O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 21 maggio 2011

Una foto, una storia -189-

E LA GAZZETTA
TITOLÒ:
"È GUERRA!"
Ricordate l'Operazione "Desert Storm"?, la celebre "Tempesta nel deserto" in territorio iracheno? Furono momenti che ci fecero stare con il fiato sospeso. Dove avrebbe portato quell'operazione bellica che vedeva impegnate le forze della coalizione contro le truppe di Saddam Hussein? Si sarebbe potuto allargare il conflitto? Erano interrogativi che tutti si ponevano. Sulla "Gazzetta di Parma" del 18 gennaio 1981 c'era l'inquietante titolo "E' guerra!", sullo stesso tono dei giornali di tutto il mondo. Che momenti! Per ricordarli, cliccate qui sotto e leggete la nuova puntata della rubrica "Una foto, una storia", che Giovanni Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti.
E LA GAZZETTA TITOLÒ: "È GUERRA!"

Nessun commento: