/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

mercoledì 5 gennaio 2011

Lettera al sindaco di sei associazioni

QUELLI DEL DIALETTO
"RACCOMANDANO"
ANNA MARIA
DALL'ARGINE

PER IL SANT'ILARIO

Le sei associazioni culturali parmigiane che hanno dato vita gli spettacoli itineranti "Stasìra parlèmma in djalètt" e "Spéta ch'am mètt a djéta" hanno inviato una lettera al sindaco Pietro Vignali per caldeggiare la candidatura di Anna Maria Dall'Argine all'imminente Premio Sant'Ilario
Candidatura meritatissima (e ci auguriamo davvero che vada in porto), ma con stonatura. Le sei associazioni parmigiane protagoniste degli spettacoli itineranti "Stasìra parlèmma in djalètt" e "Spéta ch'am mètt a djéta" hanno proposto ufficialmente al sindaco, con una lettera, di assegnare il premio Sant'Ilario 2011 ad Anna Maria Dall'Argine, grande presidente della Famìja Pramzàna. Nulla da obiettare. Anzi, Pramzanblog, legato da rapporti di amicizia con tutte queste associazioni, si aggrega volentieri e si augura vivamente che il sindaco Vignali prenda in considerazione questa candidatura (se già non ci aveva pensato). Allora dove sta la stonatura? Nelle firme che sono in calce alla lettera: Famìja Pramzàna, Parma Nostra, Parmaindialetto, Parma Musicale, Circolo Pertini e Circolo Guareschi. Come si vede, apre la lista di firme proprio la Famìja Pramzàna, di cui è presidente, appunto, Anna Maria Dall'Argine. Candidatura più che giustificata, ripetiamo, ma poco fine la forma. È come se la Dall'Argine si fosse autocandidata, e siamo certi che non è da lei. Anna Maria è un'icona della parmigianità, ha dato grande impulso alla Famìja, è stata una delle anime del gruppo del dialetto, è un'ottima attrice: sono medaglie che nessuno le può togliere dal petto e certamente il sindaco Vignali sa queste cose. D'accordo che il gruppo dialettale è monolitico e la Famìja ne è parte integrante, ma in questo caso sarebbe stato più carino togliere la firma della Famìja nella "perorazione" al sindaco. Peccato per quella che riteniamo una stonatura, però, ribadiamo, non vediamo l'ora comunque che il premio arrivi anche ad Anna Maria. Facciamo un tifo forsennato. Intanto, ecco la lettera delle sei associazioni:
Gent.mo Dottor Pietro Vignali, Sindaco di Parma, Ci corre l'obbligo ed il piacere di segnalare alla Sua attenzione, una nostra intenzione di candidare per il premio S. Ilario la presidente della Famija Pramzana signora Anna Maria Dall'Argine. Il suo pluridecennale impegno per la promozione della tradizione dialettale Parmigiana, sia a livello teatrale come componente della compagnia dialettale “ La Famìja Pramzàna”, che poi come vicepresidente e attuale presidente della Associazione Famija Pramzana, nonché come promotrice di una proposta di collaborazione interassociativa cittadina, (che ha dato vita alla serie di spettacoli promossi da l’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma, denominati “Stasira parlèmma in djalètt “ ) crediamo vada non solo riconosciuta ma premiata . Questa nostra proposta è l'espressione di una volontà di alcune delle più attive associazioni culturali Parmensi, che promuovono la tradizione del nostro dialetto e cultura popolare, di riconoscere a coloro che si sono prodigati di portare avanti in vari ambiti, la nostra identità culturale e dialettale, il giusto risalto e merito. Abbiamo avuto modo di conoscere e apprezzare la disponibilità della Amministrazione Comunale relativamente alla salvaguardia e sostegno della cultura popolare, pertanto confidiamo in una Sua accettazione di tale candidatura.
Cordiali saluti

Le Associazioni Culturali:

Famìja Pramzàna
Parma Nostra
Parmaindialetto

Parma Musicale

Circolo Pertini

Circolo Guareschi

1 commento:

pramzanserass ha detto...

...e non dimenticherei le ragazze, i ragazzi dell' Orto Botanico i quali meriterebbero un riconoscimento da parte della città e delle istituzioni.A loro darei ben volentieri il premio S. Ilario 2011. Ex ecquo con la Sig.ra dall' Argine ,ovviamente.