O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 28 febbraio 2011

La nuova puntata di "Su il sipario"

LA PAROLA
AI LOGGIONISTI:
CARLO MORA

Paolo Zoppi in questa puntata riapre la "sottorubrica" dedicata ai loggionisti e racconta il suo incontro con un mitico veterano, Carlo Mora, che era già un assiduo frequentatore del Regio al tempo di Beniamino Gigli - Nella stessa puntata il commosso ricordo di un grandissimo "Otello" con del Monaco, quarant'anni fa
Dopo aver incontrato Gigètt Mistrali, forse il volto più noto dei loggionisti "storici" del Teatro Regio, questa volta Paolo Zoppi nella sua rubrica "Su il sipario" ha riaperto la "sottorubrica" dedicata alla "piccionaia", incontrando il veterano, Carlo Mora, grande appassionato e grande intenditore. "La musica va ascoltata tutta", ha detto Mora a Zoppi, riferendosi alla rappresentazione del "Naso". Ed infatti, pur essendo un inguaribile melomane, non ha voluto mancare all'opera di Šostakovič. Zoppi ha aggiunto alla sua rubrica un ricordo personale: un esaltante "Otello" di quarant'anni fa, con Mario Del Monaco.
(Nella foto: Carlo Mora)
LEGGETE SU IL SIPARIO

Nessun commento: