O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 21 dicembre 2010

Una foto, una storia -142-

QUANDO I BURATTINI
DEI FERRARI
FINIRONO
A UNA BANCA

Giovanni Ferraguti, nella sua rubrica "Una foto, una storia", che firma con lo pseudonimo di Gion Guti e con la quale ripercorre il recente passato della nostra città, rievoca questa volta il grande rischio corso dalla straordinaria collezione dei burattini dei Ferrari, che finì al Banco di Sardegna. Fortunatamente i funzionari dell'istituto di credito capirono subito che non avrebbero saputo che farsene di Fasolén e Bargnòcla, così rivendettero la collezione al Comune. Poi, nel 2002, nacque il Teatro dei Burattini. Cliccando cui sotto potrete rivedere, con i burattini, i Ferrari di ieri (purtroppo tutti scomparsi), Giordano con la moglie Bianca Anesi e i figli Gimmi e Luciano.
I BURATTINI DEI FERRARI

Nessun commento: