O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 12 dicembre 2010

Una foto, una storia -138-

QUANDO BERTOLUCCI
FACEVA IL PIRATA
ALLA CORTE
DELLE PIACENTINE

Nell'estate del 1974 Bernardo Bertolucci cominciò a dirigere uno dei suoi capolavori, Novecento, all'antica Corte delle Piacentine, vicino a Roncole Verdi e spesso si presentò sul set con un occhio bendato. Sembrava un pirata. Ma, look del regista a parte, il film, dopo 42 settimane di riprese e un lungo montaggio, nel 1976 divenne un grande successo, almeno in Italia. Grazie anche a un cast straordinario, con attori come Burt Lancaster, Robert De Niro e Gérard Dépardieu. Ovviamente Giovanni Ferraguti non si lasciò perdere le riprese di quel grane film e "catturò" l'immagine di Bertolucci - pirata, che ora ripropone nella sua bella rubrica "Una foto, una storia", a firma Gion Guti. Cliccate qui sotto.
☞ QUEL PIRATA D'UN BERTOLUCCI

Nessun commento: