O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 4 dicembre 2010

Una foto, una storia -135-

C'ERA UNA VOLTA
LO "STRILLONE"

Te li trovavi dappertutto, gli strilloni, a volte anche a sera inoltrata o all'alba. Lo "strillone" attraversava la città con la sua bicicletta tapezzata di locandine del giornale e "strillava" le notizie più importanti. Da molti anni gli "strilloni" non ci sono più perché ci sono modernissime tecnologie che permettono la diffusione istantanea delle notizie. Per esempio Twitter, che spesso viene usato (anche dai "media") per dare anticipazione delle news in tempo reale. Ma del tempo romantico degli "strilloni" resta traccia grazie anche a Giovanni Ferraguti, che nella nuova puntata di "Una foto, una storia", a firma Gion Guti, ci fa vedere appunto Marzio, l'ultimo "strillone" della nostra città, in una foto del 1980. Cliccate qui sotto per vederlo.
☞ LO STRILLONE, L'ANTENATO DI TWITTER

Nessun commento: