O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 17 febbraio 2011

Il ricordo del maestro, a 5 anni dalla morte

ROMANO GANDOLFI,
MIO ZIO















“Sono vissuto accanto a lui per quarant’anni”, dice il nipote Cesare Gandolfi, assessore alla Cultura di Medesano “e ho potuto apprezzarne le straordinarie doti umane” - “Mi ha insegnato che per fare strada nello vita bisogna avere passione e spirito di sacrificio” - Domani, venerdì 18, nel giorno dell’anniversario, al Teatro “Adriana Baratta” di Medesano, su iniziativa del centro studi Romano Gandolfi “La favorita del re”, andrà in scena lo spettacolo di prosa “Rigoletti” - Domenica 20, alle 11, messa in suffragio nella chiesa di Medesano, celebrata dal parroco don Gianni Maria Torri

di ACHILLE MEZZADRI
Se decidessimo un giorno di ricordare Romano Gandolfi, grande direttore d’orchestra e di coro, scomparso 5 anni fa esatti, il 18 febbraio 2006, raccogliendo le testimonianze di tutti coloro che l’hanno conosciuto, ci hanno lavorato insieme e gli hanno voluto bene, metteremmo in piedi un libro. Perché il baritono.......
(1) Il maestro Romano Gandolfi in un ritratto di Edoardo Fornaciari © Riproduzione vietata; 2) Cesare Gandolfi)
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: