O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 1 dicembre 2010

Una foto, una storia -133-

I MUSULMANI
NELLO STANZONE
Ora a Parma ci sono le moschee e con il continuo afflusso nella nostra città di persone di religione islamica (attualmente sono più di diecimila) il Comune è sempre alla ricerca di nuovi spazi. Ma solo quindici anni fa la situazione era molto più semplice. I "nuovi parmigiani" di religione islamica erano attorno al migliaio e per riunirsi a pregare rivolti alla Mecca era sufficiente lo stanzone di un vecchio palazzo dedlà da l'àcua. Per vedere come andavano le cose allora basta cliccare qui sotto per leggere la nuova puntata di "Una foto, una storia", a firma di Gion Guti.
☞ L'ISLAM A PARMA

Nessun commento: