/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

lunedì 15 novembre 2010

Il raduno di ieri al “De La Salle”

DENTRO AL FUTURO
MA IL CUORE
È NEL PASSATO

Ieri si è svolto l’annuale incontro degli ex allievi dell’istituto guidato dai Fratelli delle Scuole Cristiane, per la prima volta nella sede di via Berzioli - Tutti contenti della nuova “location”, perfetta, tecnologica e rivolta al futuro, ma nella maggioranza è rimasta la nostalgia dell’edificio di vicolo Scutellari - Il Visitatore della Provincia Italia, fratel Donato Petti, ha annunciato la probabile apertura dell’Università De La Salle - Durante il raduno è stato proiettato su uno schermo il saluto dell’ultrarunner, lasalliano, Paolo Bucci, in partenza per la maratona non stop di quasi 600 chilometri nel Sahara egiziano - Nel pomeriggio è stato ricordato fratel Gianfranco Polimeno, a cinque anni dalla scomparsa
di ACHILLE MEZZADRI
servizio fotografico di ANDREA MEDICI
Quando si dice la nostalgia. Si sa che è un “vizio” pericoloso, soprattutto quando vi ci si abbandona senza rete, chiudendo gli occhi alla realtà che ci circonda. Ma è difficile da estirpare, la nostalgia, quando si pianta, si voglia o no, nel cervello e nel cuore. Così ieri negli occhi degli ex allievi lasalliani che si sono incontrati nella sede nuova, in via Berzioli, sono scorse le immagini attuali, vive, pulsanti di vita, delle nuove aule, dei nuovi corridoi, della nuova palestra, del nuovo tutto che più nuovo non si può, e meraviglioso, e tecnologicamente all’avanguardia (grazie geometra Saverio Borrini), ma nel cuore c’era “lei”. La scuola dove........
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

1 commento:

Anonimo ha detto...

Articolo bellissimo, bravo Achille! Io non ho potuto esserci come tu sai, ma hai fotografato in pieno anche i miei sentimenti.
Angelo