O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 9 ottobre 2010

Una foto, una storia -111-

LA PROTESTA
TRA LE COLONNE
DEL REGIO
DEGLI OPERAI
DELLA BORMIOLI
La fine egli anni Sessanta fu caratterizzata, ormai è storia che si studia sui libri, dalla contestazione. Prima quella studentesca che poi si allargò a macchia d'olio in vari strati sociali. Anche il Teatro Regio fu toccato dalla contestazione, prima con quella storica del '68, quando i contestatori, con lancio di uova marce, rischiarono di far saltare l'inaugurazione della Stagione lirica. Poi l'anno seguente fu la volta degli operai della Bormioli, che davanti al colonnato del Bettoli, inscenarono la loro protesta contro la cassa integrazione incombente. Giovanni Ferraguti, il curioso della cronaca, documentò anche questo episodio, che ora possiamo rivedere nella rubrica "Una foto, una storia", a firma di Gion Guti. Cliccate qui sotto.

Nessun commento: