/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

lunedì 11 aprile 2011

La nuova puntata di "Su il sipario"

ZOPPI INTERVISTA
SVETLANA KONONENKO
Un'altra bella intervista di Paolo Zoppi nella rubrica "Su il sipario": questa volta il nostro critico musicale ha incontrato la pianista russa Svetlana Kononenko, che vive a Parma da molti anni - Nella puntata anche il resoconto della visita del prefetto Luigi Viana al Club dei 27 e l'Almanacco, con il ricordo di Franco Corelli e gli splendidi 50 anni di Anna Caterina Antonacci
La serie di interessanti interviste di Paolo Zoppi nella sua bella rubrica "Su il sipario", prosegue con l'incontro che il nostro critico musicale ha avuto con la pianista russa Svetlana Kononenko. Biondissima, ricca di fascino e soprattutto brava, perfetta accompagnatrice dei cantanti nei concerti cittadini e non solo. Eppure non è stata scoperta subito. Al punto che, all'inizio della sua permanenza a Parma, per far quadrare il bilancio, nonostante i suoi trascorsi di concertista in Russia, si era dovuta adattare a fare l'estetista. Poi, fortunatamente, Corrado Conti, per tanti anni corno alla Scala, ha messo gli occhi su di lei, seguito dal basso Franco Federici, che ha cominciato a collaborare con lei, utilizzandola come pianista di accompagnamento dei suoi allievi di canto. La strada verso il successo si era finalmente aperta. Ed ora Svetlana, per gli amici Lana, è uno dei personaggi significativi del panorama musicale di Parma e dintorni. In Su il sipario di questa settimana Zoppi ci propone anche il resoconto della visita che il prefetto Luigi Viana ha compiuto al Club dei 27 e l'Almanacco, con il ricordo del grande Franco Corelli, che l'8 aprile scorso avrebbe compiuto 90 anni, nonchè con gli splendidi cinquant'anni di Anna Caterina Antonacci.
(Nella foto: Svetlana Kononenko)
LEGGETE SU IL SIPARIO

Nessun commento: