O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 6 giugno 2011

La nuova puntata di "Su il sipario"

LA SIGNORA
DI PARMA LIRICA
E "MATILDE
DI CANOSSA"

Questa settimana Paolo Zoppi apre la sua bella rubrica "Su il sipario" con l'intervista a Patrizia Monteverdi, "anima" preziosa e insostituibile della storica associazione musicale presieduta da Paolo Ampollini - La rubrica comprende anche il resoconto della prima assoluta dell'opera "Matilde di Canossa", di Giovanni Bertolani, al Teatro Valli di Reggio Emilia
Le signore della lirica pramzàna sono più d'una, ma la "signora di Parma Lirica", la storica associazione musicale presieduta da Paolo Ampollini, è una sola: Patrizia Monteverdi, oltretorrentina doc. Paolo Zoppi l'ha intervistata e ne è uscita una chiacchierata molto interessante, tutta da leggere. La puntata di oggi comprende anche il resoconto della prima assoluta dell'opera "Matilde di Canossa", del compositore - avvocato Giovanni Bertolani, che è andata in scena con successo al Teatro Valli di Reggio Emilia, con il soprano Lorena Campari interprete principale. Ha diretto il maestro Stefano Giaroli. Applausi anche per il Coro Lirico dell'Opera di Parma diretto da Emiliano Esposito.
(Nelle foto: 1) Patrizia Monteverdi; 2) Gli interpreti di "Matilde di Canossa" ricevono gli applausi del pubblico)
LEGGETE SU IL SIPARIO

Nessun commento: