piccione, che, essendo anche proprietario di due case editrici, ha deciso di lanciare il libro in Brasile, pubblicandolo in portoghese. Piccione, figlio di una somala e di un italiano, in precedenza è stato console al Cairo, a Cipro, in Congo, in Senegal e in Corsica. Ora il libro dovrà essere tradotto in portoghese, dopodichè arriverà nelle librerie. Non è da escludere che in seguito ci sia un'edizione in inglese. Andrà a finire che gli editori italiani compreranno i diritti di Tamara la parmigiana dall'estero?
(Nelle foto: 1) Tamara Baroni con Francesco Piccione, console di Recife ed editore; 2) La copertina di "Tamara la parmigiana", pubblicato sul Web)

2 commenti:

piero ha detto...

che schifezza di pseudo libro.ti credo che nessuno lo vuole pubblicare, ma poi mi chiedo che ci si trova di cosi interessante in una storia di un p........e che passava da un letto ad un altro. stà bene in brasile.e che ci resti.

joe ha detto...

Tamara Baroni, se avesse avuto qualcosa da dire, l'avrebbe dovuto fare prima. Ora , in Brasile, non fa che spandere fango sull'Italia e , in copertina del suo libro "bomba" mette una propria immagine "sexy", tipo specchietto per le allodole. Trovo tutto ciò disgustoso. Resti in Brasile con Cesare Battisti.