O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 3 maggio 2011

Gli echi della cena - festa del 30 aprile -3-

GLI ANEDDOTI PRAMZÀN
DI GIUSEPPE MEZZADRI

Paolo Zoppi, che ha mirabilmente presentato la serata della cena - festa di Pramzanblog, l'ha definito "parmigianista". Termine appropriato, perché Giuseppe Mezzadri è davvero un cultore della lingua, della storia, delle tradizioni della nostra città. Così la sera del 30 aprile, alla cena - festa per il terzo compleanno di Pramzanblog, ha deliziato i presenti con una piccola e gustosissima serie di aneddoti. Potete assistere alla sua esibizione gurdando il video che abbiamo inserito in Pramzanblog Tv, il canale YouTube di Pramzanblog.
GLI ANEDDOTI PRAMZÀN DI GIUSEPPE MEZZADRI

Nessun commento: