/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

mercoledì 29 giugno 2011

Le interviste di Pramzanblog: il Trio Amadei

I TRE FRATELLI
DELLA MUSICA
Figli di una pianista, Liliana, Marco e Antonio Amadei, da bambini si sono alimentati a latte, omogeneizzati e note - Ora, con il loro Trio di musica da camera, hanno fama internazionale e organizzano anche il Festival Valceno Arte, che inventarono otto anni fa - Liliana: “A sei anni il mio primo violino me lo portò Santa Lucia” - Marco: “A Parma non potevamo continuare a contare sulla pazienza dei vicini, così ho trovato casa a Vianino, lo stesso paese dove ora vivono anche i miei fratelli” - Antonio: “Faccio parte dell’Orchestra Mozart di Claudio Abbado e ho provato la grande emozione, recentemente, di suonare al Teatro Farnese”
di ACHILLE MEZZADRI
La Valceno, d’estate, si inonda di musica e di arte. Grazie a tre fratelli, Liliana, Marco e Antonio Amadei, che otto anni fa inventarono il Festival Valceno Arte, attualmente in corso di svolgimento. Ma i fratelli Amadei non sono soltanto organizzatori di eventi. Sono musicisti veri, a tutto tondo. E che musicisti. Con la loro musica da camera (Liliana al violino, Marco al pianoforte, Antonio al violoncello) hanno acquisito fama internazionale, li chiamano di qui e di là, tengono alta la bandiera di Parma. Insomma, sono anche loro dei benemeriti e meriterebbero, se ci fosse, un Oscar della parmigianità. Intanto li facciamo entrare, di filato, nella galleria degli intervistati di Pramzanblog. Per cominciare, inquadriamoli anagraficamente. Sono nati tutti e tre a..............
LEGGETE L'INTERVISTA COMPLETA

Nessun commento: