/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

sabato 31 dicembre 2011

Stanotte addio al 2011

DOMÌLLADÒDOZ:
SPERÈMMA BÉN!
Manca poco ormai alla nascita del nuovo anno, il 2012, che non si preannuncia "entusiasmante" per nessuno, però la speranza è l'ultima a morire e, ricordandoci che Parma è stata considerata in passato "la piccola Parigi", Pramzanblog invita tutti i suoi lettori a festeggiare in atmosfera pramzàn- parigina, con una bella poesia di Luigi Vicini, "San Silvéstor" (tratta dal volume "Fóra dal témp", edito da Battei) e con il "french can can"

LEGGETE SAN SILVÉSTOR

venerdì 30 dicembre 2011

Con "La principessa della Czarda"

UN SAN SILVESTRO
DIVERSO?
TUTTI AL PAGANINI!




















 Per i ritardatari, per quelli vorrebbero trascorrere un San Silvestro diverso e per questo erano tentati di andarsi a gustare l'operetta "La principessa della Czarda", con Paola Sanguinetti, ma pensano che "tanto ormai non faccio più a tempo", ecco una buona notizia: c'è ancora la possibilità di trovare qualche posticino all'Auditorium Paganini. Fino all'ultimo. I biglietti infatti (40 euro) sono in vendita alla biglietteria del Regio, ma solo fino ad oggi. Domani, sabato 31, la biglietteria del Regio è chiusa, però gli ultimi biglietti rimasti si potranno comprare alla biglietteria dell'Auditorium (tel. 0521 247994). Nessun alibi dunque: se vi piace l'operetta, o se non la conoscete ma volete provare "a fare un giro", l'occasione è davvero imperdibile. Di possibilità a San Silvestro ce ne sono tante, si sa: balli, canti, cotillons, danze. Ma sono i soliti San Silvestri, ammettetelo. L'idea dell'operetta è una trasgressione alle abitudini molto intelligente. E alla fine dello spettacolo vi aspetta anche un brndisi con gli artisti. Il Paganini vi aspetta. Fino all'ultimo.
L'ARTICOLO SULLA SERATA (REPLICA)

Impariamo il dialetto parmigiano -1-

LE POESIE DI CAMPANINI
(tradotte in italiano)
Dal bel volume “Impariamo il dialetto parmigiano” (Tecnografica Editore) riproduciamo alcune delle pagine con le più belle poesie dialettali di Vittorio Campanini - La traduzione aiuta a migliorare la propria conoscenza del nostro dialetto - Oggi presentiamo una poesia in tema stagionale: “Infardorè”
LA PAGINA CON "INFARDORÈ"

giovedì 29 dicembre 2011

Racconti parmigiani -1-

QUEI NATALI
IN BORGO POLIDORO
L'atmosfera natalizia dei giorni che abbiamo appena trascorso nel ricordo struggente di Gian Paolo Cremonesini, che rievoca i tempi magici della sua gioventù in borgo Polidoro, nel cuore della città, distrutto dal piccone nel 1959
LEGGETE IL RACCONTO

mercoledì 28 dicembre 2011

Grandi vecchi volano

MARCHESE,
CHE TONNEAU!
Il marchese Guidobaldo Dalla Rosa Prati, 86 anni il prossimo 14 gennaio, è notoriamente un grande appassionato del volo (e non solo) e alla sua veneranda età, portata splendidamente, compie ancora evoluzioni acrobatiche nei cieli del Parmense - Pramzanblog vi fa vedere la sua più recente “impresa”, filmata nel giorno di Santo Stefano, con suo figlio Vittorio, a bordo di un Mudry Cap 10, quando ha sorvolato Fontanellato compiendo perfetti tonneau
di ACHILLE MEZZADRI
Non ho mai scritto, finora, un articolo dedicato esclusivamente al marchese Guidobaldo Dalla Rosa Prati, che pure ho avuto la fortuna e l’onore di conoscere, perché, leggendo i suoi due libri autobiografici, Avventure vissute in cielo, in terra, sopra e sotto i mari e Il piacere dell’avventura, mi sono semplicemente spaventato. Come condensare “tanta bella roba” in un’intervista o in un articolo? È vero, un buon giornalista deve............
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO 

martedì 27 dicembre 2011

Due appuntamenti di assoluto interesse

VERSO CAPODANNO
CON ARTE,
MUSICA, STORIA...
Il 2011 saluta i parmigiani con una lunga serie di eventi - Tra questi il “Percorso d’arte di fine anno 2011”, dalla Camera di San Paolo alla Pinacoteca Stuard del 29 dicembre (ore 20,45) e il “Concerto per soprano e arpa” all’Oratorio di Santa Maria delle Grazie del 31 dicembre (ore 16) Come sempre non c’è che da scegliere nei prossimi giorni che ci avviano verso Capodanno
Gli eventi, a Parma, sono davvero tanti, per tutti i gusti. Qui ne segnaliamo in particolare due di assoluto valore culturale, per i parmigiani dal palato fine. Il primo è in programma giovedì 29 dicembre, alle 20,45, e si tratta della sedicesima edizione del “Percorso d’arte di fine anno”. Ne parliamo molto volentieri perché coniuga l’arte alla musica e alla storia della nostra città.
Aria di tempi antichi, una sottile aria farnesiana, che ci riporta alle radici, al passato glorioso della nostra città ex capitale. L’appuntamento di quest’anno si intitola “Le Badesse di San Paolo. Un Monastero umanistico” e riaccende l’attenzione su storie ed emozioni antiche. Fa riaprire le porte............
(Nelle foto: 1) La locandina di "Percorso d'arte di fine anno 2011"); 2) L'arpista Carla They) 
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

lunedì 26 dicembre 2011

La 13.ma puntata di "Parma da riscoprire"

PARMA
DA RISCOPRIRE:

IL PONTE DI MEZZO

Elvis Piovani ritorna ad accompagnarci sui sentieri della nostra città che non c'è più, alla riscoperta di monumenti, chiese, palazzi, intere vie, spesso capolavori che sono stati cancellati o spostati, o divisi in più parti e spesso "nascosti" in qualche angolo - Oggi ci fa la storia del Ponte di Mezzo
Dopo un periodo di pausa Elvis Piovani torna sulle pagine di Pramzanblog con la sua bella rubrica "Parma da riscoprire", molto apprezzata dai nostri lettori. Oggi ricostruisce la storia del Ponte di Mezzo che ai tempi del fascismo, i giovanissimi di oggi certo non lo sanno, veniva chiamato Ponte Dux. E certamente ben pochi sapranno che da queste parti sorgeva in antichità il Ponte dei Salari, poi abbattuto. E nessuno tra i giovani ha avuto il tempo di vedere, sul Ponte di Mezzo, la cappelletta di San Giovanni Nepomuceno, ribattezzato dai parmigiani San Giovanni né pu né meno. Insomma, una storia molto interessante, che Piovani racconta come sempre con grande attenzione e precisione storica. Un racconto avvincente e documentato, tutto da leggere.

(Nelle foto: 1) Elvis Piovani; 2) Il logo di "Parma da riscoprire; 3)
Il Ponte di Mezzo quando c'era ancora la cappelletta di San Giovanni Nepomuceno)

Sandro Shundi Bocchialini scrive dagli States

BÓN NADÄL DA L'AMERICA
Alex (Sandro) Shundi Bocchialini, il pittore pramzàn che vive ad Amenia, nello Stato di New York, è rimasto legatissimo alle nostre tradizioni e ha preparato 'na bärca d'anolén. Ecco che cosa ci ha scritto, in djalètt pramzàn:
Bón Nadäl, Achille, a ti, a tutt i pramzàn e a tutt al mónd! Mi són chì in America, e par där ascólt a la tradisjón, a j'ò fat 'na bärca d'anolén, e di tordè dólz ala Pagani.  Sti americàn chi j m'àn magné zo tutt in déz minud, tra dil scuäzi e di gran sospir.
 CLICCARE SULLA FOTO PER INGRANDIRE

domenica 25 dicembre 2011

Il successo di "Bón Nadäl ala pramzàna"

PARMIGIANI, GRAZIE!
La canzoncina natalizia scritta e musicata da Achille Mezzadri ha avuto e sta avendo un successo che va al di là di ogni rosea previsione: il video, caricato su Pramzanblog Tv (il canale Youtube di Pramzanblog) il 13 dicembre scorso, ha ottenuto, al momento in cui pubblichiamo, 2.259 visualizzazioni su Youtube! Ed in più ha avuto anche l'onore di essere trasmesso da Tv Parma
Cari amici di Pramzanblog, amici parmigiani,
quando Enrico Maletti, all'inizio di novembre, mi suggerì di fare qualcosa insieme per Natale con Gabriele Majo, mi parve un'ottima idea. E siccome la era, cercai di capire che regalo si poteva fare ai parmigiani. Una canzoncina natalizia. E così, come sapete, è nata "Bón Nadäl ala pramzàna", parole e musica del sottoscritto. Certo, senza il contributo di Beniamina Carretta, che ha diretto il Coro delle Voci Bianche della Corale Verdi e quello di Roberto Barrali, che ha curato l'arrangiamento e l'accompagnamento al pianoforte, difficilmente avremmo fatto molta strada. Invece ne è venuto fuori un successo, anzi, potremmo dire, un grande successo. Al momento in cui scriviamo, il video, caricato su Pramzanblog Tv (il canale Youtube di Pramzanblog) il 13 dicembre scorso, ha ottenuto la bellezza di 2.259 visualizzazioni. Ed è anche stato trasmesso da Tv Parma! Il merito del successo va anche a chi ha fatto le riprese della registrazione, mio figlio Steve Mezzadri e Pietro Maletti, figlio di Enrico. E ancora a Steve, che ha curato con pazienza certosina nonché bravura il montaggio del video (non facile assemblare le immagini provenienti da tre telecamere diverse, senza l'ausilio di un mixer andato in tilt, e tutto ottenendo un sincrono quasi perfetto, e di immagini e di audio) e ancora a Pietro Maletti, che ha realizzato bellissime sigle di apertura e di chusura, molto apprezzate. Poi permettemi anche "l'autosbrodolatura" a proposito dell'organizzazione che ho curato personalmente da solo, contattando un sacco di personaggi di Parma (hanno tutti accettato con entusiasmo) e curando pure le pubbliche relazioni, per il lancio mediatico dell'impresa. Per questo ho l'orgoglio di poter dire che la "mia" canzone ha fatto bingo. E so già, per certo, che l'anno prossimo la "mia" canzone diventerà l'inno natalizio di alcune scolaresche di Parma. Insomma, belle soddisfazioni. Quindi ringrazio con il cuore, oltre all'amico Enrico Maletti che mi ha praticamente "spinto" a questa impresa, anche l'amico Gabriele Majo e tutti quelli che hanno apprezzato. Natale è passato, le feste continuano. Se volete potete ancora vedere e far vedere "Bón Nadäl ala pramzàna". È semplice: basta sintonizzarsi su Youtube (Canale di Pramzanblog Tv).
Achille Mezzadri

La tävla l'é parciäda...

BÓN NADÄL
A TUTT I PRAMZÄN

CLICCARE SULLE FOTO
PER INGRANDIRE

sabato 24 dicembre 2011

Le interviste di Pramzanblog: Alberta Brianti

“SONO UNA GIROVAGA
DEL TENNIS
MA HO SEMPRE
PARMA NEL CUORE”
di ACHILLE MEZZADRI
Una ragazza di trentun anni chiamata in vari modi. Alberta dagli sportivi. Tina nell’ambiente del tennis. Albi in famiglia. Di cognome fa Brianti, di nazione fa Italia, di paese fa Fontanellato, di città fa Milano, ma per la verità sembra più un’apolide, perché è una giramondo senza Patria che non ha dimora fissa per oltre 11 mesi all’anno. Perché Alberta Brianti, classe 1980, è la quinta migliore tennista italiana e nel tennis mondiale è tra le prime settanta, dopo essere stata anche tra le prime 55. Ovvio che sia condannata a non starsene ferma un attimo e ad anteporre il tennis a tutto il resto. Per stare aggrappata, e rincorrere, quel benedetto e maledetto ranking che è come una pagella scolastica. Più sei in alto e più ti danno.........
LEGGETE L'INTERVISTA COMPLETA

"Bón Nadäl ala pramzàna": quota 2000

LA CANZONE DI NATALE
OGGI SU TV PARMA
PRIMA DEI TG
delle 12:45 e 19:30

venerdì 23 dicembre 2011

"Bón Nadäl ala pramzàna": che successone!

RAGGIUNTA QUOTA 1700!
(E DOMANI SU TV PARMA)
La canzone natalizia con parole e musica di Achille Mezzadri e prodotta dal Superblog Pramzàn (Pramzanblog, Parmaindialetto e Stadiotardini.com), grazie alla bravura delle Voci Bianche della Corale Verdi dirette da Beniamina Carretta, all'accompagnamento al pianoforte di Roberto Barrali e alla simpatia e la disponibilità di tanti "Vip" pramzàn, può ormai essere considerata un piccolo "cult" di Youtube: il video (montato da Steve Mezzadri, con le sigle di Pietro Maletti) in soli 10 giorni (è stato "caricato" il 13 dicembre) ha già ottenuto la bellezza di 1700 visualizzazioni! (al momento in cui pubblichiamo questo articolo). E l'ascesa sembra non arrestarsi... Oltretutto il video sta facendo anche un piccolo giro del mondo: 17 visualizzazioni negli Stati Uniti, 7 in Svizzera, 6 in Argentina, 5 in Perù e in Francia...
Domani poi, Vigilia di Natale, come già annunciato, il video sarà trasmesso più volte da Tv Parma: precisamente subito prima di ogni edizione del TG: quindi prima di quello delle 12,45 (in diretta), delle 14 (replica), delle 19,30 (diretta) e delle 22,30 (replica). Davvero un grande successo. Cogliamo l'occasione per ringraziare tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione della canzone e del video (naturalmente la Corale Verdi che ci ha "prestato" la Sala Gandolfi per registrare) e anche tutti i parmigiani che hanno dimostrato di gradire il pensiero, spesso condividendo la canzone su Facebook e "rilanciandola" a parenti ed amici. 'Na volta 'd pu: Bón Nadäl (ala pramzàna, naturalmént).

Auguri come se piovesse

E QUESTA È LA CARTOLINA
DI LUCA INVERNIZZI
Dopo il messaggio augurale del grande Giovanni Lunardi, con l'immagine della nipotina Anna, ecco adesso la "cartolina natalizia" di Luca Invernizzi, che ha usato come "testimonial" l'Angelo della Luce della Steccata. L'amico Luca ci ha inviato la dedica e la foto (bellissima), noi abbiamo abbinato all'intenso blu del cielo il giallo dello sfondo della cartolina, per ottenere un "effetto Parma". E aggiungiamo: Bón Nadäl!
(CLICCARE SULLA FOTO PER INGRANDIRE)

Un "classico" di fine anno da Sarasota (Florida)

GLI SPLENDIDI
AUGURI
DELLA LUNARDI FAMILY
Sono diventati un classico gli auguri natalizi e di fine anno di Giovanni Lunardi, il grande fotografo parmigiano che vive a Sarasota, Florida. Ogni anno, da quando è nata la bellissima nipotina Anna, figlia di Christian e Jamie, la ritrae in modo diverso, trasformandola in testimonial degli auguri che invia a parenti e amici in tutto il mondo. Una "modella" eccezionale per eccezionali cartoline d'auguri, che Pramzanblog gira molto volentieri alla sua platea di lettori.
Nel 2009 Lunardi aveva ritratto la nipotina affacciata con una candelina a una finestra aperta all'orizzonte. Nel 2010, invece, in veste di bambolina, dentro a un pacco dono. 
Quest'anno la "composizione" è come sempre suggestiva e piena di poesia: Anna, 7 anni appena compiuti, è adesso un angioletto portafortuna, su una piccola nuvola che sovrasta un romantico paesaggio innevato. Dire "bravo" a Giovanni è perfino superfluo. Tutti sanno quanto, con le sue meravigliose fotografie, sappia suscitare emozioni. Auguriamo alla piccola Anna, a tutta la sua meravigliosa famiglia e all'esercito di lettori di Pramzanblog, un Buon Natale e che il nuovo anno, "bisesto", a dispetto della sua lugubre fama sia invece il più sereno possibile.
(Nelle foto: 1) La cartolina di quest'anno; 2) Gli auguri del 2009; 3) Quelli del 2010) 
CLICCARE SULLE FOTO PER INGRANDIRLE

mercoledì 21 dicembre 2011

Cor crozè - L'opinione di Michelotti

A GH'ÈMMA 'NA DIFÉZA
CH'LA PÄR
LA BANDA DAL BUZ...
PARMA - CATANIA 3-3 Ragas, mo é miga posibbil!.... Ät visst che roba? Al Pärma al vensäva tri a vón e po l'à parzè tri a tri. É sucés, a l'arvärsa, coll ch'éra sucés tri di fa cóntra al Lecce... Scrivvol, son delùz bombén. A gh'èmma la diféza pu parforäda dal campjonät! Oh... èmma ciapè séz goll in do partidi... Abbiamo buttato via quattro punti!
Com'è stato il primo tempo?
Un primm témp bón, njént da dir. Abbiamo rischiato perfino il 4 a 1 , il 5 a 1... 
E il secondo tempo?
Buio pesto. I nostor i parävon tot su da l'Iraia... I 'n stävon miga in pe!
C'era il rigore che ha portato il Catania sul 2 a 3?
Sì, sì, al gh'éra. Njént da dir.
Com'è stata la partita di Mirante?
Non riesco a dargli colpe, però... però se un portér al ciapa séz gol in do partidi 'na cuälca colpa la gh' sarà... o no?
Com'è andata la difesa?
Anca chi al medezim discórs.  Come fai a difendere un reparto che prende sei gol in due partite? L'é proprja la banda dal buz...
E a centrocampo?
Guärda, a m'é piazù Galloppa in-t-al primm témp, p'r al rést, lasèmma pärdor.
Il migliore del Parma?
A diriss nisón.
Il peggiore?
Forsi Zaccardo: al n'é pu lu. A pära ch'al gh'abia un óv ataca al cul cuand al s' móva.
Che voto dai stasera a Colomba?
Dagh sincov. Povrètt. Al fa coll ch'al pól, mo al ne sa pu co fär. Comunque, scrivvol, an s' pól miga ciapär séz goll in do partidi. E po in-t-la socetè j én parmalóz. I s' rabison cuand a critichèmma cla scuädra chi, mo èmmia ragión o no? 
pramzan45
(Revisione delle parti dialettali di Giuseppe Mezzadri)

Un regalo ai lettori

AL LUNÄRI
'D PRAMZANBLOG
P'R AL 2012 
Ci siamo il 2012 incombe e quindi offriamo agli amici del nostro giornäl-bloggh un calendario, pardòn, un lunäri, un po' particolare: i mesi sono rappresentati dalle immagini di personaggi parmigiani in costume di scena. Eccoli, in ordine di mese: Tonino Fereoli, Paola Sanguinetti, Barbara Biondini, la marchesa Zaira Dalla Rosa Prati con Giovanni Godi, Elvis Piovani, Francesca Strozzi con Camilla, Luigi Furlotti (Gino), Aldo Musci (Dino), Mario Bartoli, la marchesa Gabriella Pallavicino, Enrico Maletti e Achille Mezzadri. Potete scaricare al Lunari 'd Pramzanblog e tenerlo sulla scrivania del vostro computer, oppure stamparlo e appenderlo al muro. L'anno 2012 sarà bisestile e visto le arie che tirano c'è il timore che si avveri il proverbio "anno bisesto anno funesto) ma noi pramzàni siamo forti e sapremo superare ogni ostacolo. O, almeno, sperèmma... Ancora Bón Nadäl ala pramzàna (la nostra canzone ha già avuto su Youtube 1326 visualizzazioni!) e Bón Domìlladòddoz!

Il vaticinio di Michelotti

A N' GH'É MIGA 'D BALI:
A GH'É DA VÉNSOR
La voce più amata dell'Oltretorrente indossa la veste di indovino e prevede, con motivazione, il risultato della partita del Parma - E gareggia con un popolarissimo giornalista, Gianfranco Bellè
PARMA - CATANIA
VÓN A ZÉRO
"Achille, stasìra a gh'é da vénsor, miga 'd bali, eh? Piantärla lì 'd zugär a piciónbrìgol, tirär fóra la grénta, dal primm a l'ultom minud e vénsor. Chi s' n'in fréga se al Catania l'à apén'na batù al Palèrom... Stasìra a gh'é da fär i tri pónt. Mi digh che la fnirà vón a zéro". 
Il "competitor" di Albertone per questa partita è una delle firme più apprezzate del nostro giornalismo sportivo, Gianfranco Bellè, che dice: "Vado? Due a uno secco. Per noi segnano Pellè e Floccari, per loro l'argentino Maxi Lopez. Il Parma secondo me, sulle ali della disapprovazione del pubblico di domenica scorsa avrà una motivazione in più per ritornare al successo. Lo vuole il pubblico, la squadra, la dirigenza e lo richiede anche la classifica. Oggi come oggi abbiamo gli stessi punti del Parma di Marino dell'anno scorso. Dobbiamo mettere riparo a questa situazione per trascorrere un Natale sereno".  (mez)

lunedì 19 dicembre 2011

Il grande successo di “Bón Nadäl ala pramzàna”

SUPERATA QUOTA 1.100
SU YOUTUBE
E ALLA VIGILIA DI NATALE
SU TV PARMA
PRIMA DEI TG!
La canzoncina natalizia scritta da Achille Mezzadri e prodotta dal Superblog pramzàn (Pramzanblog, Parmaindialetto e Stadiotardini.com) sta andando oltre le più lusinghiere previsioni - In soli cinque giorni, da quando è stato caricato su Youtube, il video ha ottenuto 1115 visualizzazioni (al momento in cui pubblichiamo questo servizio) - E sabato 24 dicembre, Vigilia di Natale, sarà trasmesso da Tv Parma prima della sigla di ogni edizione del telegiornale - L’iniziativa sta raccogliendo unanimi consensi, ma con una voce fuori dal coro: quella dei loggionisti del Regio (e ti pareva..)
di ACHILLE MEZZADRI
Non perché l’ho scritta io e perché è prodotta dal Superblog pramzàn (l’unione virtuale di Pramzanblog, Parmaindialetto e Stadiotardini.com), ma Bón Nadäl ala pramzàna si sta rivelando davvero un autentico successo. Al di là delle più lusinghiere previsioni. La nostra iniziativa, che già aveva avuto l’onore di più d’un servizio sulla Gazzetta di Parma, su Tv Parma e su altre fonti di informazione locali, si avvicina alla definitiva “consacrazione”: sabato prossimo, 24 dicembre, Vigilia di Natale, il video della canzone, sapientemente montato da.............
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Il 31 dicembre torna l’operetta

MA CHE BEL SAN SILVESTRO:
La principessa della Czàrda
all’Auditorium Paganini
per aiutare
l’Assistenza Pubblica
Nella notte dell’ultimo giorno dell’anno fra tanti eventi non ci sarà che da scegliere - Ma, come è già avvenuto alla fine del 2010, ce ne sarà uno particolrmente intelligente: “La principessa della Czarda” , il capolavoro di Kálmán, che andrà in scena al Paganini, con Paola Sanguinetti protagonista principale in un cast in buona parte parmigiano - Regia, scene e costumi di Artemio Cabassi - L’incasso della serata andrà all’Assistenza Pubblica - Finito lo spettacolo, brindisi di mezzanotte nel foyer con tutti gli artisti e il pubblico


















 


di ACHILLE MEZZADRI
E operetta sia di nuovo. Visto lo straordinario successo ottenuto l’anno scorso con La vedova allegra di Lehár, anche quest’anno, nella notte di San Silvestro, all’Au-ditorium Paganini andrà in scena l’operetta, e precisa-mente La principessa della Czarda, di Kálman, con Paola Sanguinetti protago-nista (nella parte di Sylva Varescu) in un cast che sa molto di Parma. Oltre a lei, infatti ...........
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

La nuova puntata di "Su il supario"

QUELLA REGIA
QUANTO MENO DISCUTIBILE
DEL "FALSTAFF" A VERONA
Paolo  Zoppi ha dedicato buona parte di questa puntata al "Falstaff" che ha inaugurato, al Teatro Filarmonico di Verona, la stagione lirica invernale dell'Ente Arena - Come scrive il nostro critico nella sua rubrica, una buona edizione con buoni interpreti, a eccezione della regia di Luca Guadagnino, ricca di molti spunti decisamente discutibili - La puntata comprende anche il ritratto di Clara Petrella, per la serie "Quelle sere al Regio", la memoria di un celebre concerto di Marilyn Horne e la locandina di "Les Contes d'Hoffman" al Regio con Alfredo Kraus  nel febbraio 1988
Paolo Zoppi, lo sapete, è un critico musicale molto preparato e regala ai lettori, sempre, recensioni molto equilibrate, che dunque mai eccedono in trionfalismi (a parte rare eccezioni) o in cronache assolutamente distruttive. Ma "quando ce vò ce vò" e allora ecco che Zoppi, persona pacata e lontana da preconcetti, tira fuori gli artigli. Come nel caso di questa settimana, quando, recensendo il "Falstaff" che ha inaugurato, al Teatro Filarmonico di Verona la stagione lirica invernale dell'Ente Arena, ha fatto il pelo e il contropelo alla regia di Luca Guadagnino, quanto meno discutibile. Poi, per la serie "Quelle sere al Regio" Zoppi  ricorda Clara Petrella, che cantò nel nostro teatro in tre produzioni, dal 1941 al 1946. In questa puntata trovate anche un "momento storico", un indimenticabile concerto di Marilyn Horne al Regio, il 23 aprile 1980 e la serie delle locandine storiche.
(Nella foto: Applausi finali per gli interpreti di "Falstaff "a Verona)
NOTA PER I LETTORI: LA RUBRICA VA IN FERIE. RIPRENDERÀ A METÀ GENNAIO. PAOLO ZOPPI AUGURA BUONE FESTE

domenica 18 dicembre 2011

Cór crozè - L'opinione di Michelotti

I S'ÉN FAT FÄR SU
DA 'NA SCUÄDRA
'D BALÓRD...
PARMA - LECCE 3-3 Ragas, che lavór. A n'ò mäi visst 'na roba cómpagna. Èmma zughè contra l'ultma in clasifica e èmma rizghè 'd pärdor. Par fortón'na èmma parzè in-t-j ultom minud. E gh'é da dir anca che l'arbitro al s'a regalè un rigór...
Com'è stato il primo tempo?
Un primo tempo senza storia. Al Pärma l'à dominè al Lecce, ch'l'é 'na scuädra da riddor. Però l'arbitro al s'a dè un rigór (sgnè da Floccari) ch'al ne gh'éra miga gnanca a cridär. Cimba al s'é intortè in méza a du avarsäri e al s'é butè par téra. E l'arbitro al gh'é caschè... Dopa al primm témp mi a pensäva 'd vénsor du a zéro (ch'l'éra po la me previzjón) o parfinna tri a zéro...
E il secondo tempo?
Sèmma tornè in camp con la convinsjón 'd fär 'd j ätor goll e invéci i s'àn tot in méza. In tri minud èmma ciapè du goll... E pénsa contra chi èmma zughè.... La paräva la bujja 'd Bogléz...
La bujja 'd Bogléz?
Aj me témp, a Bogléz, 'na frasjón 'd Sorbol, a gh'é stè 'na gran bujja, al scur, tra di lädor 'd formaj vestì da carabiniér e di vér carabibniér. E 'csì i l'àn ciamäda la bujja 'd Bogléz...
Però dopo l'1 a 3 siamo riusciti ad agguantare il pareggio...
Sì, sì, udite udite: primma  à sgnè Pellè! Incredibbil. Po par fortón'na Galloppa l'à portè a ca al parègg'.
Mirante ha colpe suo gol subiti?
No, no, al ne gh'à miga 'd colpi.

Com'è andata la difesa?
Primma at digh 'd Palètta: an l'ò mäi visst zugär 'csì mäl. Zaccardo acsì 'csì, Sgorbación - Gobbi an l'ò miga visst.
E a centrocampo?
Guärda, incò Modesto l'à fat sbudlär dal riddor. Par Galloppa a gh' sarìss da där un sìncov, ch'al dvénta séz parché l'à fat al goll dal parègg'. Biabiany l'é stè al pu bón.
Il migliore del Parma?
Gnàn da dir: Cimba - Biabiany.
Il peggiore?
Lasèmma pärdor: sèmma sotta Nadäl.
Che voto dai oggi a Colomba?
Dagh sincov. Ormai comincio ad avere qualche dubbio sulla sua mania di difensivismo.
Alberto, hai completamente "cannato" il tuo "vaticinio". Avevi previso un due a zero... Ci è andato molto più vicino Giorgio Gandolfi, che aveva previsto 1 a 1 oppure 2 a 2, comunque un pareggio...
Bräv lu... Cme 'diz i francéz: chapeau!
pramzan45
(Revisione delle parti dialettali di Giuseppe Mezzadri)

sabato 17 dicembre 2011

Il vaticinio di Michelotti

STAVOLTA A GH' CIAP:
DMÀN A VENSÈMMA
La voce più amata dell'Oltretorrente indossa le veste di indovino e prevede, con motivazione, il risultato della partita del Parma - E gareggia con uno dei "grandi" del giornalismo sportivo di Parma, Giorgio Gandolfi
PARMA - LECCE

DU A ZÉRO
"Guärda, a n' gh'é  miga 'd bali; dmàn vensèmma 'd sicur! A són sicur 'd ciapärog: du a zéro. Al Lecce l'é pericolóz in trasfèrta? E chi s' n'in fréga?. Al batèmma... e basta. L'importànt é che i zugadór dal Pärma i tiron fóra il bali". 
Il "competitor" di Albertone per questa partita è uno dei "grandi" del giornalismo sportivo di Parma, Giorgio Gandolfi, che dice: "Non bisogna pensare che il Lecce è ultimo in classifica. Piuttosto bisogna ricordarsi che in trasferta ha vinto a Bologna e a Cesena e che ha fatto tremare la Lazio perdendo 3 a 2. Insomma, un avversario che va preso con le pinze. Io dico che finirà con un pareggio: 1 a 1  o 2 a 2". Quando Miclòt ha saputo del "vaticinio" di Giorgio Gandolfi, ha detto: "Al me amigh Gandolfi 'd cäls al ne capìssa miga bombén... A schärs, naturalmént, però stavolta a gh ciaparò mi. Sperèmma e vedrèmma".  (mez)

venerdì 16 dicembre 2011

La grande iniziativa del Superblog pramzàn

UN SACCO DI COMPLIMENTI
PER LA CANZONE
“BÓN NADÄL ALA PRAMZÀNA”
Il nostro omaggio natalizio ai parmigiani sta avendo successo e imperversa già su Youtube, con “effetto tam tam” - Siamo stati inondati di mail, sms e messaggi su Facebook per l’iniziativa e di complimenti per come è stata realizzata - Ventisette condivisioni del video su Facebook!
di ACHILLE MEZZADRI
Dire che Bón Nadäl ala pramzàna è già un “tormentone” su Youtube sarebbe una bugia. Ma che sta dimostrandosi un successo è invece verità. La canzoncina natalizia che il Superblog Pramzàn (Pramzanblog, Parmaindialetto e Stadiotardini.com) ha voluto offrire ai parmigiani, imperversa da due giorni su Youtube (ma è anche sui Livestream, attraverso ParmaSera Tv) e le visite sono in continua ascesa. Così come gli indici di gradimento. La canzoncina che ho scritto non è certo un capolavoro, però.......... 
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

mercoledì 14 dicembre 2011

“Bón Nadäl ala pramzàna” è in rete

IL VIDEO È SERVITO
La canzone natalizia scritta e musicata da Achille Mezzadri e prodotta dal Superblog pramzàn (Pramzanblog, Parmaindialetto e Stadiotardini.com), è pronta - Potete trovarla sui nostri siti e su Youtube - Ma il video dovrebbe essere trasmesso presto anche da Tv Parma, che già nei giorni scorsi gli ha dedicato due servizi, nella trasmissione “Bar Sport” e nel telegiornale - Qui raccontiamo come è nata questa canzone e come è stato realizzato il video
di ACHILLE MEZZADRI
Eccoci. È pronto. Senza i potenti mezzi di Mamma Rai o di Mediaset (o anche solo delle nostre tv locali) anche il nostro piccolo grande Superblog Pramzàn è riuscito a produrre il suo primo video: l’ormai nota canzoncina natalizia Bón Nadäl ala pramzàna, scritta e musicata da Achille Mezzadri, papà di Pramzanblog, nonché “socio” di Enrico Maletti (Parmaindialetto) e Gabriele Majo (Stadiotardini.com) nel Superblog. Senza indurre nella tentazione di sbrodolarci addosso, direi in tutta onestà che è venuto bene, grazie all’abnegazione, alla pazienza e alla professionalità di due “figli d’arte”, Steve Mezzadri e Pietro Maletti, che hanno curato le riprese, il montaggio e le sigle. Un lavoro da certosini. Ovviamente, però, non ci sarebbe il prodotto finito se non ci fosse stata la materia prima: lo splendido coro delle Voci Bianche della Corale Verdi, la direzione di Beniamina Carretta, l’arrangiamento della canzone e l’accompagnamento al pianoforte del maestro Roberto Barrali e il coro dei Vip (coristi e solisti) composto da.............
IL TESTO DELLA CANZONE
IL VIDEO

lunedì 12 dicembre 2011

Una nuova esclusiva di Pramzanblog

I REPORTAGE
DI TAMARA BARONI:
BUENOS AIRES
L'ex attrice e scrittrice, che da molti anni vive con la famiglia a Natal, in Brasile, è reduce da un viaggio nella capitale argentina e ora vuole partecipare con i nostri lettori le emozioni che ha vissuto - L'appassionante racconto di dieci giorni tra tangheros, tigri e leoni
di ACHILLE MEZZADRI
Dopo il reportage del febbraio scorso dall'India, Tamara Baroni, l'ex "ragazza copertina" parmigiana degli anni Sessanta e Settanta, diventata poi attrice, poetessa, scrittrice e imprenditrice, torna sulle pagine di Pramzanblog con un nuovo reportage: l'appassionato racconto di un viaggio a Buenos Aires, la capitale dell'Argentina, con il marito Gianni. Tamara era partita verso il Paese sudamericano con alcuni desideri: scoprire l'anima "caliente" dei porteños (così vengono chiamati in Argentina gli abitanti di Buenos Aires), andare a gustarsi qualche partita di polo (che sarà anche uno sport d'élite, ma fa il pieno di pubblico), conoscere i tangheros e accennare a qualche passo di danza con loro, visitare l'incredibile zoo di Lujan, a 200 chilometri da Baires, dove i visitatori possono entrare tranquilli nelle gabbie dei leoni e delle tigri e giocare con loro senza rischi.
Ebbene, Tamara ha esaudito tutti questi desideri e, appena tornata dal viaggio, vuole partecipare le sue emozioni con i lettori di Pramzanblog. Un reportage interessante e pieno di sorprese. Vale la pena di leggerlo. (a.m.)
IL REPORTAGE DA BUENOS AIRES

La nuova puntata di "Su il sipario"

GLI AMICI DELLA LIRICA
DEL CRAL CARIPARMA
HANNO
"CONQUISTATO" MILANO
La puntata di oggi è dedicata in buona parte  alla trasferta che gli Amici della lirica hanno compiuto a Milano, dove allo storico Teatro Carcano è andato in scena un applauditissimo concerto con Anna Pirozzi, Roberto Costi, il violinista Leonard Simaku e il pianista Roberto Barrali - Al resoconto dell'applauditissima esibizione milanese Zoppi ha poi aggiunto in questa puntata il ricordo di Melchiorre Luise, per la serie "Quelle sere al Regio" - La rubrica comprende anche il quiz e il programma di una grande "Carmen" a Philadelphia
Paolo Zoppi, modesto come sempre, ha fatto finta di niente e l'ha buttata lì in modo pacato: abbiamo fatto un concerto a Milano. Ed è vero. Ma che concerto, e dove: al prestigioso e storico Teatro Carcano. Gli Amici della lirica del Cral Cariparma, presieduti appunto da Paolo, non contenti dei successi dei loro concerti al Del Carmine, hanno semplicemente... conquistato Milano, andando a organizzare un concerto nella città della Scala... Un "concerto natalizio" con Anna Pirozzi, Roberto Costi, il violinista Leonard Simaku e il pianista Roberto Barrali. Un successone, e Zoppi ne parla diffusamente nella nuova puntata di "Su il sipario", che è la 106esima della serie. Sì, il traguardo bellissimo delle 100 puntate ci era sfuggito, e lo solennizziamo oggi. Per la serie "Quelle sere al Regio" viene poi ricordato Melchiorre Luise, che cantò nel nostro teatro in sei produzioni, dal 1931 al 1957. Infine le due sottorubriche:  "A tutto quiz", nella quale stavolta bisogna riconoscere un famoso cantante (non riconosciuto la settimana scorsa) e la serie delle locandine storiche.
(Nella foto: da sinistra Leonard Simaku, Anna Pirozzi, la vicepresidente degli Amici della Lirica, Monachesi, Roberto Costi e Roberto Barrali)

domenica 11 dicembre 2011

Quelle che il basket - Serie A1

VAI LAVEZZINI!
VITTORIA NETTA
Le ragazze di coach Procaccini hanno battuto il Bracco Geas Sesto 76 a 66
Nella nona giornata di campionato una strepitosa Adriana (nella foto), 25 punti, ha trascinato a una meritata vittoria le gialloblu contro il Bracco Geas Sesto (76 a 66). Il Lavezzini è tornato così a conquistare i due punti dopo quattro sconfitte consecutive.

Cór crozè - L'opinione di Michelotti

CON FLOCCARI
L'É N'ÄTRA ROBA
CAGLIARI - PARMA 0-0 A gh'é da dir subit che con Floccari l'é n'ätra roba. Con Pellè l'é cme magnär di anolén cól pan razù e con Floccari cól formaj 'd montagna äd 30 méz... Al parègg' d'incó? Pu che giusst. Mo Galloppa l'à zbaljè un goll a l'ultom secónd! Ragas, che rabja!
Com'è stato il primo tempo?
Nel primo tempo ho visto un Parma in salute, sicuro di sé.  A s'é capì subit che la partida l'arìss ciapè 'na piga giussta par nuätor. A m' dispiäz ch'é andè fóra Giovinco, infortunè. Ci ha rimesso lo spettacolo. Però, insomma, j'ò visst un bél Pärma.
E il secondo tempo?
A gh'éra frèdd e in-t-al secónd témp il do scuädri j éron pu  botonädi, in particolär al Pärma. Noiätor èmma visst la bala al trentotézim... Comunque a gh'l'èmma caväda a fär rizultät.
Mirante?
Bene. Sicuro, tranquillo. L'à anca fat do, tre béli usìdi.
La difesa?
I m'én piazù tutti anca incò. E anca al céntor camp.
E le mezze punte, Biabiany e Giovinco?
Pericoli continui per la difesa avversaria. Peccato che Giovinco al s'é fat mäl. Al so post al mister l'à miss su Palladino, mo po dopa al l'à tirè fóra par mettor su Modesto. E Palladino l'éra miga contént...
È tornato Floccari...
Par fortón'na. Chilù l'é un zugadór important, al sa sémpor indo' andär con la bala, e po al gh'à un gran feeling con Giovinco. Floccari l'é vón ch'al ne va mäi zò 'd carzäda.
Il migliore del Parma?
Gnàn da dir: Floccari. Però seguito da Biabiany.
Il peggiore?
A digh la vritè anca stavolta: nisón. L'é un bón momént.
Che voto dai oggi a Colomba?
Dagh un séz e méz... ch'al fa rima con la féra 'd Ravadéz...
Michelotti e Giuseppe Milano ci hanno preso con il loro "vaticinio": entrambi hanno previsto un pareggio, 1 a 1, anche se è finita 0 a 0.
Sì, l'äva ditt eh? Stavolta an  zbalj miga... Bräv anca Milano, però...
pramzan45
(Revisione delle parti dialettali di Giuseppe Mezzadri)

sabato 10 dicembre 2011

Il vaticinio di Michelotti

STAVOLTA A N' ME ZBALJ
GNÀN A MORIR:
DMÀN A PARZÈMMA
La voce più amata dell'Oltretorrente indossa le veste di indovino e prevede, con motivazione, il risultato della partita del Parma - E gareggia con uno dei volti più noti di Tv Parma, Giuseppe Milano
CAGLIARI - PARMA

VÓ A
"Guärda, dmàn l'andrà a fnir con un parègg'. Stavolta a n' me zbalj miga, gnàn a morir. Sia ch'al zuga Floccari in atàc, sia ch'al zuga Pellè. Ormä al Pärma l'ha fat vèddor ch'al gh'à anca grénta, determinasjón: necesäri par pèrdor miga a Cagliari. Mi digh vó a vó". 
Il "competitor" di Albertone per questa partita è uno dei volti più noti e amati di Tv Parma, Giuseppe Milano, che dice: "Sono sicuro che il Parma farà una buona partita e che il risultato sarà molto positivo per noi. Credo in un pareggio, un bel 1 a 1 con il Parma che va in vantaggio e poi si fa rimontare. Insomma, i crociati disputeranno una partita buona, andando vicinissimi alla vittoria". Quando Miclòt ha saputo del "vaticinio" di Giuseppe Milano, ha detto: "Alóra stavolta agh' ciap'rèmma tutt do... Sperèmma e vedrèmma".  (mez)


La ricettività alberghiera a Parma

ALLA SCOPERTA
DEI BED & BREAKFAST
La stanza
Nella nostra città esistono alberghi per tutti i gusti e tutte le tasche, dalla raffinatezza delle prestigiose suites di Palazzo dalla Rosa Prati, a fianco del Battistero, alle soluzioni più modeste ma soddisfacenti - Esiste però anche un mondo discreto e poco pubblicizzato, dove “l’atmosfera di casa” si abbina alle esigenze delle più raffinate soluzioni alberghiere - È il piccolo grande mondo dei bed & breakfast - Oggi parliamo di “Al Battistero d’oro”, in strada Sant’Anna
di ACHILLE MEZZADRI
Il salone dell'appartamento












Grazie alla meravigliosa “avventura” di Pramzanblog ho avuto la fortuna, in questi ultimi tre anni e mezzo, di riscoprire di volta in volta le più diverse sfaccettature della mia città che, alla ricerca dell’Eldorado del giornalismo, volli abbandonare nel lontano 1971. E ora, continuando a monitarorla da lontano, vedo che, sì, è cambiata tantissimo: nei negozi, nei palazzi, nelle piazze martoriate dai gazebo, nei vecchi quartieri dove una volta trionfava la parmigianità e che ora sono irriconoscibili. Ma l’aria, quell’aria raffi-nata e snob da ex petite capitale, è rimasta. E lo si vede dall’eleganza, dal gusto, dalla raffinatezza, che sono diventate ormai il nostro distintivo. Anche il tempi di crisi. I giovani, quelli delle “vasche”, quelli delle “movide”, sembrano presi dal set di un film sulla moda. E molti “giovani di ieri” li vedi camminare disinvolti, Armani-vestiti, per via Farini, per via Mazzini, per via Cavour, con cappelli a larghe tese, con quell’aria.......
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

giovedì 8 dicembre 2011

La nuova gag dei due cabarettisti

 GINO E DINO TRA GLI ALIENI


Divertente anche la nuova apparizione di Luigi Furlotti (Gino) e Aldo Musci (Dino) nell'anteprima di "Striscia la notizia" di ieri sera. Hanno interpretato la parte di due improbabili alieni che, appena arrivati sul nostro pianeta e venuti a conoscenza della crisi mondiale che si sta vivendo, se la sono... data a gambe. Insomma, nuovo exploit della coppia, che piano piano (ma neanche tanto piano) sta scalando i gradini della popolarità nazionale. Sempre, finora, con il "marchio Iacchetti", il popolare Enzino che li sta lanciando mica da ridere. Grazie a lui, infatti, partecipano spesso a "Striscia" e fanno parte anche del cast del suo cd "Acqua di Natale", che sta scalando le classifiche. Gino e Dino, con Iacchetti, faranno nuova pubblicità al cd, assieme all'altra parmigiana, Silvia Olari, domani, venerdì, all'inaugurazione di un nuovo locale a Medesano.


mercoledì 7 dicembre 2011

L'Ambrogino d'oro a Bergonzi

MILANO HA CELEBRATO
LA GRANDEZZA
DEL TENORE VERDIANO
DEL NOVECENTO
Pramzanblog ha seguito, al Teatro Dal Verme di Milano, la cerimonia della consegna delle civiche benemerenze, il premio Ambrogino d'oro, l'equivalente meneghino del nostro Premio Sant'Ilario - Tra i premiati il "nostro" Carlo Bergonzi, impossibilitato a intervenire per motivi di salute - Ha ritirato la medaglia d'oro per lui una commossa Adele Maini, la moglie
 di ACHILLE MEZZADRI
Lui, Carlo Bergonzi, non ha potuto essere presente, questa mattina, alla consegna degli Ambrogini d'oro, la massima civica benemerenza di Milano, l'equivalente del nostro Premio Sant'Ilario. Malanni seri e l'età, 87 anni, gli hanno impedito di andarsi a prendere l'ennesima ovazione.  Ma immaginiamo che gli sia scesa una lacrimuccia, nel suo bell'attico nei pressi del Palalido, mentre aspettava la moglie, Adele Aimi, 81 anni, che è andata a ritirare il premio per lui, dalle mani del sindaco Giuliano Pisapia. Gli applausi sono stati tanti mentre lei, con la medaglia e la pergamena appena ricevute, attraversava il palcoscenico del Dal Verme per tornare al suo posto, accanto ai suoi due "angeli custodi" di oggi, due cari amici di famiglia, Giovanna Colombo, presidente del Museo Renata Tebaldi e Pepe Rosello, vicepresidente (venuto appositamente da Ibiza). "Il mio Carlo sarà felice appena avrà tra le mani questa medaglia. Corro a casa perché Carlo è in smania, non vede l'ora di avere tra le mani questo nuovo riconoscimento, l'ennesimo della sua grande carriera e della sua vita, ma uno dei più importanti, perché Milano è la città dove viviamo da più di mezzo secolo e per lui l'Ambrogino d'oro è un grandissimo onore". Ecco il testo della motivazione dell'Ambrogino d'oro assegnato a Bergonzi: "È ritenuto uno dei più grandi interpreti dell'opera verdiana, milanese da oltre cinquant'anni, ha dedicato alla lirica la sua lunga carriera di tenore. Apprezzato a livello internazionale, le sue interpretazioni delle opere di Verdi, sorrette da un'eccellente preparazione tecnica, vengono considerate da pubblico e critica, delle pietre miliari per gli accorgimenti stilistici e vocali".
(Nelle foto: 1) Carlo Bergonzi; 2) Adele Aimi Bergonzi riceve gli applausi del pubblico; 3)  Adele Bergonzi posa con il sindaco Giuliano Pisapia, 4) Adele Bergonzi sul palcoscenico del Dal Verme; 5) La signora Bergonzi con l'amica di famiglia Giovanna Colombo, presidente del Museo Renata Tebaldi; 6) Prima di lasciare il Teatri Dal Verme Adele Bergonzi mostra il premio assegnato al marito; 7) Fuori dal teatro la signora Adele mostra la pergamena con la motivazione, tra gli amici Pepe Rosello, venuto appositamente da Ibiza e Giovanna Colombo).