/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

martedì 31 maggio 2011

Grande serata di musica sul piccolo schermo

STASERA SU TV PARMA
IL CONCERTO
AL DEL CARMINE

Va in onda alle 20,30 sull'emittente cittadina il concerto di venerdì scorso all'Auditorium del Carmine con Anna Maria Chiuri che ha ricevuto il premio "Dal labro il canto" degli Amici della Musica Cral CariParma

Echi dei "Carmina Burana"

CERTO CHE LA CORALE...

Da amici di Parma ci arrivano due foto dell'eccezionale recente rappresentazione dei "Carmina Burana" di Carl Orff all'Auditorium Paganini - Le pubblichiamo soprattutto come omaggio agli straordinari coristi della "Verdi", assoluta eccellenza musicale della nostra città
(CLICCARE SULLE FOTO PER INGRANDIRLE)

Aria di Parma in California

LUCA, IL PICCOLO GATSBY,
SALUTA GLI AMICI
PRAMZÀN DA PASADENA

Piccoli parmigianini crescono, anche in California, e questo splendido bambino in atteggiamento da ... Grande Gatsby (nel riquadro Robert Redford nel film del 1974) è Luca Vallisneri, 16 mesi, figlio dei parmigiani Elisa e Michele Vallisneri, fisico teorico del California Institute of Technology della Nasa, a Pasadena, in California. Una foto straordinaria (cliccate per ingrandirla): come poteva non entrare nella galleria virtuale di Pramzanblog? Complimenti ai genitori. Ma ci sono altre foto molto carine da vedere: cliccate qui sotto.
LA GALLERIA DI LUCA

Un bel raduno alla Corale Verdi

I RAGAZZI DEL '55
HANNO FESTEGGIATO
I 150 ANNI
DEL ROMAGNOSI

Sotto il pergolato della "Corale", rispettando una consolidata tradizione, si sono riuniti i vecchi compagni di scuola dello storico liceo cittadino
Anche quest’anno si sono ritrovati. Nello stesso posto che è ormai una tradizione. Sotto il pergolato della Corale Verdi sorvegliato dallo sguardo severo del grande Peppino.
Qualcuno mancava, ma, per fortuna solo per motivi contingenti. Graziano B, per esempio, doveva riprendersi dalle fatiche del ballottaggio di Pisapia appena terminato. Le ragazze erano solo quattro, naturalmente corteggiatissime, ma erano già abituate dai tempi del liceo. Esattamente 56 anni fa, di questi giorni, stavano preparandosi alla maturità. Ma quel ricordo si è un po’ perso nel tempo sostituito da quello che si chiama vita vissuta. Il pranzo è stato degno della fama dell’impareggiabile Sante, con particolare riguardo alle pappardelle al sugo d’anatra. Qualcuno ha giurato di avere visto in cucina ancora tracce delle piume del volatile. Purtroppo non c’era Giorgio a testimoniare se il sugo invece veniva da Ravadese. In ogni caso era veramente squisito.
Luigino ci ha risparmiato la lettura delle sue poesie esibendo una giustificazione per gravi sofferenze alle anche. Qualcuno ha insinuato che se la sia scritta da solo perché i suoi genitori sono mancati da molto tempo. In compenso, prima del pranzo, la professoressa Rosanna Greci ha tenuto una interessantissima, profonda prolusione sui 150 anni di storia del Liceo Romagnosi, suscitando scroscianti applausi, e tanta fierezza, quando ha citato i numerosi allievi che sono entrati nella storia del nostro Paese. Altrettanta commozione ha colto tutti i presenti quando Luigi B. ha voluto commemorare la scomparsa di Paolino Pedretti avvenuta vent’anni fa. Dopo il pranzo e dopo le foto ricordo il gruppo si è ridotto man mano che partivano quelli venuti da lontano, da Genova, da Bologna, da Milano, da Rimini. Alcuni irriducibili sono rimasti fino a tardi, mentre nell’aria si diffondeva l’inconfondibile profumo dei tigli mescolato a non poca malinconia. (l.m.)

Una foto, una storia -193-

I DIN DON DAN
SONO
ELETTRONICI

Nostalgia del tempo dei campanari? Be', un po'. Mestiere antico, faticoso, cancellato dal progresso. Da anni, da molti anni, non c'è più bisogno del campanaro per azionare le campane del Duomo e delle altre chiese cittadine. Ha vinto il progresso, l'elettronica. Volete vedere come vengono attivate le campane di Parma? Basta cliccare qui sotto e leggere la nuova puntata della rubrica "Una foto, una storia", che Giovanni Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti.
CAMPANARO ADDIO

lunedì 30 maggio 2011

La bella trasmissione di Giovanni Paolo Tv

LA TERZA PUNTATA
DI "SOCUÀNT MINÙD
IN DJALÈTT PRAMZÀN"
(seconda edisjón)
Continua con successo la seconda serie di Socuànt minùd in djalètt pramzàn, con al méstor Malètt e i suoi discepoli - Abbiamo modificato la veste grafica dei nostri servizi dedicati al programma per rendere più facile ai lettori l'apprendimento dal djalètt pramzàn
- Da questa settimana aggiungiamo anche un glossario
Non era facile ripetere il successo di Socuant minùd in djalètt pramzàn, ma al méstor Malètt e i suoi discepoli, con la nuova serie ci stanno riuscendo alla grande. E grande merito vada alla piccola grande emittente Giovanni Paolo Tv per la bellissima idea di inventare un programma con le lezioni del nostor bél djalètt pramzàn. Pramzanblog, come l'anno scorso, segue con grande attenzione la trasmissione e la "affianca", non soltanto "programmando" le puntate nel suo canale Youtube, Pramzanblog Tv, m con servizi che riassumono i contenuti, corredati da un glossario e dai proverbi e detti popolari. Viva al djalètt pramzàn.


TERZA PUNTATA: L'ARTICOLO
TERZA PUNTATA: IL FILMATO

La nuova puntata di "Su il sipario"

STANDING OVATION
PER I "CARMINA"
IL PREMIO
AD ANNA MARIA CHIURI

Il resoconto di due grandi eventi musicali nella puntata di oggi della rubrica "Su il sipario" di Zoppi: la straordinaria esecuzione dei "Carmina Burana" di Carl Orff all'Auditorium Paganini e la consegna del premio "Dal labro il canto" al mezzosoprano Anna Maria Chiuri, nel corso del suo applauditissimo recital all'Auditorium del Carmine
Un'altra puntatona. Paolo Zoppi ci propone questa volta il resoconto di due grandi serate di musica, una all'Auditorium Paganini, l'altra all'Auditorium del Carmine. Al "Paganini", evento musical-benefico (l'introito è andato all'Hospice Piccole Figlie Centro cure palliative), con la straordinaria esecuzione da parte della mitica Corale Verdi diretta da Fabrizio Cassi, assieme ad altri validissimi interpreti, dei Carmina Burana di Carl Orff. Al "Del Carmine" altra serata di grande musica con il recital del mezzosoprano Anna Maria Chiuri, che ha ricevuto il premio "Dal labro il canto", promosso dall'Associazione Amici della Lirica del Cral Cariparma. Un premio alla sua prima edizione, ma già con l'ambizione (e ci riuscirà) di diventare uno dei punti di riferimenti del panorama lirico nazionale.
(Nelle foto: 1) Un momento della rappresentazione dei “Carmina Burana” all’Auditorium Paganini. In primo piano i tre solisti, da sinistra Azusa Kinashi, Davide Urbani e Kim Se Yun. Ai lati i due pianisti Davide Cavalli (a sinistra) e Manila Santini (by Elisa Contini per Parma.Repubblica); 2) Il mezzosoprano Anna Maria Chiuri con il premio “Dal labro il canto” (by Patrizia Monteverdi)
LEGGETE SU IL SIPARIO


domenica 29 maggio 2011

La scomparsa dell’arbitro Arnaldo Prati

“CIAO BIBI, FISCHIETTO
GENTILUOMO”
Prati, ottimo arbitro di serie A negli anni Settanta, viene ricordato su Pramzanblog da uno dei suoi amici più cari, Alberto Michelotti - “Era un uomo dal cuore buono, una persona di bontà squisita, questa è una grande perdita per lo sport parmense” - “Quando diventai “internazionale” lo portai più volte con me come assistente” - ”Ricordo che in un Malta - Bulgaria, a Malta, con i bulgari in vantaggio 3 a 0, non alzò la bandierina per un evidentissimo fuorigioco di un maltese” - “Gli chiesi spiegazioni, mi rispose: “Povrén, stanno già perdendo 3 a 0...” - Il ricordo dei colleghi nei vigili urbani, la carriera che intraprese dopo il calcio: “Una grande persona anche con il fischietto da vigile”












di ACHILLE MEZZADRI

Viene da dire “il fischietto gentiluomo”. Sì perché Arnaldo Prati, detto Bibi dagli amici, scomparso oggi attorno a mezzogiorno, a 72 anni, viene ricordato da tutti, a Parma, come una gran brava persona, un uomo buono, generoso, altruista, sia quando usava il fischietto come arbitro durante le partite di calcio di serie A e B, negli anni Settanta, sia quando usava il fischietto come vigile urbano per le vie di Parma. Insomma, proprio un galantuomo, forse fin troppo, al quale è mancato probabilmente quel mordente, quel carisma, quella straordinaria personalità che hanno fatto di Alberto Michelotti, suo amico e maestro.........
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

sabato 28 maggio 2011

La rassegna "Musica intorno al fiume"

SUONA A BRESCELLO
L'ORGANO
DI DON CAMILLO

Grande musica domani sera nella chiesa di Santa Maria nascente, nel paese dove fu girato lo straordinario ciclo cinematografico di don Camillo e Peppone - Concerto con il soprano Mimma Briganti e l'organista Stefania Mettadelli, che darà vita al prezioso organo settecentesco dei fratelli Benedetti, recentemente restaurato

Volete riassaporare la magica atmosfera dei film di don Camillo? Entrare nella chiesa di Santa Maria Nascente dove Fernandel interpretò magistralmente la figura del prete inventato dalla fantasia di Giovannino Guareschi? Ascoltare i suoni dell'organo settecentesco dei fratelli Benedetti, recentemente restaurato? Allora domenica sera non vi resta che "fare un salto" a Brescello, (comune reggiano, va bén, ma a poco più di una ventina di chilometri da Parma, in linea d'aria) perché alle 21, potete assistere a un concerto di assoluto valore, inserito nella nona edizione della rassegna "Musica intorno al fiume", cominciata il 20 marzo e che si concluderà a Mezzano Inferiore il 18 dicembre. Concerto con musiche sacre del repertorio settecentesco e ottocentesco e con due validissime interpreti, l'organista Stefania Mettadelli e il soprano Mimma Briganti.

(Nelle foto: 1) L'organo della chiesa di Brescello e don Camillo; 2) Mimma Briganti; 3) Stefania Mettadelli)

Una foto, una storia -192-

LA TRAGEDIA
DEL CORNOCCHIO
Centocinquantaquattro civili morti sotto le bombe americane quel tragico 2 maggio 1944, al Cornocchio. Una delle date più tristi della storia di Parma, che viene ricordata da una stele nel luogo del bombardamento, a eterno monito per denunciare gli orrori di tutte le guerre. Giovanni Ferraguti ha fotografato il monumento e ha inserito la foto nella puntata odierna di "Una foto, una storia", che firma con lo pseudonimo di Gion Guti. Cliccate qui sotto.
LA TRAGEDIA DEL CORNOCCHIO

venerdì 27 maggio 2011

Una foto, una storia -191-

LA MADONNA
DI FONTANELLATO
A PARMA

La devozione dei parmigiani per la statua della Beata Vergine del Rosario che regge Gesù Bambino e che è esposta sull'altare del Santuario di Fontanellato, è ben nota. Da secoli i parmigiani (e non soltanto loro) si recano al Santuario, anche a piedi, per chiedere una grazia a quella che chiamano la "Madonna di Fontanellato" o anche la "Madonna dei bambini". Ed è festa grande, a Parma, quando periodicamente, per una tradizione che si rinnova dalla fine del Seicento, la Madonna viene trasportata nella nostra città, dove resta esposta in Duomo per una settimana. Nella puntata odierna di "Una foto, una storia", che Giovanni Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti, vediamo un arrivo a Parma della statua della Vergine negli anni Settanta. Cliccate qui sotto.
LA MADONNA DI FONTANELLATO A PARMA

giovedì 26 maggio 2011

Un nuovo video di Pramzanblog Tv

CHE TALK-SHOW:
MALÈTT E MICLÒT
Durante la cena-festa per il terzo compleanno di Pramzanblog, il 30 aprile scorso alla Corale Verdi, ci fu un gustoso intermezzo, spiritosamente definito da Paolo Zoppi, il "Mezzadri show", un talk-show con due icone della parmigianità, Enrico Maletti e Alberto Michelotti - Lo riproponiamo sul nostro canale di YouTube

Ci eravamo proposti di offrire ai lettori, piano piano, senza fretta, uno dopo l'altro, i momenti più gustosi della cena-festa che il 30 aprile scorso fu celebrata alla Corale Verdi per il terzo compleanno del nostro giornäl-blòggh tutt pramzàn. Abbiamo già fatto vedere il "Va pensiero" cantato da tutti i presenti, e lo spiritoso monologo di Giuseppe Mezzadri, e una delle più belle canzoni parmigiane, Pärma e po pu, cantata da Paola Sanguinetti. Ora è la volta di un altro momento clou di qurlla magica serata pramzàna: il talk-show con due icone della parmigianità, Enrico Maletti (Richén Malètt) e Alberto Michelotti (Miclòt), quello che Paolo Zoppi, magistrale conduttore della serata, definì spiritosamente il "Mezzadri show", visto che il papà di Pramzanblog condusse il talk-show alla maniera del "Maurizio Costanzo Show". Ora il talk-show è su Pramzanblog Tv, il canale YouTube di Pramzanblog. Buon divertimento.
IL TALK-SHOW CON MALÈTT E MICLÒT

Sabato grande evento musical - benefico

MUSICA PER
PALATI FINI:

“CARMINA BURANA”
CON LA
CORALE VERDI

L’opera del compositore tedesco Carl Orff (1885 - 1982) andrà in scena all’Auditorium Paganini con una nobile finalità: dare in aiuto concreto al Centro Cure Palliative Piccole Figlie - Protagonisti della serata la “Verdi”, diretta da Fabrizio Cassi, le voci bianche della Corale Verdi dirette da Beniamina Carretta, e i solisti Azusa Kinashi (soprano), Davide Urbani (tenore) e Kim Se Yun (baritono) - Completano il cast il duo pianistico Manila Santini e Davide Cavalli, Lisa Bartolini ai timpani e, alle percussioni, Giorgia Baglivo, Gabriele Fontana, Alessandro Maruccia, Sebastiano Nidi, Pedro Perini, Federico Zammarini - Ingresso a offerta - Introduce Paolo Zoppi

di ACHILLE MEZZADRI
Ancora una volta, complice la musica, i parmigiani sono chiamati a raccolta per un fine nobile: dare un aiuto concreto, con un’offerta, al Centro Cure Palliative Piccole Figlie, struttura autonoma all’interno dell’Ospedale Piccole Figlie, attiva, con la presa in carico dei primi malati, dal 2 ottobre 2007. Luogo di sofferenza mescolata a solidarietà, luogo d’assistenza e d’amore nei confronti di malati oncologici costretti ad affrontare un lungo tunnel di dolore. Chi riempirà (ce l’auguriamo) l’Auditorium Paganini, non assisterà dunque soltanto a.............
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

martedì 24 maggio 2011

Rugby parmense: lavori in corso

FRATI SE NE VA
ED È ALLE PORTE
UN NUOVO
“MATRIMONIO”










Il campionato di Eccellenza sta per concludersi, con la finalissima tra Rovigo e Petrarca Padova e già si pensa al prossimo torneo, che molto probabilmente offrirà nuove clamorose novità - Sta per nascere una nuova società di casa nostra: una nuova franchigia che unirà le due franchigie attuali, Crociati e Granducato - Da quattro squadre parmensi, insomma, si arriverà ad una sola - Ma Filippo Frati non sarà più l’allenatore dei Crociati: quasi certamente andrà ad allenare i Cavalieri Prato, ma la società toscana non ha ancora ufficializzato la sua nomina - “Nel mio cuore restano Rugby Parma e Rugby Noceto”, ci ha detto Frati “ma è giunto il momento di fare nuove esperienze” - “Non mi trasferisco con la famiglia nella nuova città: farò il pendolare” - “Nella nuova società che sta per nascere vedrei molto bene, come allenatore, Roland De Marigny” - Salvatore Sau, il direttore sportivo dei Crociati, che sarà confermato anche nel “nuovo corso”: “Sto già lavorando per allestire la nuova squadra, non si può perdere tempo,
bisogna essere pronti presto, perché incombe il mondiale in Nuova Zelanda” - “Immagino che Pippo cercherà di portare con sé qualche giocatore, ma non è detto che ci riesca”

di ACHILLE MEZZADRI
Pippo Frati allenatore vincente, abbonato alle promozioni e alle grandi imprese, come quella di centrare i playoff, con i Crociati al primo anno di attività. E, nelle vesti di direttore sportivo, di conquistare anche lo scudetto con gli under 20. Pippo Frati “pellerossa” nocetano nel cuore e nell’anima. Pippo Frati, però, che se ne va. Senza sbattere la porta, per carità, ma se ne va. Dalla A2 alla A1, dalla A1 all’Eccellenza. Una cavalcata trionfale frutto del suo dna di uomo vincente. Ma se ne va. Lascia i Crociati e va ad allenare... i Cavalieri Prato. Si fa ma non si dice. Infatti Pippo non lo dice perché non è ufficiale e l’ufficialità spetta alla nuova..........
(Nelle foto: 1) Pippo Frati; 2) Salvatore Sau)
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Una foto, una storia -190-

LE "FERRARI"
DI VERDI
Giuseppe Verdi, è notorio, era un amante del bello. Amava le belle case, le belle donne, gli arredi eleganti e anche... le carrozze. Ne aveva più d'una, bellissime, prestigiose, con le quali viaggiava in compagnia di Giuseppina Strepponi, di Arrigo Boito e di altri collaboratori. Volete vederle? Si trovano a Villa Sant'Agata, ma potete vederne anche due esemplari cliccando qui sotto, per leggere la nuova puntata della rubrica "Una foto, una storia", che Giovanni Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti.
LE FERRARI DI VERDI

lunedì 23 maggio 2011

"Prendi due paghi uno"

LE PRIME DUE PUNTATE
DI "SOCUÀNT MINÙD
IN DJALÈTT PRAMZÀN"
(seconda edisjón)
Anche la seconda serie di Socuànt minùd in djalètt pramzàn è cominciata "col botto" - Al méstor Malètt e i suoi discepoli stanno già avendo grande successo con le prime due puntate, ricche di sorprese - Anche Pramzanblog ha voluto dare una nuova veste grafica ai suoi servizi per rendere più facile ai suoi lettori l'apprendimento dal djalètt pramzàn

Eccoli di nuovo! Effervescenti, ironici, belli come il sole: quelli dell'allegra brigata di Socuànt minùd in djalètt pramzàn, seconda edisjón. Non è facile ripetere un successo, ma al méstor Malètt e i suoi discepoli, con questa nuova serie, hanno addirittura l'intenzione (e ci riusciranno) di migliorare. Tutto ciò grazie a un'emittente locale che più locale non si può, Giovanni Paolo Tv, che ha avuto la bella idea (ma non potevano averla Tv Parma o TeleDucato?) di inventare un programma con le lezioni del nostor bél djalètt pramzàn. Comunque, come si dice in chiesa, beati gli ultimi che saranno i primi, e così la più piccola delle emittenti locali potrà continuare a vantarsi di questa "chicca" di programma. Pramzanblog l'anno scorso ha seguito molto da vicino (e ti pareva) la trasmissione, seguendo con servizi tutte le puntate e raccogliendo tutti i link al programma, diventato pure un punto di forza di Pramzanblog Tv. Quest'anno non voleva e non poteva tirarsi indietro: ci sarà ancora, su Pramzanblog Tv, u contenitore per Socuànt minùd in djalètt pramzàn, seconda edisjón, mentre i servizi sono ora impaginati con una nuova veste grafica, per facilitare ai lettori l'apprendimento del nostro dialetto.


PRIMA PUNTATA: L'ARTICOLO
PRIMA PUNTATA: IL FILMATO


SECONDA PUNTATA: L'ARTICOLO
SECONDA PUNTATA: IL FILMATO

Il cuore di Alberta a Parigi

BRIANTI FUORI
(Ma ha venduto
cara la pelle)
La tennista fontanellatese ha ceduto in tre set alla connazionale Roberta Vinci per 3-6; 6-3; 3-6, nel prestigioso torneo parigino, ma si è rivelata un osso duro per la 31esima al mondo

Non è stata certo fortunata Alberta Brianti, 63esima al mondo, a trovare al primo turno del Roland - Garros la connazionale Roberta Vinci, 31esima al mondo e recente vincitrice del torneo di Barcellona. Ma "Tina" ha combattuto ad armi pari, e dopo aver perso il primo set è riuscita a ribaltare le sorti del match nel secondo, portandosi sull'1 a 1. Nel terzo e decisivo set si è trovata in vantaggio per 2 a 0, ma poi la pugliese si è rimessa in partita e ha concluso vincente. La fontanellatese esce dunque subito da Parigi, ma a testa alta.
SCHIAVONE - OUDIN (Usa) 6-2; 6-0
ERRANI - McHALE (Usa) 6-7; 6-2; 9-7

La nuova puntata di "Su il sipario"

"ERNANI" A BOLOGNA
E RECITAL (CON PREMIO)
DI ANNA MARIA CHIURI

Ricchissima puntata della rubrica "Su il sipario" di Zoppi, che si apre con la recensione di una rappresentazione di "Eranini" al Comunale di Bologna, con Aronica, Theodossiou e Furlanetto - Nella puntata odierna anche l'intervista con il soprano argentino Ivanna Speranza e l'annuncio di due grandi concerti: quello di venerdì 27 all'Auditorium del Carmine con Anna Maria Chiuri (che riceverà il premio "Dal labro il canto" e quello di domenica 12 giugno con Claudio Abbado che dirigerà l'Orchestra Mozart al Teatro Farnese
Puntatona. Stavolta Paolo Zoppi ha voluto fare lo stakanovista ed ha prodotto una puntata ricchissima della sua bella rubrica "Su il sipario". L'ha aperta con il resoconto di un'ottima rappresentazione di "Ernani" al Teatro Comunale di Bologna, che ha beneficiato della direzione dell'"eterno" Bruno Bartoletti, con un cast d'eccezione, Roberto Aronica, Dimitra Theodossiou e Ferruccio Furlanetto. Poi l'ha proseguita con un'interessante intervista al soprano argentino Ivanna Speranza (di famiglia con origini calabresi) che ha abbandonato gli studi universitari di medicina per venire a cantare nella "Patria della musica". Zoppi ha poi annunciato, nella sua rubrica, due importantissimi concerti: il recital di Anna Maria Chiuri e il concerto del 12 giugno al Teatro Farnese. Il primo concerto, organizzato dagli Amici della lirica Cral CariParma, avrà luogo venerdì 27 all'Auditorium del Carmine. Nella stessa serata la Chiuri riceverà il premio "Dal labro il canto", nuova "creatura" dell'associazione musicale, con grandi ambizioni. Il secondo concerto invece vedrà sul podio del Farnese, aperto a 1500 spettatori, il maestro Claudio Abbado che dirigerà l'Orchestra Mozart.
(Nelle foto: 1) Applausi agli interpreti di "Ernani" a Bologna; 2) Anna Maria Chiuri)
LEGGETE SU IL SIPARIO

domenica 22 maggio 2011

Cór crozè - L'opinione di Michelotti

UDITE, UDITE:
À SGNÈ BOJINOV!

CAGLIARI - PARMA 1-1 Ragas, a gh' vräva l'ultma giornäda 'd campjonät par vèddor a sgnär Bojinov! Par fortón'na, mo Valerio l'à zughè mäl l'istés. Che lavór... A n' s' pól miga zugär acsì... Mo che partìda... Da fén 'd campjónät. Al parègg' l'é stè meritè, mo al Cagliari al podäva fär tri goll. Mo Pavarén l'é stè bräv bombén.
Allora, per come è andata in generale, sei soddisfatto?

Come si fa ad essere soddisfatti di una partita così? A paräva 'd vèddor Scurano - Madregolo. E po a gh'é stè anca l'autogol dal szìssor, Feltscher. Povrén, al n'é miga stè bón 'd fär 'na torsjón. Al dovrìss andär in ortopedia a färos mèttor un colär...
La partita di Pavarini
Straordinäri. 'Na sicurèssa. L'à salvè tri goll.

La difesa?
In generale non c'è da lamentarsi, autogol a parte. Senza patemi d'animo. Oh, a m' són miss a parlär dificcil.
Il centrocampo?
Valiani, Galloppa, Morrone e Modesto. Morrone l'é andè fóra parchè l'à ciapè un sarucch e gh’à dè ‘l cambi Ze Eduardo. Che riddor. Al paräva al barbér Edoardo 'd via Nino Bixio, piturè d' nigor. A m'è piazù Galloppa, ch'al ne s’tira pu indrè. A vól dir che ormäi l'é recuperè dal tutt.
E là davanti?

Giovinco e Valerio. Al primm l'é sémpor al pu bón, al secónd l'é sémpor al pu balórd, gol a parte. Po Colomba al l'à tirè zo e l'à miss in camp Oliveira: n'ätor bón... Cuando calienta il sol. L'à fat zbudlär dal riddor.

Il migliore del Parma.
In du: Giovinco e Pavarén.
E il peggiore?

Udite udite: al solit Valerio, anca s' l'à fat goll. Cuand l'à sgnè l'à ezultè ch'al paräva un mat.

Un voto a Colomba.
Dèz. Non tanto per la partita di oggi ma per il miracolo che ha fatto nelle sette partite che l'hanno visto alla guida dei crociati. Grazie Franco!
pramzan45
(UN CALOROSO GRAZIE A GIUSEPPE MEZZADRI CHE PER TUTTO IL CAMPIONATO HA CURATO LA SUPERVISIONE DELLA PARTE DIALETTALE. GIUSEPPE, SEI UN MAESTRO)

sabato 21 maggio 2011

Rugby: semifinale del Campionato italiano

PECCATO CROCIATI!
Grande prova d'orgoglio della squadra di Frati che ha lottato fino all'ultimo, ma è stata battuta dai "bersaglieri" - Anno straordinario comunque per i nocetan-parmigiani che hanno raggiunto i playoff dell'Eccellenza e hanno vinto il titolo italiano under 20
ROVIGO 24
CROCIATI 9

Marcatori: Primo Tempo; al 6' cp Bustos (3-0)
; al 14' cp Anversa (3-3); al 20' cp Bustos (6-3); al 40' cp Anversa (6-6); Secondo tempo: al 2' cp Bustos (9-6); al 13' cp Bustos (12-6); al 14' cp Anversa (12-9); al 27' m. Montauriol tr. Bustos (19-9); al 36' mnt Ravalle (24-9)

Una foto, una storia -189-

E LA GAZZETTA
TITOLÒ:
"È GUERRA!"
Ricordate l'Operazione "Desert Storm"?, la celebre "Tempesta nel deserto" in territorio iracheno? Furono momenti che ci fecero stare con il fiato sospeso. Dove avrebbe portato quell'operazione bellica che vedeva impegnate le forze della coalizione contro le truppe di Saddam Hussein? Si sarebbe potuto allargare il conflitto? Erano interrogativi che tutti si ponevano. Sulla "Gazzetta di Parma" del 18 gennaio 1981 c'era l'inquietante titolo "E' guerra!", sullo stesso tono dei giornali di tutto il mondo. Che momenti! Per ricordarli, cliccate qui sotto e leggete la nuova puntata della rubrica "Una foto, una storia", che Giovanni Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti.
E LA GAZZETTA TITOLÒ: "È GUERRA!"

venerdì 20 maggio 2011

L'incontro anticpato alle 17,30

DOMANI I CROCIATI
A ROVIGO
PER ENTRARE
NELLA STORIA
I Crociati Rugby BancaMonte domani al "Battaglini" di Rovigo cercheranno di far diventare "possible" una "mission impossible": ribaltare il risultato di 13-20 della prima partita di semifinale scudetto contro il Rovigo - L'incontro era stato fissato per le 18,10, invece comincerà alle 17,30 - Sarà possibile seguirlo in diretta streaming fin dall'inizio, altrimenti su Raisport 1 alle 18,10, prima con un'ampia differita del primo tempo poi con la diretta del secondo

L'obiettivo, alla presentazione del campionato, era il raggiungimento dei playoff e i Crociati Rugby l'hanno, com'è noto, centrato, addirittura all'esordio nel Campionato d'Eccellenza. Ma come si sa l'appetito vien mangiando e la squadra allenata da Pippo Frati sta provando addirittura di entrare nella storia proseguendo la via che porta allo scudetto. Strada diventata quanto mai impervia dopo la sconfitta (13-20) subita dai Crociati nel match di andata di semifinale, al XXV aprile, una settimana fa. Ma in fondo il divario è di una sola meta trasformata e con un vantaggio di tre piazzati oppure con un vantaggio di una meta non trasformata più un piazzato, il "miracolo" sarebbe compiuto.
Lo sapete bene, Pippo Frati e i suoi giocatori non sono tipi che si accontentano. Nel miracolo ci credono e vanno al Battaglin con animo molto ma molto... battagliero. Si potrà vedere la partita in Tv? Sì. Su Raisport 1. Ma l'incontro è stato anticipato dalle 18,10 (orario fissato in precedenza) alle 17,30, e Raisport 1 non ha potuto modificare il palinsesto. Così alle 18,10 si potrà vedere un'ampia differita del primo tempo, mentre poi il secondo tempo andrà in diretta. Tutto il match però, fin dall'inizio, si potrà vedere in diretta, in streaming, sul portale www.raisport.rai.it. Per sostenere i ragazzi la società Crociati Rugby FC ha messo a disposizione dei tifosi un pullman per la trasferta. Partenza dal parcheggio dei campi del Rugby Noceto.
(Nella foto 1: i Crociati in vantaggio di 10 punti: è accaduto durante la partita di andata. Accadrà anche domani alla fine del match a Rovigo? Forza Crociati!)

giovedì 19 maggio 2011

Una foto, una storia -188-

I "SALTI" DELLA
BIONDINA VOLANTE

Nadia Monica è un bel tipo. Carina, bionda, coraggiosa. Tanto coraggiosa che ha ripreso a lanciarsi con il paracadute anche dopo un bruttissimo incidente. Ma è tosta e vuole raggiungere l'obiettivo dei 1500 lanci. Volete vederla? Allora cliccate qui sotto e sintonizzatevi sulla rubrica "Una foto, una storia", di Guon Guti.
I "SALTI" DELLA BIONDINA VOLANTE

mercoledì 18 maggio 2011

L'Editorialino - Parliamoci chiaro

QUELLI DEI SUV... MAH...
È successo stamattina a Parma, in via Collegio dei Nobili. Ma succede, e può continuare a succedere, a Milano come a Roma, ad Alessandria come a Crotone. La prepotenza dei proprietari dei Suv, quei macchinoni propagandati al loro apparire come 4x4 capaci di scalare le montagne e invece rivelatisi ben presto con il loro vero volto di status symbol (io ce l’ho il Suv e tu no, quindi sei un “barbone”). Ma partiamo dall’episodio pramzàn di stamattina, del quale siamo venuti a conoscenza grazie al ritaglio di ...
LEGGETE L'EDITORIALINO COMPLETO

Pubblichiamo "Sotto identiche cose"

TAMARA, LA POETESSA
Dopo "Tamara, la parmigiana" e "La mia India", Pramzanblog svela l'animo poetico di Tamara Baroni, la parmigiana più famosa degli anni Sessanta, da anni "strajäda" in Brasile, ripubblicando il suo libro di poesie "Sotto identiche cose" del 1982

Ragazza copertina, modella, attrice, imprenditrice, madre di famiglia. Ma anche poetessa. Ecco, in sintesi, Tamara Baroni, parmigiana "strajäda" a Natal, Brasile, che ora Pramzanblog, dopo averla "scovata" nel suo rifugio brasiliano tre anni fa, vuol far conoscere anche attraverso il suo animo poetico, che anni fa produsse una raccolta di poesie di tutto rispetto, Sotto identiche cose. Sono ancora molti i parmigiani (le abitudini sono dure a morire) che identificano Tamara ancora nella stereotipata "ragazza di Bubi" degli anni Sessanta, anche se Tamara ha fatto di tutto, da allora, per far relegare quell'immagine nella valigia dei ricordi. Perché da allora di cose ne ha fatte, e non poche, e non di scarsa importanza. L'attrice di teatro, per esempio (non solo filmetti di serie B), e la madre di famiglia, e la poetessa, appunto. "Sotto identiche cose", ci ha detto Tamara dal Brasile "fu stampato nel maggio del 1982 dalla Elle Emme Edizioni di Milano, he aveva la sede in corso Concordia 8. Io a quel tempo facevo parte del Gruppo Intrapresa, con a capo Gianni Sassi e scrivevo per la loro rivista, Alfabeta. Fui incitata da altri poeti del gruppo a riunire le mie poesie nella raccolta Sotto identiche cose. Ne derivò anche uno spettacolo, Una dama e quattro poeti, rappresentato al Teatro di Porta Romana, nel quale, assieme a Corrado Costa, Antonio Porta, Michelangelo Coviello e Arrigo Lora Totino, con la regia di Lorenzo Vitalone, lessi le mie poesie. "E come andò?", abbiamo chiesto a Tamara. "Benissimo. Una dama e quattro poeti ottenne critiche tutte positive. Poco tempo dopo mi trasferii in Brasile e della mia raccolta poetica si occuparono i miei amici - colleghi, che si presero carico della distribuzione. Io poi in Brasile scrissi, in portoghese, Constelação mulher, che pure ebbe un buon successo di critica e mi aprì le porte dell'Academia de las letras".
(Nelle foto: 1) La copertina di "Sotto identiche cose"; 2) La locandina dello spettacolo "Una dama e quattro poeti"; 3) Tamara Baroni durante il recente viaggio in India)
LEGGETE "SOTTO IDENTICHE COSE"

martedì 17 maggio 2011

Uno "scoop" di Stadiotardini.com

IL GRANDE RUGBY AL TARDINI
In occasione del rinnovo della sponsorizzazione CariParma della Nazionale italiana di rugby, Gabriele Majo, il curatore di Stadiotardini.com, ha intervistato il presidente federale, il parmigiano Giancarlo Dondi - Nel corso dell'intervista Dondi ha fatto il punto sulla possibile assegnazione a Parma di un test match del novembre 2012 - "Ma se dobbiamo avere discussioni con quelli del calcio, meglio rinunciare" - Ecco quale potrebbe essere la squadra che gli azzurri affronteranno al Tardini

Bel colpo di Stadiotardini.com: Gabriele Majo, ottimo curatore del sito, nonchè inarrestabile ricercatore di notizie, ha "estratto" dalla bocca del presidente federale del rugby, il parmigianissimo Giancarlo Dondi, una bella novità: gli azzurri della pallovale potrebbero disputare uno dei test match del 2012 (che non sono amichevoli, ma veri e propri incontri ufficiali, che assegnano punti per il ranking mondiale) allo Stadio Tardini. Il condizionale però è d'obbligo, almeno al momento, perché la FIR (la Federugby) non vuole questioni con "quelli del calcio". Già infatti in passato fu negato il Tardini per il derby. "Se dobbiamo avere questioni meglio rinunciare", ha detto Dondi a Majo. Comunque, se rugby e calcio dossero trovare un accordo, ora sappiamo che l'Italrugby, che sta per cambiare allenatore (sarà il francese Jacques Brunel) disputerà un test match del novembre 2012 al Tardini. Contro quale squadra? Qui il punto. Il calendario internazionale è già fissato fino al 2019... E per novembre 2012 si sa che l'Italia affronterà, a novembre, Nuova Zelanda e Australia. Ma, prima di queste due grandi, affronterà nel primo test match una squadra del "tier 2", insomma il gruppo 2 che comprende Canada, Figi, Giappone, Romania, Samoa, Tonga e Stati Uniti. Dal momento che Dondi, nell'intervista con Majo, ha già escluso gli All Blacks (che attirano 70, 80mila spettaori) e che riteniamo estensibile il ragionamento anche all'Australia, restano le avversarie del "tier 2", che comunque sono di tutto rispetto. Basti dire che attualmente l'Italia è 12.ma, preceduta proprio da Figi e Samoa e seguita dal Giappone. Stati Uniti, Tonga e Romania sono dal 16° al 18° posto. Si prospetta, dunque, un gran match di rugby al Tardini. Come una volta. Speriamo che il Parma calcio non metta il bastone fra le ruote...
L'ARTICOLO DI STADIOTARDINI.COM

Una foto, una storia -187-

QUEL GIORNO
STORICO
PER LA "GAZZA"

Fu un giorno storico per la "Gazzetta di Parma", che fece venire a Parma perfino l'allora amministratore delegato della Fiat Cesare Romiti. E non furono pochi i lettori che assistettero all'evento. Ma che cosa accadde, in effetti, in quel giorno di fine estate del 1987? Se siamo riusciti ad incuriosirvi, cliccate qui sotto e leggete la nuova puntata della rubrica Una foto, una storia, che Giovanni Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti.
LA GAZZETTA VERSO IL FUTURO

lunedì 16 maggio 2011

La nuova puntata di "Su il sipario"

LE INTERVISTE
DI ZOPPI:
CARLA THEY

La rubrica "Su il sipario" del nostro critico musicale ospita questa settimana un'interessante intervista all'arpista - modella - "In una famiglia musicale come la mia non potevo che diventare una musicista" - Nella puntata odierna anche il successo del concorso "Conosci Verdi?" e il coraggioso allestimento, a Zurigo, di "Un ballo in maschera", con la Cedolins e Stoyanov
Carla They, una delle tante eccellenze musicali della nostra città, arpista di fama e modella ancora molto apprezzata, entrò già due anni fa nella galleria degli intervistati di Pramzanblog. Ora entra anche nella personale "galleria"di Paolo Zoppi nella sua bella rubrica "Su il sipario". Nella puntata di oggi Zoppi dà anche il resoconto del grande successo ottenuto dal concorso "Conosci Verdi?", promosso dal Club dei 27 e a un coraggioso allestimento, con sperimentazioni molto spinte, di "Un ballo in maschera" andato in scena all'Opernhaus di Zurigo, con Piotr Beczala, Fiorenza Cedolins e Vladimir Stoyanov ormai, come scrive Zoppi, "parmigiano a tutti gli effetti".
(Nella foto: L'arpista Carla They)
LEGGETE SU IL SIPARIO

domenica 15 maggio 2011

Cór crozè - L'opinione di Michelotti

LA VENDETTA
DELLA
FORMICA ATOMICA

Parma - Juventus 1- 0 La vendètta la va consumäda frèdda e pu frèdda che 'csì... Giovinco, ex juventén, l'à mis déntor tri goll in do partidi ala "so" Juve... Ragas, s' j ò godù? A gh'é mäl 'd goduria... In-t-al domillavundoz èmma zughè do volti con la "Signora" e j èmma véns do volti.... Anca incó vitorja strameritäda. Mirante, ala fén, l'à fat 'na stupidäda, par fortón'na che Toni l'à ciapè la bala malamént 'd tésta, altrimenti j arisomm parzè...
Allora, per come è andata in generale, sei soddisfatto?
Par forsa. È andè tutt bén. E siamo dodicesimi in classifica. Ultimo sforzo cól Cagliari domenica prossima e bilancio alla fine positivo, grazie a Colomba. L'à cambiè al Pärma. Adésa l'é 'na scuädra ch'la pól vénsor con tutti. E po a gh'èmma un Giovinco super... straordinäri. 'Na véra formica atomica. Al s'è vendichè con la Juve ch'al l'à casè via... E po incó l'à fat un gran goll. Gigión Buffon l'é restè 'd stucch.
La partita di Mirante
L'à fat do béli parädi e 'na stupidäda ala fén dal secónd témp. A gh'arìss tirè ‘l còl cme a un pit. Mo in géneräl l'é stè bräv.

La difesa?
Tutti impeccabili. Soprattutto Paletta, Lucaréli e Sgorbación - Gobbi. Forse il meno sicuro dei quattro è stato Zaccardo.
Il centrocampo?
Valiani bón bombén, fóra dal normäl. Sufficienza piena anche a Dzemaili, Morrone e Modesto.
E là davanti?
Come già detto, Formica Atomica superlativa. I gh'én saltè ados in du cme di falchètt, mo lu l'é restè in pe e l'à fat un goll spetacolär. E po, povrén, Bojinov. A 'n so pu co' dir... Sperèmma ‘d vèddrol pu. Mi a spér che domenica a staga bén Amauri e che po Valerio al vaga via... Al pära dabón un Mecano, cuand al zuga a pära ch'al faga di bilén. Al pära zmarolè- L'é cme Pinocchio: al gh'à il gambi 'd lèggn.
Il migliore del Parma.
Giovinco. L'é stè al pu bón dal Pärma, mo anca 'dla partida.
E il peggiore?
È come sparare contro la Croce Rossa: Valerio. Mo incó a gh'é stè ataca Candreva. L'à zbaljè un goll a du pas dal portär...
Un voto a Colomba.

Un bell'otto pieno. Ha molti meriti. E dir che cuand gh’é in camp Bojinov al Pärma al zuga in déz...

E al pubblico.
Fantastico, come sempre. In particolare la Curva Nord. L'à mäi tazù un minud.

pramzan45
(Si ringrazia Giuseppe Mezzadri per la supervisione della parte dialettale)

sabato 14 maggio 2011

Rugby: dal XXV Aprile

CROCIATI
BRAVISSIMI PER
METÀ PARTITA
(fino al 13 a 3)

CROCIATI 13

ROVIGO 20


Marcatori: Pt al 14' cp Anversa (3-0); al 32' cp Bustos (3-3); al 37' Anversa (6-3); St: al 5' m. Lovotti tr. Anversa (13-3); al 15' cp Bustos (13-6); al 21' m. Mahoney tr. Bustos (13-13); al 30' m. Van Nierkerk tr. Bustos (13-20)
NOTE: al 23' del Pt giallo a Romano; al 15' del St giallo a Damiani; al 37' del St giallo a Coletti