O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 13 novembre 2010

Una foto, una storia -126-

E BILLY DECISE
DI NON DORMIRE PIÙ

Nel gennaio del 1964 furono molti i parmigiani che si recarono in un bar di viale Fratti per assistere a un tentativo di record molto originale: riuscire a star svegli per giorni e giorni, il più possibile. Lo stava realizzando Giuliano Fantoni, detto Billy. Il giovane riuscì non dormire per 12 giorni, acquisendo così il diritto di entrare nel Guinness dei primati. Ma poco tempo dopo fu battuto da un finlandese. Comunque Billy non si scoraggiò e puntò a un altro record. Quale? Per saperlo andate a leggere la nuova puntata di "Una foto, una storia", che Giovanni Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti.
☞ SVEGLIO PER DODICI GIORNI

Nessun commento: