O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 29 gennaio 2011

La "Forza del destino" : la recensione

UN’OTTIMA
“FORZA DEL DESTINO”
OVAZIONI
PER LA
THEODOSSIOU







Mattatrice della serata è stata Dimitra Theodossiou, fatta segno di una vera e propria ovazione e letteralmente ricoperta di fiori, unici vivaci colori nel monocromo scenario di Stefano Poda - Aquiles Machado, rinnovato nel fisico e nel repertorio, ha acquisito man mano tranquillità passando da un corretto “Pronti destrieri” ad un convincente e intenso “O tu che seno agli angeli” - Ottima prova di Vladimir Stoyanov, sempre una sicurezza il Padre Guardiano di Roberto Scandiuzzi - Piacevolissima sorpresa il Fra Melitone di Carlo lepore - Sul podio Gianluigi Gelmetti, senza bacchetta, ha letteralmente accompagnato orchestra e palcoscenico in una fusione efficace e univoca - Sempre all’altezza, ma che altezza, il coro preparato da Martino Faggiani

Recensione di PAOLO ZOPPI
“Prego di prevenire la Direzione del Teatro di Pietroburgo che nella distribuzione delle parti della Forza del Destino, oltre al Soprano, Tenore e Baritono, abbisognano: 1) Un soprano per fare................
LEGGETE LA RECENSIONE COMPLETA

Nessun commento: