O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 15 aprile 2011

Stasera al Regio terza opera della Stagione

SUPERCHI E SALSI:
DUE FIGARO PRAMZÀN









Grande attesa per il “Barbiere di Siviglia” che andrà in scena alle 20, con un baritono di casa, Luca Salsi, nato a San Secondo, nel ruolo di Figaro - Nel 1848 e nel 1851 un altro cantante parmigiano, Antonio Superchi, interpretò la parte del protagonista della celebre opera di Gioachino Rossini, che al Regio, prima di stasera, è stata rappresentata in 26 stagioni liriche - La prima volta fu il 13 giugno 1829, quando era il teatro, allora “Ducale” : il direttore fu un parmigiano, Ferdinando Melchiorri

Luca Salsi, un Figaro pramzàn. Il baritono di San Secondo sarà infatti il protagonista del Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini, terza e ultima opera del cartellone della Stagione lirica, diretta da una giovane bacchetta pure molto attesa, Andrea Battistoni. Il Barbiere, non bisogna essere esperti di lirica per saperlo, è uno dei capolavori di Rossini e quindi tra i più rappresentati, in tutto il mondo. Al Regio, prima di quest’anno, è andato in scena in ben 26 stagioni liriche, a partire dal 13 giugno 1829 (anno dell’inaugurazione del teatro, che allora si chiamava “Ducale”, visto che...........
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: