O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 17 marzo 2011

Una foto, una storia -171-

L'ADDIO AL CALCIO
DI LUISA ANCELOTTI

Giovanni Ferraguti, si sa, è sempre stato un "curioso della cronaca" e, come una bonjärba pramzàna, era sempre presente quando accadeva qualcosa. Sia prima come fotografo, sia poi come giornalista. Nella prima situazione si trovò così ad assistere anche all'addio al calcio di Luisa Gibellini, parmigiana, che giocava come portiere in una squadra reggiana. Perché Ferraguti seguì Luisa? Perché era allora la fidanzata (diventò poi la moglie, ed ora è la moglie separata) di Carlo Ancelotti. Dopo una partita in cui rimediò un sacco di limiti e la portò a decidere di lasciare il calcio, Luisa si trovò Ferraguti perfino nello spogliatoio e si lasciò ritrarre come si trovava, in mutadine e reggiseno. Vi incuriosisce questa cosa? Allora andate a vedere la nuova puntata di "Una foto, una storia", che Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti. Cliccate qui sotto.
LUISA ANCELOTTI

Nessun commento: