/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

domenica 23 gennaio 2011

Stagione lirica 2011 - Prima della “prima”

PERCHÉ
LA “FORZA DEL DESTINO”

È CHIAMATA
“LA MALEDETTA”

Molte circostanze negative hanno accompagnato fin dalla nascita la quint’ultima opera del “cigno di Busseto”, che venerdì 28 gennaio aprirà la nuova stagione del Teatro Regio - In questo articolo facciamo rivivere l’atmosfera, spesso costellata di disgrazie, in cui vide la luce questo capolavoro di Verdi, che proprio nel periodo in cui cominciò a pensare alla “Forza” fu eletto deputato del Regno d’Italia, il 27 gennaio 1861, proprio 150 anni fa

di ACHILLE MEZZADRI
Come “prologo” a questo articolo cominciamo subito con una piccola curiosità statistica: mercoledì 27 gennaio, il giorno in cui a Busseto sarà rappresentato Nabucco, e alla vigilia de La forza del destino che inaugurerà il giorno seguente la stagione 2011 del Teatro Regio, non si celebrerà soltanto il 110° anniversario della scomparsa di Giuseppe Verdi, ma anche il 150° della sua elezione a deputato del neonato Regno d’Italia. Data che ci riporta al periodo in cui vennero gettate le basi per un nuovo capolavoro del “cigno di Busseto”, appunto . Il Maestro era La forza del destino“fermo” da un po’: dopo Un ballo in maschera che era andato in scena per la prima volta al Teatro Apollo di Roma il 17 febbraio 1859, aveva tirato un po’ i remi in barca, anche perché distratto da altre situazioni, il matrimonio, segretissimo, con la sua compagna Giuseppina Strepponi, celebrato il 29 agosto 1859 a Collonges sur-Salève, in Savoia e la ristrutturazione della dimora di Sant’Agata, che gli asciugò in buona parte il già cospicuo patrimonio. Cercò anche di dire no all’amico conte Camillo Benso di Cavour che gli aveva chiesto........
(Nelle foto: 1) Il primo libretto della "Forza del destino"; 2) Giuseppe Verdi a San Pietroburgo per la "prima" della "Forza")
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: