O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 4 gennaio 2011

Una foto, una storia -147-

850 INVITATI
E UN ABUSIVO PER
LA CONTESSINA

Nel 1989 uno degli eventi mondani più importanti del Nord Italia fu rappresentato certamente dalla festa per i 18 anni e il conseguente debutto in società della contessina Consolata Radicati di Primeglio, nipote del principe Diofebo Meli Lupi, che si svolse nella Rocca di Soragna. Ottocentocinquanta gli invitati, tra i quali anche Maria Gabriella di Savoia, ma anche un "abusivo", che riuscì a infiltrarsi. Chi poteva essere? Giovanni Ferraguti, certo, ed ora due foto di quella grande festa sono nella rubrica "Una foto, una storia", a firma Gion Guti. Cluccate qui sotto.
I 18 ANNI DELLA CONTESSINA

Nessun commento: