O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 2 novembre 2010

La pioggia ha abbattuto la storica pianta

È CROLLATO
IL CEDRO DEL LIBANO
DAVANTI
AL TARDINI

Ormai in cattivo stato, non ha resistito al maltempo delle ultime ventiquattr'ore - È caduto al suolo alle 22 di ieri sera, davanti alla palazzina Liberty, sede della biglietteria e del settore giovanile crociato

Dopo "Giso" Toscani un altro grande vecchio amico del Parma se ne è andato. Stavolta non si tratta di una persona, di un ex calciatore come Toscani, ma di una pianta. Sì, lo storico cedro del Libano che ha fatto compagnia da sempre ai tifosi del Parma, la pianta che ha visto gioie e dolori davanti alla Palazzina Liberty, sede della bigliettetia e del settore giovanile crociato, è crollata ieri sera, verso le 22. Abbattuta dall'età, sembra che avesse due, se non tre, secoli di vita, e dal maltempo che le ha dato il colpo di grazia. Sono accorsi i Vigili del fuoco e la polizia municipale, ma anche il capitano del Parma, Stefano Morrone (con famiglia), Mirco Levati, responsabile delle relazioni esterne e presienziali e Stefano Perrone, delegato alla sicurezza del Parma. Le foto che pubblichiamo ci sono state gentilmente concesse da Stadiotardini.com, il sito diretto da Gabriele Majo.
LA NOTIZIA SU STADIOTARDINI.COM
LA NOTIZIA SU SETTORE CROCIATO

1 commento:

e.piovani ha detto...

peccato... Un altro bell'albero di Parma che non c'è più e che si somma a quelli volontariamente tagliati (via Kennedy, stazione...etc).