O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 2 novembre 2010

Una foto, una storia -120-

E ANCHE A PARMA
ARRIVARONO
I GRATTA E VINCI

Nel febbraio del 1994 l'Italia cominciò ad essere "inondata" dai primi "gratta e vinci", quei tagliandini che, allora gestiti solo dallo Stato, promettevano di dispensare fortuna: bastava una "grattatina". I primi si chiamavano "La fontana della fortuna" perché portavano l'immagine della Fontana di Trevi. Con una grattatina si poteva vincere dalle 2000 lire ai 100 milioni. I parmigiani dimostrarono di gradire la novità e i tabaccai, dove venivano venduti i tagliandi, ringraziavano. Ma quale fu il motivo addotto dallo Stato per lanciare i primi "gratta e vinci"? E che "volto" aveva quel primo tagliandino? Per saperlo basta leggere la nuova puntata della rubrica "Una foto, una storia", che Giovanni Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti. Cliccate qui sotto.
☞ I PRIMI "GRATTA E VINCI"

Nessun commento: