/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

sabato 20 novembre 2010

Una foto, una storia -129-

IL CARO ESTINTO
FU ACCONTENTATO
CON UN FUNERALE
OTTOCENTESCO
Era il 1985. Chi passò una mattina in piazza Duomo, vide davanti alla cattedrale una scena surreale: erano in attesa un landò funebre, un cavallo ornato a lutto, un cocchiere e un uomo delle pompe funebri vestiti con abiti ottocenteschi. Qualcuno pensò che si trattasse della scena di un film. Invece no. Si tratttava proprio di un funerale vero. Un signore da poco deceduto, prima di morire aveva manifestato il desiderio di avere un funerale ottocentesco e i suoi familiari l'avevano accontentato. Se volete vedere la scenetta non dovete far altro che cliccare qui sotto e andare a leggere la nuova puntata della rubrica "Una foto, una storia", che Giovanni Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti.
☞ IL FUNERALE... OTTOCENTESCO

Nessun commento: