/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

domenica 9 gennaio 2011

Successo del Trio Violette di Parma

MUSICA DA PELLE D'OCA
NELLA MAGICA
ATMOSFERA
DELL'AUDITORIUM
DEL CARMINE

Grandi emozioni con il concerto del trio tutto al femminile (Carla They, Halla Marget e Alessandra Azimonti) a contorno del convegno nazionale degli Hospitalier - Ecco una mini-galleria con foto di Franco Saccò - Archimmagine per Stadiotardini.com e la cronaca di Gabriele Majo








di GABRIELE MAJO
È stato particolarmente apprezzato dagli Hospitaliter Italiani – presenti a Parma ieri ed oggi (sabato 8 e domenica 9 gennaio 2011) su iniziativa dell’Hospitalite Notre-Dame De Lourdes e dell’Agenzia Associazionismo e Cooperazione Internazionale del Comune di Parma – lo spettacolo
Ave, Mater, una creazione originale del Trio Violette di Parma, che riprende testi teatrali, poesie e preghiere di ogni epoca, tratti da opere di Alda Merini, Madre Teresa di Calcutta, Francesco D’Assisi, Dante Alighieri, Giuseppe Ungaretti, Pier Carpi, e i vangeli di Luca e Marco, uniti a brani musicali trascritti ed elaborati su musiche di Caccini, Gounod, Puccini, Mascagni, Verdi, Sibelius, Kaldalons, Shubert. “Abbiamo ideato questa rappresentazione dedicata a Maria ad hoc per questa occasione – ha spiegato l’arpista Carla They, al termine della esecuzione, mentre assieme all’attrice teatrale Alessandra Azimonti e al soprano Halla Margret (che dal 2007 si sono unite nel Trio Violette di Parma), riceveva i meritati complimenti dal pubblico raccolto, ed estasiato, dell’Auditorium del Carmine. “Era la prima volta che cantavo in questo posto, e devo dire che ho provato una certa soggezione”, ha aggiunto l’applauditissimo soprano Halla Margret, la quale, sul proscenio non ha tradito alcuna emozione, anche nella esecuzione di brani difficili, che anzi hanno esaltato le sue indubbie qualità vocali. La suadente voce narrante – in lingua italiana e francese – dell’attrice Alessandra Azimonti ha fatto da trait-d’union tra i vari brani proposti nella serata dedicata a Maria, partendo dall’Annunciazione fino alla Nascita di Cristo. Le Tre Violette di Parma durante la serata hanno indossato splendidi abiti in cui risaltava la tonalità verde smeraldo, sotto di loro, sul palco, una statua della Madonna, cui le tre artiste hanno subito donato l’omaggio floreale appena ricevuto al termine della loro esibizione, prima del richiestissimo – ed applauditissimo – bis, una ‘elaborazione’ mozzafiato dell’Ave Maria di Schubert.
Gli Hospitaliter – cioè i meravigliosi volontari che da ogni parte d’Europa accompagnano gli ammalati al Santuario di Lourdes – hanno scelto per il raduno nazionale la città di Parma per la sua vocazione al volontariato ed alla musica, potendo così unire lo spettacolo serale Ave, Mater, alla parte istituzionale con il saluto in mattinata del Presidente Antoine Tierny, la relazione sullo spirito Hospitaliter nel mondo della sofferenza di Padre Michel Riquet, e nel pomeriggio le riflessioni sul Tema Pastorale 2011: “Con Bernardette recitare il Padre Nostro”, l’incontro con le Associazioni di Pellegrinaggio italiane e l’Hospitalitè NDL e la SS. Messa presieduta da S.E. Mons. Enrico Solmi, Vescovo di Parma. Per oggi, domenica 9 gennaio 2011, è in programma la Messa in Cattedrale (alle 9.30) e al termine un giro della città e dei suoi principali luoghi di interesse architettonico ed artistico.
(g.m.)
Servizio fotografico di Franco Saccò - Archimmagine

Nessun commento: