/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

domenica 17 aprile 2011

Filippo Frati dopo il derby

"VICINISSIMI AI PLAYOFF:
E SIAMO ESORDIENTI..."

Il commento a caldo dell'allenatore del Crociati Rugby dopo la sofferta ma meritata vittoria contro il Granducato - "Nel primo tempo mi sono perfino vergognato della mia squadra e di me stesso, poi abbiamo rimesso le cose a posto" - "I playoff sono lì, a un passo, se non ci sono sorprese sarà un'impresa: la nostra squadra è all'esordio nel massimo campionato"

Filippo Frati, l'allenatore dei Crociati, è molto soddisfatto per la meritata vittoria, sa che l'obiettivo dei playoff è a portata di mano e ne è felice, ma vorrebbe cancellare, se fosse possibile, l'assurdo prtimo tempo giocato dai suoi giocatori. Ecco il suo commento a caldo:
"È abbastanza palese quello che posso dire sul primo tempo. Non so cosa sia successo. I miei sembravano spaventati, c'era un'assoluta mancanza di lucidità, insomma eravamo in difficoltà. Mi sono perfino vergognato della mia squadra e di me stesso. Pensavo di non essere riuscito a trasmettere ai miei giocatori la giusta mentalità di approccio al match. Nell'intervallo ci siamo guardati negli occhi e abbiamo affrontato la seconda parte del match con la mentalità giusta. Ora abbiamo 48 punti e mancano due partite ai playoff. L'obiettivo che ci eravamo prefissi è lì, a due passi. Le prossime due partite non saranno facili, Prato e Rovigo, ma dobbiamo agguantare almeno due punti. Non è impossibile. Non dimentichiamo che la nostra squadra è esordiente nella massima serie... Molti se lo dimenticano. Così come molti si dimenticano che l'anima di questa squadra, sia dal punto di vista dirigenziale, sia nel pèarco giocatori, è Noceto. Sono orgoglioso di questo. Così come mi inorgoglisce il fatto che negli ultimi quattro derby abbiamo vinto sempre noi. Mi spiego: l'anno scorso, come Noceto, abbiamo battuto due volte il Colorno e quest'anno abbiamo battuto due volte il Granducato, la franchigia che comprende anche il Colorno. Insomma, oggi abbiamo buoni motivi per per essere contenti, ma rimaniamo con i piedi per terra. Il traguardo è vicinissimo ma dobbiamo ancora raggiungerlo".
IL COMMENTO A CALDO DI DE MARIGNY
"Purtroppo nel secondo tempo non siamo riusciti a concretizzare il lavoro svolto nella prima parte del match. E già nei primi 40 minuti avevamo buttato via due, tre mete. Chiaro che se il risultato a metà gara fosse stato di 28 a 3 invece di 14 a 3, la partita avrebbe preso certamente un'altra piega. Comunque negli spogliatoi, durante l'intervallo, io ero tranquillo. Avevo fiducia. Purtroppo nell'ultima mezz'ora la situazione è cambiata. Il caldo? No, non credo che abbia influito. I ragazzi stanno bene fisicamente. Credo piuttosto che sia una questione psicologica. Quando lavorano bene e non vedono arrivare i risultati vanno un po' in crisi. Peccato. Avevamo la partita in mano...".

Nessun commento: