O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 30 gennaio 2011

I protagonisti della Stagione Lirica 2011

MARIANA PENTCHEVA:
“Tutto il personale
del Regio è speciale,
a cominciare
dalla portineria"

Il mezzosoprano bulgaro ha debuttato al Teatro Regio nella serata di inaugurazione della stagione lirica, nel ruolo di Preziosilla - “A Sofia mi aspetta un marito che durante le mie assenze fa il “mammo” per nostra figlia, che ha 12 anni"
di PAOLO ZOPPI
Figlia di quella terra così prodiga di grandi tradizioni vocali che è la Bulgaria, Mariana Pentcheva si inserisce a pieno titolo e merito in quella stirpe di grandi voci che da Boris Christoff a Elena Nicolai, da Nicolai Ghiaurov a Ghena Dimitrova, ha trovato, non solo accoglienza in tutti i più grandi teatri del mondo, ma un posto fisso nella storia dell’opera. Capelli neri corvini, occhi vivacissimi, profondi e penetranti fanno da nobile contorno ad un viso allegro e sereno, opposto alla Ulrica che nell’immediato ricorda e così all’opposto di carattere. Puntualissima, passo deciso di chi è abituato a non tentennare mai e che tradisce un carattere temprato fin da ragazza in situazioni tutt’altro che comode, mi onora di una simpatica e interessante chiacchierata. “Ieri sera c’è stata...........
LEGGETE L'INTERVISTA COMPLETA

Nessun commento: