O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 30 novembre 2010

Il grande concerto “Parma canta per la Sla”

UNA SERATA MAGICA
DIETRO LE QUINTE

Come è ormai abitudine di Pramzanblog in occasione dei grandi eventi, anche stavolta il nostro giornal - blog tutto pramzàn ha voluto dare una sbirciatina dietro le quinte del Regio per seguire le gioie, le tensioni, i comportamenti dei protagonisti di una serata da incorniciare
di ACHILLE MEZZADRI

Bello gustarsi uno spettacolo lirico del Regio seduti su una poltrona di platea, o da un palco, o dal loggione. Perché la musica e le voci dei cantanti ti entrano nelle vene, nelle ossa, nel cuore. Perché Verdi, Bizet, Cilea, Puccini, Rossini e via e via sanno accendere ancora, e sarà così sempre, le corde della passione musicale. Ma provate, se avete la fortuna di poterlo fare, a seguire un concerto, come ho fatto io ieri sera, dietro le quinte. Anche lì la musica ti avvolge, ma arriva più filtrata, più discreta, mentre lo spettacolo a cui puoi assistere è un evento in più. Puoi entrare nel vivo della passione, diventare partecipe di tensioni, emozioni, capire che cosa passa nel cuore e nella mente di un artista quando qualcuno gli dice “vai, tocca a te”. Il pubblico è là, fuori, che lo aspetta e lui in smoking o addirittura in frac e con papillon d’ordinanza, o lei sfavillante in abito da sera, entrano in scena con il cuore che batte forte e la voce pronta a liberarsi in gorgheggi, acuti e quant’altro. E poi, quando hanno finito, li vedi tornare soddi-sfatti, circondati dai colleghi che li ab-bracciano, che li stringono in gesti d’affetto. Intorno i pompieri vigilano, ma come si fa ......
(Nelle foto: 1) Francesco Canali con i suoi "Angeli custodi", Andrea Fanfoni, Claudio Rinaldi, Gianluca manghi e Gianfranco Beltrami; 2) Francesca Strozzi)

LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO

Nessun commento: