O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 29 maggio 2011

La scomparsa dell’arbitro Arnaldo Prati

“CIAO BIBI, FISCHIETTO
GENTILUOMO”
Prati, ottimo arbitro di serie A negli anni Settanta, viene ricordato su Pramzanblog da uno dei suoi amici più cari, Alberto Michelotti - “Era un uomo dal cuore buono, una persona di bontà squisita, questa è una grande perdita per lo sport parmense” - “Quando diventai “internazionale” lo portai più volte con me come assistente” - ”Ricordo che in un Malta - Bulgaria, a Malta, con i bulgari in vantaggio 3 a 0, non alzò la bandierina per un evidentissimo fuorigioco di un maltese” - “Gli chiesi spiegazioni, mi rispose: “Povrén, stanno già perdendo 3 a 0...” - Il ricordo dei colleghi nei vigili urbani, la carriera che intraprese dopo il calcio: “Una grande persona anche con il fischietto da vigile”












di ACHILLE MEZZADRI

Viene da dire “il fischietto gentiluomo”. Sì perché Arnaldo Prati, detto Bibi dagli amici, scomparso oggi attorno a mezzogiorno, a 72 anni, viene ricordato da tutti, a Parma, come una gran brava persona, un uomo buono, generoso, altruista, sia quando usava il fischietto come arbitro durante le partite di calcio di serie A e B, negli anni Settanta, sia quando usava il fischietto come vigile urbano per le vie di Parma. Insomma, proprio un galantuomo, forse fin troppo, al quale è mancato probabilmente quel mordente, quel carisma, quella straordinaria personalità che hanno fatto di Alberto Michelotti, suo amico e maestro.........
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: