O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 28 ottobre 2010

Una foto, una storia -119-

IL PRANZO PRAMZÀN
DEI MARINAI
IN GOLFO PERSICO

Nel 1987 la Marina italiana era presente nel Golfo Persico con un migliaio di marinai per garantire il passaggio delle navi mercantili nello Stretto di Hormuz. Compito molto delicato e difficile. Impegno che sensibilizzò il Consorzio di Parma Alimentare che volle offrire un natale "in famiglia" ai nostri marinai. Così venne organizzato un grande "pranzo di Natale" sotto le direttive dei nostri cuochi Massimo Spigaroli e Franco Soncini (Baule), a base di anolini, prosciutto di Parma e... fiumi di lambrusco. Poteva mancare Giovanni Ferraguti a quell'evento? Certo che no. Così Giovanni documentò la festa militar - gastronomica e ora la ripropone con una bella foto nella rubrica "Una oto, una storia", che firma con lo pseudonimo di Gion Guti. Cliccate qui sotto per vederla.
☞ IL PRANZO PRAMZÀN DEI MARINAI

Nessun commento: