O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 14 aprile 2011

Una foto, una storia -182-

QUEI PAZZI
DI VERDI
TARGATI
GERMANIA

I "pazzi di Verdi" non sono soltanto a Parma e dintorni, dove sono nate associazioni come il "Club dei 27" o le "Verdissime". Ci sono perfino in Giappone, e anche in Germania. E qui, 25 anni fa, fu fondata l'associazione "Viva Verdi", della quale è animatrice una signora tedesca di origine italiana, Ursula Riccio. Giovanni Ferraguti non poteva farsi scappare questi "pazzi di Verdi" e li ha fotografti davanti all'ara verdiana di Piazzale della Pace. Potete vederli cliccando qui sotto, per leggere la nuova puntata di "Una foto una storia".
PAZZI DI VERDI MADE IN GERMANIA

Nessun commento: