O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 20 gennaio 2011

Una foto, una storia -154-

L'ARBITRO E IL
RACCATTAPALLE

Oggi la rubrica di Gion Guti "Una foto, una storia" è dedicata a un piccolo episodio del 1986, avvenuto durante la partita Modena - Parma di serie B. Fu una partita difficile da arbitrare, per le intemperanze dei tifosi e successe anche che un giovanissimo raccattapalle fu colpito da un lancio di monetine. L'arbitro fermò la partita e soccorse il ragazzino. Il nome di questa "giacchetta nera" (allora vestivano ancora così) è diventato famoso soprattutto grazie al figlio dell'arbitro, Gianluca, che ricalcò le sue orme con ancor maggiore successo. Volete sapere di chi stiamo parlando? Cliccate qui sotto e andate a vedere la nuova puntata di "Una foto, una storia".
☞ L'ARBITRO E IL RACCATTAPALLE

Nessun commento: