/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

lunedì 4 aprile 2011

La nuova puntata di "Su il sipario"

ZOPPI INTERVISTA
PAOLA LEVERONI

Paolo Zoppi questa settimana intervista per la sua rubrica "Su il sipario" il mezzosoprano genovese Paola Leveroni, specialista nei ruoli di contorno delle opere più importanti - Il primo passo più significativo della sua carriera l'ha compiuto a Busseto - Le statistiche di operabase.com rivelano che è "Il flauto magico" l'opera più rappresentata
Dopo l'intervista a Cristina Bersanelli la settimana scorsa, questa volta Paolo Zoppi, nella sua bella rubrica "Una foto, una storia", ci propone un'altra intervista, a un personaggio di primo piano del panorama musicale: il mezzosoprano genovese Paola Leveroni. Personaggio molto interessante, non soltanto per le sue indiscusse qualità musicali, ma anche per i suoi svariati interessi e in particolare per la sua passione per l'india, o meglio per Jaiphur, nel Rajasthan, dove si reca spesso. In Su il sipario di questa settimana Zoppi ci propone anhe le interessantissime statistiche di operabase.com sul mondo lirico, secondo le quali l'opera "Il flauto magico" è la più rappresentata ed è la Germania il Paese dove si fa più musica. Tra le città musicali la più attiva è Vienna, con 617 spettacoli, Parma è al 188° posto con 32 serate.
(Nella foto: Paola Leveroni)
LEGGETE SU IL SIPARIO

1 commento:

tamara baroni ha detto...

ho letto con interesse l´intervista della signora Paola Leveroni, soprattutto per ció che riguarda Jaipur(di cui anch´io ho scritto nel reportage sull´India). Abbiamo opinioni completamente opposte!per me é esattamente come le altre cittá che ho descritto!Vero:l´India o la si ama o la si detesta senza mezze misure!!!Naturalmente con tutto il rispetto per le idee altrui,cordiali saluti
tamara baroni