/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

giovedì 23 dicembre 2010

Una foto, una storia -143-

"CARO DE NIRO,
LEI È STATO NOMINATO"

La scena, vista con gli occhi di oggi, è spassosa. Fontevivo, autunno 1974: alla porta di una villetta senza campanello, bussa Giovanni Ferraguti, dotato dell'inseparabile macchina fotografica. Apre, meravigliato e infastidito perché sorpreso in un rifugio che credeva segretissimo, Robert De Niro, impegnato nelle riprese di Novecento di Bernardo Bertolucci. "De Niro, lei ha ricevuto la nomination all'Oscar", dice Ferraguti. "Lei è matto", risponde De Niro. Come andò a finire l'incontro - battibecco lo potete vedere nella nuova puntata della rubrica Una oto, una storia, che Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti.
☞ DE NIRO E LA NOMINATION

Nessun commento: