O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 3 maggio 2011

Gli echi della cena - festa del 30 aprile -2-

STRAJÈ, GUARDATE
CHE ARTICOLO
CI HA DEDICATO
LA "GAZZETTA"!
Lo storico quotidiano, amato dai parmigiani da 276 anni, ha riservato quasi mezza pagina alla cena - festa di sabato, con un bell'articolo di Lorenzo Sartorio - Lo pubblichiamo per consentirne la lettura a tutti gli strajè pramzàn

Anche la Gazzetta di Parma cartacea, dopo quella sul Web, ha dato ampio risalto al terzo anniversario di Pramzanblog. Anzi, il giornale diretto da Giuliano Molossi ha addirittura riservato quasi mezza pagina all'evento, con un articolo scritto come sempre in punta di penna, ma soprattutto con il cuore, da Lorenzo Sartorio (uno dei vessilliferi della parmigianità più genuina), corredato da ben quattro fotografie. Sarebbe inutile ripubblicarlo qui, visto che non esiste parmigiano, a Parma, che non legga la "Gazzetta". Ma in Italia e nel mondo ci sono gli strajè e non tutti hanno la possibilità, o per abbonamento o per acquisto diretto, di leggere l'edizione stampata. Quindi, ben consapevole che moltissimi strajè passano "da queste parti" (cioè visitano quotidianamente Pramzanblog) è con grande piacere che riproduciamo il servizio di Sartorio. Inviando a lui e a Molossi il nostro più caloroso0 ringraziamento. (Balestrazzi, responsabile dell'edizione Web, l'abbiamo già ringraziato ieri). Viva lo spirito pramzàn.
CLICCATE SULLA FOTO PER INGRANDIRLA
(se dopo aver cliccato la prima volta cliccate ancora si ingrandisce ancora di più)

Nessun commento: