/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

venerdì 25 marzo 2011

Quando i lettori scrivono

LA PASSEGGIATA
DI UNO STRAJÈ

di FABRIZIO MAZZALI
Giornata soleggiata questa. Finalmente ho l’opportunità di potermi recare nella mia città in completa libertà dagli obblighi lavorativi che mi assediano. Oggi niente clienti. Per oggi soltanto Parma nei miei pensieri. Ci sarà pure un parcheggio libero in zona Cittadella! Trovato, ma con le inconfondibili strisce blu che reclamano il pagamento del tempo di sosta. Mi incammino e attraverso lo Stradone. Il Petitot andrebbe un poco di più valorizzato. Ha assunto il tono dimesso riservato ai rondò e alle aiuole spartitraffico. Sono almeno vent’anni che....
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

2 commenti:

e.piovani ha detto...

Molto bello l'articolo di Mazzali. Soprattutto il finale, visto che condividiamo la stessa speranza: di entrare presto in San Francesco del Prato.

Pramzanserass ha detto...

Ringrazio l' amico Elvis per il giudizio lusinghiero che mi ha voluto "regalare" in occasione di questo mio scritto. Sicuramente la crisi economica di questi anni non aiuta chi vorrebbe impegnarsi di più per CREARE un vero tour turistico dei capolavori Pramzan. Il Comune non può sobbarcarsi i costi esorbitanti di un piano di ristrutturazione generale. Ma potrbbe aiutare la città predisponendo un vero percorso culturale e artistico. la soprintendenza dovrebbe collaborare attivamente per perseguire questo fine. Idem dicasi per curia e privati , i quali, avrebbero tutto l' interesse a farsì che turisti affamati di conoscere le nostre opere d' arte, non lascino la città solo dopo aver visitato le solite mète illustrate su ogni opuscolo informativo locale ( intendo : Duomo,Battistero, S.Giovanni, Steccata e la Pilotta con la Galleria Nazionale ma non con i suoi spazi interni finalmente acessibili). Mi riprometto di compiere un' altra passeggiata in città. Chissà che qualche porta-portone non sia finalmente aperto.