O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 15 gennaio 2011

Rinverditi i tempi del grande Pepén

TORTA FRITTA E SCARPETTE
ANCHE A CHIAVARI
PER UN SANT’ILARIO
ALLA PRAMZÀNA
Festa alla parmigiana all’Hotel Stella Maris di Chiavari, con i figli dell’indimenticabile Pepén Clerici, Luigi e Franco e con una delle anime della parmigianità, Giuseppe Mezzadri, arrivato appositamente da Parma - Ha partecipato anche il sindaco della città ligure, Vittorio Agostino, molto legato a Parma, dove si è laureato e dove ha lavorato come manager di un’importante azienda - Consegnate due targhe, alla memoria di Pepén e di Giulio Favalesi, pioniere della “invasione” parmigiana nel Tigullio

di ACHILLE MEZZADRI
Come ai bei tempi. Come ai tempi di Pepén, quello degli indimenticabili panini, quello della grande famiglia Clerici, quello che a un certo punto lasciò Parma per aprire un ristorante nel Tigullio, a Bocco di Leivi, sulle alture di Chiavari, territorio “colonizzato” dai parmigiani. Ecco, proprio a Chiavari, ieri l’altro, ricorrenza di Sant’Ilario, il Patrono di Parma, si è respirata di nuovo aria pramzàna. Per carità, non che i parmigiani siano scomparsi dal Tigullio: continuano a andarci a schiere d’estate e, i meno giovani, complice il clima più mite, ci vanno a svernare durante la stagione fredda. Così, come per magia, alle orecchie del signor Pessagno, per gli amici semplicemente Aldo, titolare dell’Hotel Stella Maris, punto di riferimento di tanti parmigiani, sono arrivate storie parmigiane, racconti, la leggenda della scarpetta di Sant’Ilario, la torta fritta, Pepén, eccetera eccetera. E allora il signor Pessagno, per gli amici semplicemente Aldo, che non è uno che sta tanto a pensarci su, ha chiamato i suoi amici Luigi e Franco Clerici, appunto i figli dell’indimenticabile Pepén, e ha detto più o meno...........
(Nelle foto; 1) La tavolata pramzàna; b) I figli di Pepén Clerici, Franco (al centro) e Luigi (a destra) con Bernardo Pessagno, titolare dell'hotel Stella Maris di Chiavari, promotore del Sant'Ilario nel Tigullio)
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: