/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

mercoledì 30 marzo 2011

E il figlio della "strajäda" Luciana Curti

ANCHE UN MEZZO PARMIGIANINO COLOR CIOCCOLATO HA CANTATO A NEW YORK DAVANTI
A NAPOLITANO
Nel suo lungo tour per le celebrazioni del centocinquantenario dell'Unità il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano domenica era a New York, accolto dalla comunità italiana - Toccante l'esibizione canora dei bambini della scuola "Nostra signora di Lourdes", allievi della maestra parmigiana Luciana Curti, che hanno cantato l'inno americano - Tra di loro anche il piccolo Robert , figlio di Luciana e del giornalista afro-americano Neal Baker
























Anche un po' di Parma american style nell'incontro che la comunità italiana negli Stati Uniti ha avuto domenica scorsa a New York con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione delle celebrazioni per il centocinquantenario dell'Unità d'Italia. Qualcuno avrà già visto il servizio dedicato all'evento dalla Rai, quindi per la cronaca vi rimandiamo ai link (in inglese) qui sotto. Qui ci limitiamo a notare che uno dei momenti più toccanti dell'incontro è stato quando il tenore siciliano ha cantato l'Inno di Mameli e i bambini della scuola "Nostra Signora di Lourdes", allievi della maestra parmigian-traversetolese Luciana Curti, strajäda a New York da sette anni, hanno eseguito l'inno americano, diretti dal maestro Melo. Tra loro anche Robert, 6 anni e mezzo, che Luciana ha avuto dal giornalista sportivo afro-americano Neal Baker.
(Nelle foto: 1) Luciana Curti con il marito Neal Baker e il figlio Robert; 2) I bambini della "Nostra Signor di Lourdes" con la bandiera italiana, in prima fila al centro Robert Baker, figlio di Luciana Curti; 3) In prima fila da sinistra Luciana Curti accanto al figlio)
IL SERVIZIO DI "OGGI A NEW YORK"
IL SERVIZIO DI LIDIA'S BLOG

Nessun commento: