O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 23 gennaio 2011

Difesa a oltranza per la statua

IN CONTINUO AUMENTO
GLI AMICI DI SICURI












Non si ferma la solidarietà tutta pramzàna attorno alla statua di Enzo Sicuri in piazzale della Macina. Anche se dal Comune non arrivano segnali bellicosi, prosegue su Facebook la "marcia silenziosa" di tantissimi parmigiani che sono contrari allo spostamento, annunciato l'anno scorso dalla commissione per l'arredo urbano, alla Villetta. Non si tratta solo di anziani nostalgici, ma anche di giovani. Su Facebook com'è noto, su iniziativa di Pramzanblog, c'è un gruppo, "Salviamo la statua del Mat Sicuri a Parma" che sta acquisendo sempre maggiore consistenza. L'obiettivo minimo era quello dei 1000 iscritti, ma adesso ha già raggiunto quota 1140. Il signore nella foto è Angelo Mezzadri, amico ma non parente del "papà" di Pramzanblog. Si è appena aggiunto alla piccola schiera di parmigiani che vanno a farsi fotografare accanto alla statua. Avanti così.

Nessun commento: