/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

giovedì 31 marzo 2011

Una foto, una storia -176-

QUEL MASSAGGIO
A UGO TOGNAZZI
Ugo Tognazzi, nel settembre 1972, rimase a Parma per qualche settimana perché nella nostra città fu girata buona parte del film "Questa specie d'amore", di Alberto Bevilacqua, del quale fu l'interprete principale con Jean Seberg. Le riprese avvennero in una villetta di via Mantova, alla Pilotta e a Casale di Felino. Tognazzi in quei giorni ebbe l'occasione di conoscere bene Parma, dove era stato già due anni prima per alcune riprese de "La Califfa", sempre diretto da Bevilacqua, e Giovanni Ferraguti lo "beccò", sorridente, mentre si faceva massaggiare da una nota estetista di Parma. Per vedere la foto basta cliccare qui sotto per leggere la nuova puntata di "Una foto una storia", che Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti.
QUEL MASSAGGIO A TOGNAZZI

mercoledì 30 marzo 2011

E il figlio della "strajäda" Luciana Curti

ANCHE UN MEZZO PARMIGIANINO COLOR CIOCCOLATO HA CANTATO A NEW YORK DAVANTI
A NAPOLITANO
Nel suo lungo tour per le celebrazioni del centocinquantenario dell'Unità il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano domenica era a New York, accolto dalla comunità italiana - Toccante l'esibizione canora dei bambini della scuola "Nostra signora di Lourdes", allievi della maestra parmigiana Luciana Curti, che hanno cantato l'inno americano - Tra di loro anche il piccolo Robert , figlio di Luciana e del giornalista afro-americano Neal Baker
























Anche un po' di Parma american style nell'incontro che la comunità italiana negli Stati Uniti ha avuto domenica scorsa a New York con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in occasione delle celebrazioni per il centocinquantenario dell'Unità d'Italia. Qualcuno avrà già visto il servizio dedicato all'evento dalla Rai, quindi per la cronaca vi rimandiamo ai link (in inglese) qui sotto. Qui ci limitiamo a notare che uno dei momenti più toccanti dell'incontro è stato quando il tenore siciliano ha cantato l'Inno di Mameli e i bambini della scuola "Nostra Signora di Lourdes", allievi della maestra parmigian-traversetolese Luciana Curti, strajäda a New York da sette anni, hanno eseguito l'inno americano, diretti dal maestro Melo. Tra loro anche Robert, 6 anni e mezzo, che Luciana ha avuto dal giornalista sportivo afro-americano Neal Baker.
(Nelle foto: 1) Luciana Curti con il marito Neal Baker e il figlio Robert; 2) I bambini della "Nostra Signor di Lourdes" con la bandiera italiana, in prima fila al centro Robert Baker, figlio di Luciana Curti; 3) In prima fila da sinistra Luciana Curti accanto al figlio)
IL SERVIZIO DI "OGGI A NEW YORK"
IL SERVIZIO DI LIDIA'S BLOG

martedì 29 marzo 2011

Una foto, una storia -175-

IL POLIZIOTTO
E L'HOVERCRAFT
Bruno Sartori, negli anni Ottanta, era un poliziotto che... guardava avanti. Così, nell'officina sotto casa costruì un hovecraft artigianale che avrebbe potuto sostituire, almeno in certe situazioni particolarmente difficili, le "volanti". Lo provò sul greto della Parma e il "battesimo" ebbe successo. Poi però..... Volete vedere l'hovercraft di Sartori e sapere come andò a finire? Cliccate qui sotto per leggere la nuova puntata di "Una foto una storia", la bella rubrica che Giovanni Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti.
IL POLIZIOTTO E L'HOVERCRAFT

lunedì 28 marzo 2011

"Ridèmma insèmma" con Gino e Dino -3-

PARMA E LE COMICHE
SU PRAMZANBLOG TV

I due cabarettisti parmigiani Gino e Dino presentano in esclusiva per Pramzanblog, dopo "La fontana" e "Cercasi pizzaioli" una nuova comica, "Il dirimpettaio", per la nostra rubrica "Ridèmma insèmma"


IL DIRIMPETTAIO

Stasera tutti al PalaCiti, ore 20

BENEFICANDO
CON LE STELLE

Il Lavezzini Basket ha concluso ieri sera la stagione regolare con una nuova sconfitta (59 a 71 in trasferta con la Comense) e ora si prepara ai playout, ma prima del percorso verso la salvezza, questa sera fa festa al PalaCiti con l'annunciato "evento dell'anno": "Le stelle giocano per la solidarietà". Abbiamo già spiegato sabato perché vale la pena andare a vedersi questo torneo di calcetto benefico: perché ci sono le giocatrici del Lavezzini assieme a tantissimi famosi personaggi della nostra città e perché l'incasso (ingresso a offerta) va al reparto di neuropsichiatria infantile dell'Ospedale Maggiore. Nella foto qui sotto la squadra dei Verdi, che vinse lo scorso anno.
L'ARTICOLO DI SABATO CON I NOMI DI TUTTI I PARTECIPANTI

La nuova puntata di "Su il sipario"

ZOPPI INTERVISTA
CRISTINA
BERSANELLI
La puntata di questa settimana di "Su il sipario" comprende una bella intervista che Paolo Zoppi ha fatto alla parmigianissima Cristina Bersanelli, uno dei nomi emergenti del panorama musicale - Da bambina ballava il liscio e si esibiva spesso con l'Orchestra Casadei, poi ha scelto la strada della musica lirica: è pianista e direttore di palcoscenico
Bella è bella, brava è brava, simpatica è simpatica. Tutte qualità che l'hanno aiutata ad emergere e a ritagliarsi piano piano (nemmeno tanto piano piano) uno spazio nel panorama musicale. Parliamo di Cristina Bersanelli, parmigiana del sasso, pianista e direttore di palcoscenico, nonché, da gennaio, collaboratrice del canale di Classica di Sky, dove prepara i testi e presenta le opere del repertorio italiano in programmazione. Ovviamente Zoppi non poteva lasciasi scappare un personaggio del genere, cosicchè le ha dedicato una bella intervista, che ha inserito nella sua rubrica Su il sipario. Intervista con molti spunti interessanti e sorprendenti, come quando la Bersanelli svela che da bambina è stata tre volte campionessa italiana di ballo liscio ed ha ballato anche con l'orchestra di Raoul Casadei. In Su il sipario di questa settimana Paolo Zoppi ricorda anche, nella sottorubrica Almanacco, il soprano Clara Petrella, nata il 28 marzo 1918 e scomparsa il 19 novembre 1987.
(Nella foto: Cristina Bersanelli)
LEGGETE SU IL SIPARIO

domenica 27 marzo 2011

Crociati - Petrarca 23-33

SCONFITTA NETTA
FRATI:
ABBIAMO
REGALATO
TROPPI PALLONI
IN TOUCHE

Gli uomini di Filippo Frati non centrano l'obiettivo del terzo posto in classifica perdendo al XXV Aprile contro il Petrarca Padova - Frati: "La loro è una grande squadra, si è sempre saputo che sono tra i favoriti al titolo"
Peccato. Sconfitta netta e meritata, anche se per gran parte del match c'è stato un certo equilibrio. Il primo tempo, che al ventesimo vedeva i Crociati in vantaggio per 10 a 0, si è concluso con i veneti avanti per 13 a 10. Nella ripresa, dopo un iniziale pareggio (13 a 13) il Petrarca ha preso il sopravvento. Verso la fine gli uomini di Frati erano sotto di 17 punti (16-33), ma proprio allo scadere una meta di Fa'Atau, trasformata da Anversa, ha riportato il risultato in termini più accettabili.
IL COMMENTO A CALDO DI FILIPPO FRATI
"Abbiamo mancato troppi palloni nelle touche, sì, abbiamo regalato troppi palloni. Il nostro gioco generalmente parte proprio da quelle azioni e quindi oggi è risultato smorzato. Loro erano più reattivi, più incisivi, sempre presenti nei punti d'incontro, ci hanno messo più aggressività, più cattiveria, ci hanno messo costantemente pressione, riuscendo a rubarci palloni importanti. Alla fine ha fatto la differenza la gestione tecnica di Walsh e di Mercier. Non dimentichiamo che il Petrarca ha appena inserito in rosa giocatori molto importanti, come Mercier e Travagli, rafforzando il suo ruolo di una delle favorite del campionato".

Vi siete ricordati?

ANCHE A PARMA
UN'ORA IN PIÙ...

Alle 13 il super match Crociati - Petrarca

PANE E RUGBY
ALL'ORA DI PRANZO
Oggi il BancaMonte Cociati Rugby affronta al XXV Aprile il Petrarca Padova per il posticipo della tredicesima giornata della regular season - È in palio in terzo posto in classifica - Inconsueto l'orario, per motivi televisivi: l'incontro è infatti trasmesso in diretta da Rai Sport 2















Crociati - Petrarca: che partitona! Ma che orario! proprio oggi che non gioca il Parma calcio e che i parmigiani avrebbero potuto andarsi a godere, in un orario da cristiani, una probabilmente assai bella partita di rugby. Invece, grazie a "mamma Tv", i veri patiti della pallovale dovranno andarsi a mangiare un panino al XXV Aprile, perché la partita comincerà alle 13 (ora legale, quindi ancora mezzogiorno nella mente e nelle gambe dei giocatori). Gli appassionati, ma meno "patiti", se la guarderanno invece in Tv. Peccato, perché un bel tutto esaurito al XXV aprile sarebbe molto utile ai giocatori allenati da Filippo Frati, che oggi si giocano il terzo posto in classifica. Il Petrarca infatti è a quota 41 e i Crociati a 38. Una vittoria (con 4 punti, magari con 5....) significherebbe sorpasso. Mica facile però. Perché i patavini si sono rinforzati con due arrivi di lusso, Mercier e Travagli (ex Rugby Parma) e i Crociati si sono appena indeboliti, dovendo rinunciare per tutto il resto del campionato a James Ireland, infortunatosi ai... crociati nell'ultima partita a Venezia. Gente tosta, però, i nostri, quindi scenderanno in campo ben decisi a vincere, nonostante la sfiga. Ci vorrebbe, ecco, un incoraggiamento "sontuoso"....
L
e formazioni annunciate: BancaMonteParma Crociati Rfc: Trevisan; Fa’Atau, Damiani, Iannone, Woodman; Anversa, Marco Frati.; Sigg, Mandelli (cap), Delnevo; Kolo’Ofai, Boggiani; Coletti, Giazzon, Lovotti. A disposizione: Romano, Saccomani, Singh, Minari, Ferrarini, Alfonsi, En Naour, Garulli. Allenatore Filippo Frati. Petrarca Padova: Mercier; Acuna, Ale. Chillon, Bertetti, Spragg; Walsh, Travagli; Galatro, Barbini, Palmer; Cavalieri, Sutto; Chistolini, Costa Repetto, Fazzari. A disposizione: Gega, Caporello, Gatto, Tveraga, Targa, Alb. Chillon, Bortolussi, Neethling. Allenatore Presutti. Arbitrerà il romano De Santis.
(Nelle foto: 1) Marco Anversa (by Francesca Kekka Olivetti); 2) Pippo Frati)

sabato 26 marzo 2011

“Le stelle giocano per la solidarietà”

NON PRENDETE IMPEGNI
LUNEDÌ SERA:
AL PALACITI
GIOCANO LE STELLE
Manca ormai poco alla quarta edizione dello spettacolare torneo benefico di calcetto organizzato da Lavezzini Basket Parma, con la partecipazione di personaggi dello sport, della politica, dello spettacolo, del giornalismo e dell’imprenditoria pramzàna - Prestigioso l’elenco dei partecipanti, tra questi anche l’assessore Lorenzo Lasagna che l’anno scorso vinse con la squadra dei Verdi - Ingresso ad offerta - L’incasso sarà devoluto al Reparto di Neuropsichiatria infantile dell’Ospedale Maggiore
di ACHILLE MEZZADRI

Dove eravamo rimasti? All’assessore Lorenzo Lasagna che il 22 marzo dell’anno scorso posava felice assieme agli amici della squadra Verde G.M. (Andrea Amadasi, Marco Balestrazzi, Luca Cantagalli, Rino Ceronte, Mascia Foschi, Marco Giandebiaggi, Massimo Giovannelli, Luca Ianelli, Francesco Iurlaro, Roberto Manghi, Francesco Mazzariol, Pietro Razzini, Rossano Rinaldi, Mario Salvini, Jennifer Screen, Laura Summerton, Monica Vaccari, Silvia Zola e gli allenatori Enrico cavalca e Giancarlo Ceci) attorno alla coppa vinta nella terza edizione del torneo benefico di calcetto “Le stelle giocano per la solidarietà”, lodevole iniziativa uscita dalla mente di Daniele Villani e di tutto lo staff dirgenziale di Lavezzini Basket. E anche al 14 aprile dell’anno scorso quando gli organizzatori del torneo ed alcuni partecipanti posarono sorridenti accanto allo spettacolare “assegnone” di 3.650 euro raccolti in quella magica serata e destinati al reparto di oncoematologia pediarica dell’Ospedale Maggiore. Ebbene, squadra che vince non si tocca, così Villani and company ripropongono anche quest’anno pari pari il torneo, ed è la quarta volta, convinti (a ragione) che il cocktal sport - personaggi - solidarietà funziona. Il nuovo appuntamento è lunedì 28, ore 20, ovviamente al.......
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO CON I NOMI DI TUTTI I PARTECIPANTI

Quelli che il rugby - Eccellezza

Dal Centro sportivo "G.Onesti" di Roma

Risultato finale

MANTOVANI LAZI
O 32
GRANDUCATO PARMA 22


MARCATORI - Pt: al 10' cp Jones (0-3); al 13' mnt Sintich (0-8); al 16' cp Law (3-8); al 21' m. Ventricelli tr. Law (10-8); al 23' m. Manu (15-8);al 31' m. Manu tr. Law (22-8); al 33' cp. Jones (22-11); al 39' cp Jones (22-14); al 42' cp Law (25-14); St: al 69' cp Jones (25-17); al 79' mnt Mortali (25-22); all'84' m. Rota tr. Law (32-22)

CLASSIFICA PROVVISORIA: Rovigo 48; Prato 47; Petrarca Padova* 41; Crociati Parma* 38; Granducato Parma 34; Roma 32; Lazio 23; Mogliano 20; L'Aquita 15; Venezia 0
* Petrarca e Crociati una partita in meno

DOMANI, DOMENICA 27, CROCIATI - PETRARCA ALLE ORE 13 (diretta Raisport 2)

venerdì 25 marzo 2011

Quando i lettori scrivono

LA PASSEGGIATA
DI UNO STRAJÈ

di FABRIZIO MAZZALI
Giornata soleggiata questa. Finalmente ho l’opportunità di potermi recare nella mia città in completa libertà dagli obblighi lavorativi che mi assediano. Oggi niente clienti. Per oggi soltanto Parma nei miei pensieri. Ci sarà pure un parcheggio libero in zona Cittadella! Trovato, ma con le inconfondibili strisce blu che reclamano il pagamento del tempo di sosta. Mi incammino e attraverso lo Stradone. Il Petitot andrebbe un poco di più valorizzato. Ha assunto il tono dimesso riservato ai rondò e alle aiuole spartitraffico. Sono almeno vent’anni che....
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

"Un occhio parmigiano sul mondo" -7-

DAL BAULE
DELLE MERAVIGLIE
DI FORNACIARI:
Carlo Bergonzi
alla Corte Pallavicina
Il fotografo parmigiano, una delle firme di Gamma, offre in visione ai parmigiani, attraverso Pramzanblog, alcune delle fotografie che realizzò per la celebre agenzia francese dal 1976 al 1991, ma anche foto più recenti, che sono già entrate a far parte del suo sterminato archivio - In questa puntata vediamo Carlo Bergonzi, il "tenore verdiano del Novecento" quando fu uno degli ospiti alla "Notte dei culatelli" all'Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense
Eccoci alla settima puntata della rubrica "Un occhio parmigiano sul mondo", che raccoglie le foto dell'archivio del fotografo parmigiano Edoardo Fornaciari, con molte di quelle che scattò per l'agenzia francese Gamma (per la quale collabora attualmente) dal 1976 al 1991. La fotografia di oggi è più recente ed è stata scattata da Fornaciari all'Antica Corte pallavicina di Polesine Parmense, dove il "Gran Maestro" è uno degli chef italiani più apprezzati, Massimo Spigaroli. Ebbene, a una "Notte dei culatelli", evento cultural - gastronomico che si svolge ogni anno a luglio, Fornaciari ha eseguito uno splendido ritratto del tenere verdiano del Novecento, Carlo Bergonzi, che per altro è di casa da quelle parti, perché è nato a Vidalenzo. Per vedere la foto leggete la rubrica "Un occhio parmigiano sul mondo" cliccando qui sotto.
UN OCCHIO PARMIGIANO
SUL MONDO:
CARLO BERGONZI

giovedì 24 marzo 2011

Una foto, una storia -174-

C'ERA UNA VOLTA
RE NASONE
C'era una volta... Re Nasone. Purtroppo si deve parlare al passato perché il celebre concorso di Soragna che ogni anno eleggeva l'italiano con la "proboscide" più gagliarda, non c'è più, per motivi economici, dal 1985. Era nato nel 1966 e nelle sue venti edizioni aveva consegnato lo scettro a personagi simpaticissimi provenienti da tutta Italia. Grazie a Giovanni Ferraguti, o meglio al suo alter ego, Gion Guti, possiamo vedere, nella rubrica "Una foto, una storia", re Nasone del 1983, Re Francesco I. Cliccate qui sotto.
RE NASONE

mercoledì 23 marzo 2011

"Ridèmma insèmma" con Gino e Dino -2-

PARMA E LE COMICHE
SU PRAMZANBLOG TV

I due cabarettisti parmigiani Gino e Dino presentano in esclusiva per Pramzanblog, dopo "La fontana", una nuova comica, "Cercasi pizzaioli", per la nostra rubrica "Ridèmma insèmma"


CERCASI PIZZAIOLI

È morta Liz Taylor

QUANDO LIZ VENNE
A MANGIARE

ALL'AURORA

Liz Taylor, la celebre attrice americana, che il 27 febbraio scorso ha compiuto 79 anni, è morta oggi al Cedars Sinai Medical Center di Los Angeles - Le erano vicini i figli avuti da Michael Wilding, quelli avuti da Michael Todd e Maria Burton, adottata nel matrimonio con Richard Burton

Ciao Liz. La celebre attrice americana, figlia di una coppia di americani, nata il 27 febbraio 1932 a Hampstead, vicino a Londra, è morta oggi nella clinica dei divi, la Cedars Sinai Medical Center di Los Angeles, dove era ricoverata da settimane. Ha vinto due Oscar: per Venere in visone (1960) e per Chi ha paura di Virginia Wolf? (1966) e ha avuto sette mariti (ma con Richard Burton si è sposata due volte). Proprio con Richard Burton, a metà degli anni Sessanta, venne Parma un giorno per poter assaggiare, con Richard Burton, i tortelli d'erbetta della mitica Margherita al ristorante Aurora. Non stava girando alcun film nella nostra città. Durante il viaggio in autostrada, lei e Burton furono consigliati di uscire al casello di Parma per mangiare all'Aurora. Ovviamente la Gazzetta di Parma inviò una sua troupe, composta da Giovanni Ferraguti, Bruno Salati e l'allora giovanissimo Achille Mezzadri, l'attuale papà di Pramzanblog. Nella foto vediamo appunto Liz e Burton con Salati appena scesi dall'automobile, davanti alla Steccata.

martedì 22 marzo 2011

Una foto, una storia -173-

DUE GEMELLI FAMOSI
(Ma sapete
come si chiamano?)
Chi è a Parma che non ha mai visto due gemelli assolutamente identici, magari insieme in bicicletta per le vie della città? Di gemelli ce n'è a Parma, ma certamente loro sono i più famosi, anche perché per anni hanno gestito un esercizio pubblico. Forse però pochi conoscono i loro nomi e il loro cognome. Allora, se volete rivederli in foto e soddisfare la vostra curiosità, cliccate qui sotto per leggere la nuova puntata di "Una foto, una storia", a firma di Gion Guti.
DUE GOCCE D'ACQUA

Emergenza in casa Pramzanblog

AGGREDITA CINDY
LA CAGNOLINA
DI MR. PRAMZANBLOG

Cindy, il dolcissimo meticcio - femmina che vive da tre anni nella casa del papà del nostro giornal-blog è stata aggredita domenica sera da una femmina di grossa taglia (forse lupo, o simile) vicino a casa - Dopo le prime cure è stata portata alla Clinica veterinaria San Siro, a Milano, dove le sono stati praticati numerosi punti di sutura, perché i morsi del cane aggressore (il padrone si è volatilizzato) erano stati di una discreta profondità. Questa la diagnosi: "Due ferite cutanee lacere addome lato destro, con scollamento dei tessuti sottostanti". Cindy non corre alcun pericolo, e adesso, imbottita di antibiotici e andidolorifici, ha cominciato la convalescenza. Abbiamo ritenuto opportuno informare anche i lettori di Pramzanblog perché siamo convinti che tra di loro ci siano anche tantissimi amici dei nostri animali domestici, che danno tanto amore chiedendo in cambio soltanto amore.


QUANTA SOLIDARIETÀ!
L'aggressione subita da Cindy ha commosso i lettori e gli amici di Pramzanblog. Sia sul sito, sia su Facebook, perfino da Corfù, sono arrivati, e continuano ad arrivare, numerosi messaggi di solidarietà. Tutti graditi e in particolare quello di Parmaindialetto che addirittura, sul suo sito, ha pubblicato il messaggio di Briciola, il cagnolino di Mr. Parmaindialetto. C'è la versione in italiano e in dialetto. Vi consiglio di leggerla.
IL MESSAGGIO DI BRICIOLA

lunedì 21 marzo 2011

La nuova puntata di "Su il sipario"

APPLAUSI TIEPIDI
PER "MACBETH"
AL MUNICIPALE
DI PIACENZA

Accoglienza "di cortesia" per l'opera verdiana, quarto e ultimo titolo della Stagione lirica del teatro piacentino, con qualche "buuu" per il direttore d'orchestra Aldo Sisillo - Dissensi anche, ma ingiustificati, per Susanna Branchini - Ne parla diffusamente Paolo Zoppi nella sua rubrica "Su il sipario" - Nella stessa puntata anche il resoconto della "Cavalleria rusticana" andata in scena al Teatro Magnani di Fidenza per festeggiare i dieci anni di vita dell'associazione "Fidenza per i bambini del mondo"
Non è stato un successo da ricordare la "prima" del quarto e ultimo titolo della stagione lirica piacentina, il Macbeth andato in scena al Teatro Municipale di Piacenza, diretto da Aldo Sisillo, perfino qualche "buuu" per lui. Applausi tiepidi per tutti, e dissensi anche per Lady Machbeth, Susanna Branchini, che però Paolo Zoppi, nella nuova puntata della sua rubrica Su il sipario definisce "ingiustificati". Nella stessa puntata della rubrica Zoppi parla anche della Cavalleria rusticana, il capolavoro di Pietro Mascagni andato in scena al Teatro Magnani di Fidenza, con Roberto Costi e Giorgia Bertagni (applauditi) per festeggiare i dieci anni di vita della meritevole associazione "Fidenza per i bambini del mondo". Perfetta, come scrive Zoppi, l'organizzazione artistica di Romano Franceschetto e ottimo il Coro delle Terre Verdiane, diretto dal mastro Fabrizio Cassi.
(Nella foto: Una scena del "Macbeth" piacentino)
LEGGETE SU IL SIPARIO

domenica 20 marzo 2011

Cor crozè - L'opinione di Michelotti

VITORJA MERITÄDA
(Mo a m'é gnù
la palpitasjón

a vèddor 'na batalja
compagna)

SAMPDORIA - PARMA 0-1 Ragas, j'ò mis su un pär d'ociäj parchè a m'éra gnù la congiuntivite e in-t-al cór la palpitasjón a vèddor 'na batalja compagna. Mo al Pärma incó l'à meritè la vitòrja dabón. Vundoz eroi sòtta la maja crozäda. Al Pärma d'incó al m'é piazù bombén, parchè l'à zughè 'na partida con corag', con determinasjón. E an gh'é 'd bali né 'd balén, mi a són contént bombén.
Alberto, anche oggi un'espulsione. L'arbitro ha cacciato fuori Dzemaili. Non sono troppe le espulsioni a danno del Parma negli ultimi tempi? Anche i dirigenti del Parma si lamentano...
Ragas, stèmma bón. Guardèmma solamént al rizultät: co' vrèmmia 'd pu? Èmma véns... E po al zvissor l'é stè un cojón a fär un fäl compàgn. Comunque partita difficile, molto combattuta, senza esclusione di colpi, molto spezzata dai falli, ben venticinque. A gh'é da dir però che i nostor incó j éron m
ólt deciz, j éron miga andè dal cibach a färos mèttor la coraméla sòtta al scärpi, j éron andè invéci dal manescàl... Abbiamo avuto anche un pizzico di fortuna.
Il rigore contro il Parma, sbagliato dall'ex Maccarone, c'era?
Be', c'era il fuorigioco, il guardalinee l'aveva anche segnalato, mo chi gh'à da decidor? L'arbitro. E l'arbitro l'à deciz acsì...Il giudizio dell'arbitro, ricordiamocelo, è quello che conta, è un giudizio inappellabile.
Mirante oggi è stato determinante...
A t'al pól dir. Merita 8+. L'à fat du miracol. L'à salvè al rizultät.
Che cosa vuoi dire della difesa oggi?
Zaccardo molto bene, non solo per il gol, un gran gol, da vero attaccante. L'à mandè la bala insìmma a l'angol déstor dal portér, ch'al s'éra butè a sinistra... Paletta l'é tornè finalmént a fär la ruscaróla, Pisano senza infamia e senza lode, ma bene. Bravi, bravi.
Il centrocampo?
Dzemaili, al zvissor, l'à fat 'na béla gara, però dop al s'é fat casär fóra p’r un fal da cojón. Tutto il centrocampo mi è piaciuto. Ha fatto ottimamente da filtro davanti alla difesa, ha dato tranquillità ai difensori. Questo è il lavoro che devono fare i centrocampisti. Mi è piaciuto Gobbi, mi è piaciuto Morrone.
E là davanti?
Grande Amauri. Mai domo. Chilù al gh'à fat gnir la candéla al näz a j avarsäri. Gran lottatore, sempre presente nelle azioni importanti. Candreva un po' egoista, al vól sémpor zugär la bala lu. Palladino bene. Giovinco massacrato di falli dai difendori della Sampdoria.
Il migliore del Parma?
Chi vuoi che sia? Amauri, an gh'é dubbi.
Il peggiore?
No, nessun peggiore. E po incó à miga zughè Valerio...
Marino ha vinto una partita chiave. Si allontana il rischio che possa venire sostituito...
Be' inc
ó al Pärma l'à meritè ‘d vénsor
e quindi il merito va anche a Marino. Ormäi al va gnàn via se j al porton via con 'na ruspa...
pramzan45

(Si ringrazia Giuseppe Mezzadri per la supervisione della parte dialettale)

La domenica sportiva di Pramzanblog

CALCIO Serie A
Dallo Stadio di Marassi

Risultato finale
SAMPDORIA 0
PARMA 1


Marcatore: Zaccardo al 65'
Nota: Espulso Dzemaili

__________________________________________
RUGBY Eccellenza / Risultati finali

a Mestre
CASINO' VENEZIA 20
CROCIATI PARMA 41

(con bonus)

al XXV Aprile
GRANDUCATO PR 21
MACHIOL MOGLIANO 9


ROLAND DE MARIGNY, l'allenatore del Granducato: "Abbiamo vinto meritatamente. Grande volontà, grande carattere, una giirnata molto positiva. Siamo ancora al quinto posto e siamo contenti di questa posizione, quindi i playoff sono ancora alla nostra portata. Sarà una questione, credo, tra i Crociati, noi e Futura Park. Ma ai ragazi continuo a dire: "andiamo avanti settimana per settimana. Non guardiamo in casa degli altri e pensiamo solo alle nostre partite. Nel prossimo turno andremo a Roma, per affrontare il Mantovani Lazio".

____________________________________________
Basket - Serie A1 femminile

Dal PalaCiti
Risultato finale

LAVEZZINI PR 45
CRAS TARANTO 56
(14-17; 20-30; 36-41)

sabato 19 marzo 2011

19 marzo: Festa del papà

AUGURI A TUTTI
I PAPÀ PRAMZÀN

Una foto, una storia -172-

FRANCO NERO
ALL'ORFEO

Nel 1967 tantissimi parmigiani stiparono il vecchio caro cinema Orfeo per vedere il film "Camelot", di Johua Logan, che aveva tra gli interpreti, nel ruolo di Lancillotto, il concittadino Franco Nero, cresciuto ai Prati Bocchi e diplomato al Melloni. Non si aspettavano certo di ritrovarselo in platea. Invece accadde proprio: durante l'intervallo scoprirono che era seduto in una delle prime file, tra due donne. Chi erano? Basta cliccare qui sotto e leggere la nuova puntata della rubrica "Una foto, una storia", che Giovanni Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti.
FRANCO NERO

venerdì 18 marzo 2011

Un nuovo video sul nostro canale YouTube

SU PRAMZANBLOG TV
LA ROCCA DI SORAGNA

Da una registrazione di Rai5 abbiamo tratto una parte del viaggio nei luoghi verdiani compiuto tempo fa da Philippe Daverio


LA ROCCA DI SORAGNA

giovedì 17 marzo 2011

Al Teatro dell'Opera di Roma

NUCCI NEL NABUCCO
DELLA FESTA
DELL'UNITÀ D'ITALIA

Chi non ha seguito la diretta televisiva del Nabucco andato in scena al Teatro dell'Opera di Roma per celebrare l'Unità d'Italia, può godersi su Pramzanblog Tv l'aria "Chi mi toglie il regio scettro" cantata dal "pramzàn" Leo Nucci

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, esponenti del governo, della cultura e dell'imprendioria: tutti al Teatro dell'Opera di Roma per assistere stasera a uno dei punti culminanti delle celebrazioni per l'Unità d'Italia: il Nabucco, diretto dal maestro Riccardo Muti, con il "nostro" Leo Nucci nel ruolo di Nabucco. L'opera è trasmessa in diretta da Rai3 e Rai Storia, ma Pramzanblog Tv, per chi se la fosse persa, regala ai lettori di Pramzanblog la celebre aria "Chi mi toglie il regio scettro", cantata dal solito grande Leo Nucci. Buon divertimento.
NUCCI: "CHI MI TOGLIE IL REGIO SCETTRO"


Una foto, una storia -171-

L'ADDIO AL CALCIO
DI LUISA ANCELOTTI

Giovanni Ferraguti, si sa, è sempre stato un "curioso della cronaca" e, come una bonjärba pramzàna, era sempre presente quando accadeva qualcosa. Sia prima come fotografo, sia poi come giornalista. Nella prima situazione si trovò così ad assistere anche all'addio al calcio di Luisa Gibellini, parmigiana, che giocava come portiere in una squadra reggiana. Perché Ferraguti seguì Luisa? Perché era allora la fidanzata (diventò poi la moglie, ed ora è la moglie separata) di Carlo Ancelotti. Dopo una partita in cui rimediò un sacco di limiti e la portò a decidere di lasciare il calcio, Luisa si trovò Ferraguti perfino nello spogliatoio e si lasciò ritrarre come si trovava, in mutadine e reggiseno. Vi incuriosisce questa cosa? Allora andate a vedere la nuova puntata di "Una foto, una storia", che Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti. Cliccate qui sotto.
LUISA ANCELOTTI

Il 150° dell'Unità d'Italia

QUEI QUATTRO
PARMIGIANI

CHE IL 17 MARZO 1861
ACCLAMARONO
VITTORIO EMANUELE II
RE D'ITALIA

Alla prima storica seduta del Parlamento Italiano a Palazzo Carignano, a Torino (il 18 febbraio) e poi alla successiva del 17 marzo, per la proclamazione del primo Re d'Italia, erano presenti quattro deputati della nostra provincia, i parmigiani Girolamo Cantelli (eletto a Parma Nord) e Pietro Torrigiani (eletyto a Borgotaro) e i bussetani Giuseppe Piroli (eletto a Parma Sud) e Giuseppe Verdi (eletto a Borgo San Donnino) - C'era anche Antonio Gallenga, eletto a Langhirano, ma non era parmigiano




























(Nelle foto: 1) La prima seduta del Parlamento italiano; 2) Da sinistra: Girolamo Cantelli, Pietro Torrigiani, Giuseppe Piroli, Giuseppe Verdi; 3) L'atto di proclamazione di Vittorio Emanuele di Savoia a Re d'Italia; 4) Vittorio Emanuele II)

mercoledì 16 marzo 2011

Dall’America ci arriva una storia commovente

UN TUCANO PER RICORDARE
GIUSEPPE LUNARDI
L’ARCHITETTO - MOTOCICLISTA

Bruno e Leonardo Lunardi, i figli più giovani del fotografo Giovanni, strajè a Sarasota, in Florida, partecipano da anni, con risultati positivi, ai tornei di beach volley nel loro Stato e da quest’anno per il loro team hanno scelto il marchio di un tucano stilizzato, per ricordare il fratello del loro papà, scomparso tragicamente durante una gara di speedway nel 1975 - L’anno seguente era stato creato il Motoclub Giuseppe Lunardi, che aveva come marchio proprio lo stesso tucano, disegnato da Pietro Galli

di ACHILLE MEZZADRI
Sabato 5 marzo è cominciata nelle spiagge della Florida la stagione del beach volley che si protrae fino a novembre. Ai tornei prendono parte, da diversi anni, due baldi giovanotti molto legati a Parma: Bruno e Leonardo Lunardi, 26 e 28 anni, i figli più giovani del fotografo Giovanni, strajè a Sarasota, in Florida. Sulle maglie del loro team appare, da quest’anno, un tucano stilizzato. Un tucano che porta con sé una storia commovente e bellissima. Ce la racconta Giovanni. “Purtroppo nel 1975, era l’8 maggio”, dice “persi un fratello, Giuseppe, che ..............
(Nelle foto - CLICCARE PER INGRANDIRE - : 1) Giuseppe Lunardi; 2) Bruno (a sinistra) e Leonardo Lunardi)
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

martedì 15 marzo 2011

Bernardo Bertolucci compie 70 anni

BUON COMPLEANNO,
MAESTRO

Il grande regista parmigiano celebra l’anniversario alla vigilia della Festa nazionale per l’Unità d’Italia e nel giorno della la messa in onda, integrale, su L7 D, di uno dei suoi capolavori, Novecento, nella nuova copia restaurata - Contemporaneamente sta preparando il suo grande ritorno sul set, lavorando alla sceneggiatura del film “Io e te”, tratto da un romanzo di Niccolò Ammaniti

Buon compleanno, Maestro! Alla vigilia della festa dell’Unità d’italia, è anche festa per il cinema, perché Bernardo Bertolucci, il grande regista parmigiano, trionfatore agli Oscar del 1988 con L’ultimo Imperatore e autore di film che sono entrati nella storia del cinema, compie 70 anni, proprio nel periodo in cui, dopo anni oscuri, durante i quali ha dovuto fare i conti con problemi di salute, sta preparando il suo attesissimo ritorno sul set. Sta infatti lavorando alla.......
(Bertolucci in due foto scattate a 20 anni di idstanza l'una dall'altra da due fotografi parmigiani: da Edoardo Fornaciari nel 1991, da Giovanni Lunardi nel 2011 - fine del 2010 / © Riproduzione vietata per entrambe le foto)

LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO, CON LE LOCANDINE DI TUTTI I FILM DI BERTOLUCCI

"Un occhio parmigiano sul mondo" -6-

DAL BAULE
DELLE MERAVIGLIE
DI FORNACIARI:
Gli splendidi 50 anni
di Claudia Cardinale
Il fotografo parmigiano, una delle firme di Gamma, offre in visione ai parmigiani, attraverso Pramzanblog, alcune delle fotografie che realizzò per la celebre agenzia francese dal 1976 al 1991 - In questa puntata vediamo Claudia Cardinale quando, nell'aprile del 1988, si fece fotografare nella sua casa per una Casa editrice argentina
Quella che pubblichiamo oggi è la sesta puntata della rubrica "Un occhio parmigiano nel mondo", che raccoglie le foto dell'archivio del fotografo parmigiano Edoardo Fornaciari, con molte di quelle che scattò per l'agenzia francese Gamma (per la quale collabora attualmente) dal 1976 al 1991. Il 1° aprile del 1988 Fornaciari, con un inviato della Casa editrice argentina Editorial Atlántida di Buenos Aires, fu a Roma per realizzare un servizio fotografico a casa di Claudia Cadinale, che il 15 aprile seguente avrebbe compiuto 50 anni. Fornaciari scattò splendide foto, che furono pubblicate in Argentina, ma con una sorpresa... Per sapere come andò, leggete la rubrica "Un occhio parmigiano sul mondo" cliccando qui sotto.
UN OCCHIO PARMIGIANO
SUL MONDO:
I 50 ANNI DI CLAUDIA

Una foto, una storia -170-

NOZZE GITANE
A BARRIERA SAFFI

Era l'autunno del 1977 quando a Parma ci fu un avvenimento nuovo per la città, le nozze gitane. Furono celebrate sotto un tendone nell'allora Macello comunale, l'attuale Parco Pellegrini. Cerimonia sfarzosa, durata tre giorni. Giovanni Ferraguti ovviamente non poteva lasciarsi suggire un evento così e ora ci fa vedere un'immagine di quel rito, con i gitani neosposi, nella sua rubrica "Una foto, una storia", che firma con lo pseudonimo di Gion Guti. Cliuccate qui sotto per leggere la nuova puntata.
LE NOZZE GITANE

lunedì 14 marzo 2011

Perché "Gente" è su Pramzanblog

MA CHE BELLO
IL NUOVO "GENTE"!

Sta arrivando nelle edicole di tutta Italia, completamente rinnovato nella grafica e anche nei contenuti, il settimanale "Gente", diretto da Monica Mosca - Più grandi servizi e più foto

di ACHILLE MEZZADRI
C'è marchetta e marchetta. In gergo giornalistico chiamasi "marchetta" il servizio che nasce quasi per un obbligo, cioè per fare un piacere a qualcuno o per soddisfare una richiesta di qualcuno. Ma quella che mi accingo a proporvi non è una "marchetta" di quel tipo lì. Nessuno mi ha chiesto niente e io non sono certo un tipo che "sviolina" per conquistare simpatie. Anzi mi stanno sui santissimi quelli che si comportano così. La presentazione del nuovo Gente su Pramzanblog, anche se può sembrare una "marchetta", è invece un'esigenza del cuore. Io a Gente ci ho lavorato per 26 anni, questo glorioso settimanale è stato la mia casa, il mio rifugio, mi ha fatto viaggiare nel mondo, mi ha fatto crescere professionalmente, mi ha permesso di lavorare con direttori prestigiosi (ricordo con affetto il grande Antonio Terzi), mi ha consentito di conoscere un grande maestro del giornalismo, Edilio Rusconi, mi ha fatto vivere momenti esaltanti, come quando tanti anni fa centrai lo scoop dell'esclusiva mondiale della nascita dei sei gemelli Giannini. A Gente ci ho lasciato il cuore e... la moglie, Anna Carrera, che lavora ancora lì. E in tempi di vacche magre, in tempi di crisi, vedere il "mio" giornale che alza la testa, ringiovanisce d'incanto, si arricchisce nella grafica e nei contenuti, guarda insomma al futuro con baldanza giovanile, mi procura, lo confesso, una bella emozione. Ho sfogliato attentamente questo primo numero della nuova era e francamente l'ho trovato, direi, perfetto. Può piacere molto alle donne (ma anche agli uomini, perché no?), senza differenze di età. Merita secondo me (e un po' di esperienza ce l'ho, concedetemelo, dopo 40 anni di carriera e ancora "in esercizio" grazie a Pramzanblog) tanta fortuna. Complimenti a Monica, che continua a pieno merito la tradizione di famiglia e quella dei grandi direttori di Gente e complimenti anche all'ottima redazione e a Simona Marzorati, che ha studiato il rinnovamento grafico, come scrive il direttore nel suo editoriale "con capacità e allegria". Lettori di
Pramzanblog, seguite il mio consiglio: buttateci un occhio.
(Nelle foto -CLICCARE PER INGRADIRE- : 1) La copertina del nuovo Gente; 2) Monica Mosca)