O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 17 dicembre 2010

Un documento "vintage" torna d'attualità

QUELLA TRAVERSATA
IN DELTAPLANO
DI VENTIDUE ANNI FA...

La recente intervista a Guido Dalla Rosa Prati ci ha fatto tornare alla mente un'impresa che il direttore del Centro Diagnostico Europeo e i suoi due fratelli Ludovico e Vittorio compirono nel luglio 1988: l'attraversamento del Tirreno in staffetta, da Marina di Pisa all'isola della Maddalena, con un deltaplano a motore

Sembra ieri. Invece sono già trascorsi 22 anni... La recente intervista a Guido Dalla Rosa Prati, il direttore del Poliambulatorio Dalla Rosa Prati - Centro Diagnostico Europeo, ci ha fatto ricordare, dopo la pubblicazione, un'impresa che i fratelli Dalla Rosa Prati, Guido, Ludovico e Vittorio, compirono il 27 luglio 1988. Ne avevamo già fatto cenno su Pramzanblog il 20 aprile 2009. Ebbene, quel 27 luglio era un mercoledì. Con una staffetta a tre, Guido, Ludovico e Vittorio furono i primi ad attraversare il Tirreno, da Marina di Pisa all'isola della Maddalena, con un deltaplano a motore, un Atlas 21, con barra modificata speed-bar, trim con elastico a mano e bussola. L'impresa destò a quel tempo un certo scalpore e fortunatamente è approdata su Youtube. Così ora Pramzanblog, attraverso il suo canale Pramzanblog Tv è in grado di riproporla ai suoi lettori. Molti se la ricorderanno, molti no. È un documento di 4 minuti, molto interessante.
IL FILMATO SU PRAMZANBLOG TV

Nessun commento: