/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

mercoledì 18 maggio 2011

Pubblichiamo "Sotto identiche cose"

TAMARA, LA POETESSA
Dopo "Tamara, la parmigiana" e "La mia India", Pramzanblog svela l'animo poetico di Tamara Baroni, la parmigiana più famosa degli anni Sessanta, da anni "strajäda" in Brasile, ripubblicando il suo libro di poesie "Sotto identiche cose" del 1982

Ragazza copertina, modella, attrice, imprenditrice, madre di famiglia. Ma anche poetessa. Ecco, in sintesi, Tamara Baroni, parmigiana "strajäda" a Natal, Brasile, che ora Pramzanblog, dopo averla "scovata" nel suo rifugio brasiliano tre anni fa, vuol far conoscere anche attraverso il suo animo poetico, che anni fa produsse una raccolta di poesie di tutto rispetto, Sotto identiche cose. Sono ancora molti i parmigiani (le abitudini sono dure a morire) che identificano Tamara ancora nella stereotipata "ragazza di Bubi" degli anni Sessanta, anche se Tamara ha fatto di tutto, da allora, per far relegare quell'immagine nella valigia dei ricordi. Perché da allora di cose ne ha fatte, e non poche, e non di scarsa importanza. L'attrice di teatro, per esempio (non solo filmetti di serie B), e la madre di famiglia, e la poetessa, appunto. "Sotto identiche cose", ci ha detto Tamara dal Brasile "fu stampato nel maggio del 1982 dalla Elle Emme Edizioni di Milano, he aveva la sede in corso Concordia 8. Io a quel tempo facevo parte del Gruppo Intrapresa, con a capo Gianni Sassi e scrivevo per la loro rivista, Alfabeta. Fui incitata da altri poeti del gruppo a riunire le mie poesie nella raccolta Sotto identiche cose. Ne derivò anche uno spettacolo, Una dama e quattro poeti, rappresentato al Teatro di Porta Romana, nel quale, assieme a Corrado Costa, Antonio Porta, Michelangelo Coviello e Arrigo Lora Totino, con la regia di Lorenzo Vitalone, lessi le mie poesie. "E come andò?", abbiamo chiesto a Tamara. "Benissimo. Una dama e quattro poeti ottenne critiche tutte positive. Poco tempo dopo mi trasferii in Brasile e della mia raccolta poetica si occuparono i miei amici - colleghi, che si presero carico della distribuzione. Io poi in Brasile scrissi, in portoghese, Constelação mulher, che pure ebbe un buon successo di critica e mi aprì le porte dell'Academia de las letras".
(Nelle foto: 1) La copertina di "Sotto identiche cose"; 2) La locandina dello spettacolo "Una dama e quattro poeti"; 3) Tamara Baroni durante il recente viaggio in India)
LEGGETE "SOTTO IDENTICHE COSE"

Nessun commento: