O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 6 febbraio 2011

I protagonisti della Stagione Lirica 2011

AQUILES MACHADO:
“Nel mio Venezuela
darò l'addio
al Duca di Mantova"
Il tenore venezuelano, già noto ai melomani parmigiani per aver interpretato al Regio “Bohème”, “Lucia di Lammermoor”, “Messa da Requiem”, “I racconti di Hoffmann” e “Rigoletto”, è tra i protagonisti de “La forza del destino” - “Il mio debutto è stato protetto dal maestro Gelmetti, con il quale ho lavorato benissimo” - “Sto cambiando il mio repertorio: non canterò più nel Rigoletto”
di PAOLO ZOPPI
Dall’Aquiles Machado dei Racconti di Hoffmann del febbraio 2004 e del Duca di Mantova del 2005, molte cose sono cambiate, sia sul piano personale sia vocale. Infatti in questi ultimi anni il tenore venezuelano ha lasciato lungo la strada una cinquantina di chili e una vocalità, allora più propensa ad un repertorio di lirico leggero, che invece oggi ben si presta a personaggi più robusti e drammatici come Don Alvaro. C’è però un particolare che...........
(Nella foto: Aquiles Machado (by Mira Kriznam ©)
LEGGETE L'INTERVISTA COMPLETA

Nessun commento: