O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 8 febbraio 2011

I protagonisti della Stagione Lirica 2011

CARLO LEPORE:
“Mi ha colpito il calore
del pubblico di Parma"
Il basso napoletano ha debuttato al Regio nel ruolo di Fra Melitone in “La forza del destino”, ricevendo ovazioni dal pubblico - “All’inizio non ho trovato subito la chiave di lettura che il regista voleva dare al personaggio, ma poi mi sono affidato alla sua professionalità con fiducia e mi sono inserito bene” - “Ringrazio
l’ottimo coro che si è prestato con grande disponibilità ai miei maltrattamenti sulla scena”
di PAOLO ZOPPI
Metti due quarti di Eduardo, un quarto di Totò, un quarto di Albertone e una spruzzata di Troisi, quel che ne esce è un cocktail di straordinaria fantasiosa teatralità. Carlo Lepore, napoletano verace ma cresciuto a Roma, si porta dietro in giro per il mondo, insieme a Rossini & Co. questi numi tutelari, che rappresentano, la quintessenza delle proprie radici, la Treccani del carattere napoletano. E di questo mix di teatralità, simpatia e nu poco ‘e pazzia il basso napoletano ne ha trasfuso a piene mani nel personaggio di Fra Melitone nella........
(Nella foto: Carlo Lepore in "La forza del destino" al Regio)
LEGGETE L'INTERVISTA COMPLETA

Nessun commento: